solo vento oggi .. solo vento

canzone che ho sempre con me… (clicca qui!) e amo imperturbabile…

scrivo. cosa non so. ho voglia desiderio necessitè  di scrivere per far muovere le dita sulla tastiera amica. Sento la necessitè  di battere forte sulla tastiera come bere mangiare respirare dormire come ossigeno nelle vene e come lavoro nella mia fantasia… una fantasia che mi porta via… lontano e subito immediatamente vicino..

oggi l’Alba è arrivata più tardi… mi sono svegliata alle 6.47 ed era giè  giorno… niente aurora quest’oggi e giè  mi sono sentita fuori orario fuori dai miei bioritmi che sanno, assomigliano a quelli di un eremita che assapora il colore della vita pur restandone fuori.. sia per scelta onirica che per le scelte che la vita stessa fa… La via è sempre la stessa stesse case e stessi colori pastello… cambia il cielo tutte le volte… mi sveglio, fumo due marlboro.. Wisky dorme ancora .. poi si sveglia lentamente anche lui e si avvicina a me dolce dolce… respiriamo insieme il mattino…

guardo l’ora… e comincio a vestirmi di fretta .. il pane caldo mi aspetta non ho tempo mi dico, di corsa forza Vanna… corri… il piumino le sigarette l’accendino.. le clocks blu e via verso il sapore di fornaio e pane caldo… niente. Trovo chiuso. Mi rassegno subito come la vita mi ha insegnato a fare. L’immediata rassegnazione che mi contraddistingue da tanto tempo… e corro al bar.. vicino casa. Mi accorgo di essere nervosa questo mattino, molto nervosa come non ricordavo più… come nella mia vita precedente, quando i nervi.. erano vigili.. nervosi.. nervosissimi… mi fumo una sigaretta all’aperto e scorgo nuvole rosa all’orizzonte.. non mi consolano.. penso al pezzo da scrivere qui sul mio personal blog… e mi sovvengono canzoni nella mente che non sono in armonia con me… ecco! l’ego lo sento vibrare.. nervosa e scontrosa contro il vento e con la mia vita e guardo il cielo… un cielo indifferente a me ed io a lui… cielo con soffitte di nuvole timide rosa che volevano salutarmi tuttavia…

torno a casa.. le braccia tremano.. ricordo di me, e ricordo di una rabbia immensa dentro.. ma non è un ricordo bensì realtè … la mia dolcezza non c’è … anzi una rabbia quasi atavica grande come una grande montagna è dentro.. e mi sovviene un mio amico che l’ha vista l’ha riconosciuta… ed io non so che farmene di questa rabbiositè  accumulata.. non mi resta, mi sono detta, che accettarla, forse chissè … non nasconderla, non vergognarmene… anzi poterla trasformare… chissè  che accadrebbe… mi ripeto…

poi leggo il giornale svogliatamente notizie devastanti.. come quasi sempre e leggo sbrigativamente l’oroscopo… tutto qui da raccontare oggi, un giorno in cui mi riconosco e un giorno (forse il primo) che ho paura di me… molto..

buona giornata a chi legge e a chi no!

un pensiero vola… leggero spero che non ti sorvoli neanche ma solo nella mia mente possa esistere… ancora… un abbraccio fraterno…

smilingdog

Annunci