profumi notturni

ho poco da raccontare .. sono le 23.22 e sono distesa nel lettone con Wisky IV che sente ancora il caldo estivo.. io meno.. l’aria fuori è fresca ed ho appena terminato di vedermi un bel film in tv.. la tv questa misteriosa per me.. che non guardo mai e quando capita di vederla resto ipnotizzata come quando ero bambina… letteralmente ipnotizzata come ora davanti ai video del pc.. alla musica con tutti i suoi balletti e concerti…

intanto qui è scomodo scrivere così appoggiata su di un lato, la finestra è aperta e i miei vicini di casa non sembrano essere andati a dormire.. non ho tante parole da dire oggi.. le giornate trascorrono così mentre il clima la stagione estiva sembra essere terminata ed il cambio di stagione lo sento nell’aria e nei suoi colori.. respiro un po’ più profondamente.. e mi guardo intorno.. è caldo .. mi accendo una sigaretta e mi accorgo di non aver sonno.. fumo e penso e fumo..

la luce della stanza è fioca .. non l’ho mai cambiata.. una luce bassa e anche un po’ malinconica.. ma la stanza è colorata di vestiti libri e un mobile anni ’70 con i suoi dischi in vinile sembra impreziosirla … qui tutto tace.. la mente è silenziosa come gli alberi lè  fuori.. come la notte ed io non ho sonno.. la carta geografica che Hermano mi regalò tanto tempo fa quando si era ragazzi è ancora sulla parete.. un po’ scolorita.. ma non la tolgo.. è un bel ricordo.. e mi piace ancora.. la mia camera da letto è bianca e il colore predominante è il rosso.. un colore che amo molto.. da sempre.. e casualmente anche i libri sopra il letto sono con la copertina rossa.. insomma .. una camera anni ’80 completamente vintage.. identica alla mia cameretta di quando ero ragazza.. ai miei tempi.. sembra la stessa e la stessa confusione.. la mia.. dove però trovo tutto o per lo meno trovavo tutto.. ora è più difficile.. la confusione però è la stessa..

il rumore delle auto che scivolano veloci sotto casa si sente anche da questa parte di casa.. sono distesa.. con il pc a fianco e le dita che tippettano scomode anche loro ma che non vogliono fermarsi.. sorrido tra me e me.. e mi accendo un’altra sigaretta.. ed ho come l’impressione mentre scrivo qui sul blog di essere meno isolata.. più in compagnia di me stessa.. anche se con Wisky sono stata davvero quasi quasi bene.. un gran silenzio interiore che significa quasi un senso di pace.. e senza tante parole.. io e Wisky insieme.. caffè sigarette casa.. libri.. l’ombra di pomeriggi fumati tra le piantine sul balconcino .. insomma forse avevo bisogno di ristorare le mie forze.. e starmene per conto mio.. tutto sommato ha significato una buona qualitè  di vita.. se non ci si lascia prendere dalle preoccupazioni del futuro.. senza troppe ansie dall’esterno che rievocano ansie interiori che poi alla fine mi appartengono anche.. ma la vita (od anche io non saprei) sembra scegliere per me momenti di oasi tra dune desertiche e tutto il mondo fuori è lontano.. ma poi quale mondo?.. se non le tue aspettative? aspettative che hanno secoli ormai.. e che se guardi bene bene.. neanche esistono più.. respiri più profondamente.. ti accendi un altra sigaretta e il silenzio notturno prende forma.. provi un senso di piacere nel respirare il profumo dei fiori notturni e ti accendi una nuova sigaretta.. dovrei rileggere Epicuro ed i suoi pensieri.. che tanto mi piacquero quando ero una ragazzina .. la sua filosofia mi aveva completamente conquistato dovrei rileggerlo sì.. e mi accorgo che mentre scrivo e fumo e sono.. i miei sensi si accentuano.. l’udito.. l’olfatto.. meraviglioso olfatto fatto di profumi dei profumi della notte e dei suoi colori.. luminosi.. ed anche la vista si ravvede .. ecco sì di notte mi sento libera .. senza nessuno.. tutti sembrano dormire.. ormai qui..

ecco anche oggi ho scritto il post qui sul diario di bordo.. tutto e niente.. un po’ così.. a braccio.. siamo qui.. mi accendo un’altra sigaretta.. tippettare mi ha fatto bene.. come sempre accade.. è ancora comunque estate perchè la notte con i suoi colori e rumori e profumi c’è… è una notte con una grande Luna nel cielo.. anche se da qui.. non si vede..

