una luce nuova

è un giorno nuovo una domenica mattina ventilata.. quasi quasi serena.. dopo sogni dolci colorati color pastello delicati rosa pallido .. sogni come disegni delicati.. mi sono svegliata serena .. senza di te..

.. serenamente mi sono fumata una sigaretta salutando Wisky IV che mi ha guardato negli occhi dolcememente come lui sa fare.. abbiamo gli stessi ritmi.. abbiamo dormito quasi 12 ore di fila e ci siamo svegliati nello stesso momento.. mi piace questa simbiosi e i sogni appesi alle nuvole di questa notte con te che mi indicavi la strada.. dell’amore.. come se all’improvviso avessi le idee più chiare.. il cuore molto più aperto.. ed il cielo molto più limpido.. l’ombra tenera degli alberi le cui fronde rinfrescano l’anima mi hanno fatto intendere che tu sei vicino a me.. e sorrido lieve e leggera.. e sì qui siamo di passaggio e non solo.. come un velo trasparente diventano i miei sentimenti.. bianchi e rosa.. pallidi come te.. pallidi e belli come te.. io e te all’unisono.. Wisky anche con me te e i miei amori.. antichi e non.. a colori comunque sempre a colori.. ieri è vicino e lontano .. è domenica mattina .. il ventilatore che non tradisce nel tempo gira e rigira lento.. Wisky sta ronfando vicino a me.. il silenzio è tutto intorno .. mi accendo veloce una sigaretta.. sono giè  uscita per far colazione.. ho letto una splendida poesia di un carissimo mio amico .. meravigliosa.. ho ascoltato un po’ di musica.. indossato la mia tuta grigia una maglia che viene da Atlantic City grigia anche lei.. un paio di vecchie clocks e via verso il bar vicino casa.. Max cortese al suo posto .. un caffè un sandwich per il mio pranzo.. e un paio di sigarette al vento all’aperto mentre guardavo il cielo azzurro pallido ma senza una sola nuvola e persone con motorini e auto che passavano per recarsi al mare.. giorno di mare.. io intanto fumavo leggera leggera..

dormire tanto con sogni bellissimi al di lè  quasi quasi nel cielo.. ti fanno sentire più leggera.. e il giorno appena iniziato mi fa sentire ottimista.. di buon umore.. è giè  un nuovo giorno.. sono le 10.59.. non ho voglia di starmene in mezzo alla confusione.. e me ne sto in casa.. tippettando anche veloce .. non ho nostalgia del mare d’estate.. di un bel bagno nelle acque verdi del nostro bel mare.. da tanto tanto tempo.. è un mio limite lo so. in mezzo alle persone non so stare .. ed è sempre più difficile con il trascorrere del tempo.. ma sto bene così anche e molto.. con i miei ricordi danzanti.. con il mio buon umore mattutino.. con i miei caffè freschi di latte nel silenzio delle prime ore del giorno.. le piantine che oggi avevano bisogno di acqua fresca.. ebbene.. sì forse è il uno dei miei limiti.. ma anche uno dei miei pregi.. e fortuna.. starmene bene per conto mio.. non è una domenica lunatica.. oggi sono io con in più sogni d’aria fresca.. senza un’etè .. con me .. l’aria colorata d’azzurro il vento tra i capelli che si sono allungati un pochino.. ed io che continuo… improvvisamente a parlare di te.. mi viene spontaneo.. dal cuore.. il deserto si fa sentire a volte.. soprattutto in mezzo alle persone.. quando la concentrazione dei sentimenti diventa confusione.. la qual cosa non mi piace … oggi sono centrata in me.. dentro di me ..

sospiro ora.. anche tu parti.. vai via di qua.. così giovane e bello.. ed hai ragione tu.. dico io aggiungo io.. così la nostalgia fa capolino.. un capolino color rosa come il colore della tua anima.. la nostalgia e la paura insita di non rivederti.. le distanze esistono.. le distanze uniscono cuori desertici.. desertici… sempre di più.. non ho paura di restar sola.. questo un mio demone.. la paura di rimaner sola.. ma ancora non è accaduto.. e quando accade oltre lo stupore e appunto la paura.. mi preparo un caffè.. mi accendo una sigaretta.. guardo il cellulare.. toh! una chiamata inaspettata.. due chiacchiere..

scende la sera.. ti sento.. ti penso.. mi addormento.. mi sveglio con le prime luci dell’alba.. un’alba nuova..

un giorno nuovo per me..

smilingdog