smilingdog

notti

è notte alta e sono sveglia.. sono le 01.27 ho dormito per quattro ore di fila.. mi sono svegliata con una gran voglia di caffè e latte fresco ed una sigaretta come se fosse mattino presto.. ho guardato l’ora erano solo le 00.00 ed il cielo rinfrescato e scuro.. tutta riposata mi sono alzata.. preparato giustamente il caffè con la mia cuccuma che sembra resistere al tempo.. mi sono seduta sul tavolo e mi sono accesa una amata solitaria e silenziosa sigaretta.. tutta la notte a mia disposizione ed io sono fresca e riposata.. un bel sentire.. un bell’essere.. mi sono detta tranquilla .. serena.. mentre tutto intorno silenzio notturno.. tranne qualche auto che scivola veloce sotto la finestra aperta.. è caldo ma si sta bene un venticello fresco rinfresca l’aria.. la tentazione di uscire subito per guardare il cielo i suoi colori e prendermi un bicchiere di thè fresco c’è stata per un momento poi ho preferito rimanermene in casa con i suoi colori biondi e le mie energie appena rinvigorite da un sonno ristoratore .. il caffè sembrava più buono ed anche la sigaretta sembrava più affascinante.. il tempo tutto a mia disposizione.. la notte alta che amo.. solitaria e no perchè Wisky si è svegliato con me..

sono ora qui sopra il pc dopo aver dato una certa ordinatina sopra il tavolo da lavoro come se avessi fatto chissacchè.. ma un po’ di ordine fa bene anche solo a vedersi ed alla mente.. che non è oppressa ora in questo momento da pensieri oscuri.. da pensieri ombrosi.. è come se fosse mattino presto ed in effetti l’arietta che circola per casa.. è proprio buona.. sono in attesa dell’aurora e dei suoi colori.. l’unica cosa che un po’ mi dispiace è che non si vede alcuna stella nel cielo blu.. e non da stasera.. e la cosa mi dispiace.. è tanto tempo che non vedo un cielo dorato di stelle luminose .. e penso sia dovuto al fatto dell’inquinamento.. non solo dalle scie chimiche.. ma proprio dall’inquinamento di automobili.. ed altre diavolerie.. come se avessimo ucciso il colore reale del nostro cielo.. insomma un disastro.. ..

qui tutto tace.. e sto bene .. Wisky ronfa vicino a me.. e i pensieri diurni lasciano spazio a quelli notturni.. i silenzi notturni sono speciali affascinanti.. e senza aspettative.. esistono e basta.. e i fiorellini di notte sono ancor più belli.. più profumati.. ed anche la casa con le sue ombre e le sue luci sembra più bella come tanti anni fa.. non ho voglia di parlare di me dei miei sentimenti privati.. personali non è il posto nè ne ho desiderio.. anche se farebbe bene a me stessa.. così butterei sul foglio quello che non mi piace.. e non lo terrei nel cuore a farmi male.. mah.. ci penserò .. mi è giè  così difficile aprirmi che è giè  tanto che scrivo sul mio diario di bordo .. non ho più voglia di scendere a compromessi .. sbaglierò ancora.. ma ho bisogno di forze per andare avanti.. e non ne ho tantissime.. ecco tutto qui.. ed è come andarsene via.. ci sono altre parole da ascoltare.. e da leggere.. così decido di prendermi un periodo tutto per me.. per Wisky IV le mie piantine.. e poco altro.. come partire per un viaggio e portarsi dietro poco o niente.. per ritrovarmi.. per ritrovare.. per non farmi sbandare qua e lè .. emotivamente.. e razionalmente.. e psicologicamente.. periodi difficili esistono.. e questo sembra non terminare.. ma anche questo tempo terminerè .. lo so giè ..

decido di uscire.. guardo dalla finestra se il bar vicino casa è aperto.. è aperto! l’insegna dice che è ancora aperto.. esco veloce scendo le scale e sono giù in strada.. la luna stanotte è splendida come sempre del resto.. di un colore rosso e oro insieme una grande mezza luna nel cielo terso e buio.. arrivo al bar un cappuccio e latte freddo.. mi siedo fuori.. una sigaretta che accendo con scioltezza… del resto sono appena sveglia.. non parlo con nessuno e nessuno parla con me.. siamo liberi di vivere la notte.. la notte dè  l’illusione di sentirsi liberi.. così ascolto il silenzio notturno.. guardo stupita la luna grande alla mia destra.. fumo e ascolto anche il leggero venticello che sembra fremere … lieve lieve.. accendo un altra sigaretta.. non voglio tornare a casa così subito.. cerco invano una musica che dall’aere arrivi al cuore.. ma non sento niente.. nessuna musica.. silenzio.. freddo.. decido di alzarmi e rientro..

ancora nessuna musica.. nell’animo.. ma forse è ancora presto mi dico.. non fartela levare da nessuno la musica che hai nell’animo Vanna! mi ripeto mi dico .. non fartela levare come non devi farti levare i pochi sogni che hai.. così rientro in casa.. ritorno al pezzo qui sull’amato blog.. ripenso ai discorsi ascoltati fuori appena un paio di minuti fa.. spesso ho la fortuna di assentarmi psicologicamente da sempre .. ed anche oggi è accaduto.. da qui anche il senso di solitudine.. ma a volte è una solitudine scelta per potersi difendere .. anche dalla noia a volte.. e a volte il silenzio interiore è un pregio.. rinvigorisce.. le parole poi escono più fluide.. e tu sei a contatto con te stesso volente o nolente.. più spesso volente.. e giè .. cosa si fa per sopravvivere.. per non rimanere aggrovigliati ad una realtè  che non ti piace affatto.. meglio fare i conti con se stessi.. molto meglio e del resto è tutto quello che conta .. anche se i conti poi non portano proprio mai .. tranne durante la placida notte.. con i suoi colori e le sue luci e le sue ombre.. e il suo silenzio ..

e la musica comincia a scivolare nelle vene.. nell’aria.. e nell’animo..

smilingdog

fuori..

sembra non esserci nessuno.. ma nessuno.. per la strada.. sulla rete internet.. ed anche dentro di me.. un vuoto dal sapore di fine agosto.. un senso di vuoto dentro e fuori di me.. va bene.. mi dico va bene.. e invece non va bene affatto.. il silenzio rompe i timpani.. i bilanci nella mente ovattata dalla calura ancora estiva continuano ripetutamente a fare i conti con se stessi .. i famosi bilanci e bilanci.. ed io che vorrei cantare.. cantare .. e non trovo neanche l’ispirazione.. così opto per un caffè.. con latte fresco.. una sigaretta fumata lentamente.. e mi accorgo che il livello di serotonina è davvero sotto le scarpe.. e non riesco a consolarmi.. sì che basterebbe poco mi dico, basterebbe così poco per risollevarmi.. ed invece mi sembra di camminare con le braccia.. stanca.. ed anche pessimista.. ho provato ad uscire .. il venticello fuori c’era a rinfrescare il volto e i miei capelli.. ma sono stata poco lè  fuori.. sono rientrata quasi subito.. ricordi non piacevoli mi facevano compagnia… e mi accorgo che oggi non ho ricordi da ricordare.. non desidero ricordare.. non ne ho voglia.. mi accendo indifferente una sigaretta.. il carattere anche scontroso che ho oggi si fa sentire… sì anche questo sono io.. scontrosa.. e non ho voglia di dar ragione a tutti per non discutere.. preferisco tacere sì.. ma anche starmene per conto mio.. in fondo mi dico.. che c’entro io con gli altri? che c’entro io?.. così un vuoto assale il mio animo .. fortunatamente Wisky oggi sembra sorridermi di più.. e da buoni pescatori norvegesi ce ne andiamo a dormire insieme e insieme dopo un paio di ore ci svegliamo.. in effetti non vedo l’ora di vivere le ore invernali e notturne e le albe.. dove ci sono pochissime persone e nessuno ti fa domande.. non ne vedo l’ora.. del freddo.. delle coperte calde e dei caffè mattutini prima dell’alba.. giè .. sospiro affannata oggi.. ma la sola idea dell’arrivo dell’amato inverno.. od anche amato autunno.. in solitaria.. è un sogno semplice giè  vissuto e che amerei rivivere..

molto meglio soli che male accompagnati.. sempre un detto che vale.. ed io sono anni che vivo solitaria.. devo solo trovare la forza per saper dir di no anche alle parole degli altri.. che in genere non m’interessano affatto.. non credo si tratti di egoismo.. mah.. si tratta di qualitè  della vita.. ho i miei libri tanti che ancora non ho letto.. ed è ora di cambiare rotta.. tutto qui.. c’è chi ama il mare.. in solitaria.. ecco io amo la vita semplice e pochissime ma pochissime parole.. e non ho voglia di imparare più alcunchè.. basta.. mi bastano i colori del cielo la mattina presto i colori dell’aurora.. i colori e le forme delle nuvole.. non ho tanti altri interessi.. e non ho voglia più di capire.. lo faccio questo sin da quando ero una bambina.. ascoltare quello che non mi interessava ascoltare.. è ora dico .. di ascoltare più me stessa.. il mio spirito .. la mia voglia di libertè  ..

spero che questo periodo passi molto in fretta.. anche se una volta inquadrato il “problema”.. non c’è niente che ti faccia tornare indietro.. senz’altro.. così non aspetto l’inverno per la mia vita solitaria.. ma può benissimo cominciare giè  da ora.. semplicemente.. giè  da ora.. mi sono persa .. anche quest’anno.. mi sono persa.. ma non è la prima volta.. si tratta di raccogliere le forze.. un po’ di concentrazione su se stessi.. non sentirsi così sbagliati a seguire le proprie inclinazioni e i propri piaceri.. ed ecco che il freddo amato arriva .. arriva.. e tu.. sei distante anni luce dal mondo.. dagli affetti.. dai turbamenti che il mondo fa di tutto, sembra, per avvilirti.. per ferirti.. per farti star male.. una sana distanza non solo geografica non solo mi può far bene ma è proprio quello che mi ci vuole per ricaricarmi.. ricominciare.. e sicuramente spero.. la serotonina a livello zero oggi.. giè  può salire può salire..

lenta mi accendo una sigaretta.. non ho voglia di sentire parole.. e fumo.. le auto scivolano veloci sotto casa.. dove vadano non so.. e non voglio neanche saperlo.. mi chiedo intanto se sia una sconfitta o meno quella di ritirarsi.. dal mondo e la risposta che mi viene dal mio cuore è questa.. non è una sconfitta Vanna, forse, ma è un volersi bene .. un voler vivere bene guardare alla qualitè  della vita.. un voler esserci per se stessi.. un sano egoismo.. lontano.. lontano per riprendersi la propria vita in mano.. si tratta anche di sopravvivenza.. di non cedere.. di non morire durante il corso della vita aspettando un domani migliore.. ma decidere di amare la tua di vita.. che assomiglia tantissimo ma tantissimo a te.. ecco le parole che vengono dal mio cuore.. a me stessa.. e alla fine ha ragione anche il mio ex dottore.. hai un cagnolino che ti vuole tanto bene.. una casa semplice ma che tu ami.. ed è vero.. non hai bisogno di altro .. giè .. non ho bisogno di altro.. così ogni tanto gli dò ragione al mio doctor.. la mia libertè  è un valore assoluto per me che va al di lè  di ogni altro valore.. e non posso tradirmi.. proprio ora.. non posso.. così.. mi acquieto.. rientro in me.. nel profondo.. sarè  quel che sarè .. sì.. ma intanto io ci provo a migliorare la qualitè  della mia vita.. se non altro.. per godermela ancora un po’..

smilingdog

incongruitè 

ci sono giorni chè vorresti dormire dormire dormire e dormi.. fai sogni anche splendidi.. non puoi.. mi dico.. non puoi stupirti che la realtè .. sia inferiore ai sogni sognati.. eh! così non stupirti se oggi più di ieri ti senti sola.. così sola da volerti mangiare un frigorifero intero.. anche se a mangiare ha giè  pensato Wisky rubandomi dell’ottimo salamino.. va bene .. va bene.. apro il social network.. siamo in tre.. siamo i soliti ormai.. che sembra non si vada mai in vacanza.. va bene inserisco facendo finta di niente un paio di canzoni.. poi decido di aprire smilingdog.. sono le 21.20.. ho caldo.. mi sento sola anche se l’ho giè  detto.. ma lo ribadisco.. agosto è bestiale per certi sentimenti e così esco vado al bar vicino casa.. prendo un paio di caffè.. fumo un paio di sigarette.. mi sento ancora più sola nonostante il cielo sia di un colore meraviglioso all’ora del tramonto con nuvole quasi rosee sullo sfondo ed il sole incorniciato di striature color arancio.. io cerco di starmene tranquilla.. ma mi sento a disagio.. primo odio la domenica da sempre.. la domenica di agosto di Ferragosto.. poi si arriva all’apice dell’essenza della solitudine.. non un pensiero carino nei miei confronti da parte di me stessa.. tranne appunto il dolce soave ricordo di una notte quella appena trascorsa una notte dove tutto in realtè  filava liscio.. ed anche dolce.. un sogno color rosa..

è caldo.

decido di accendermi una sigaretta.. in cerca di parole che non siano solo lamentele.. lo ammetto faccio fatico forse anche a scrivere.. come faccio fatica a starmene in mezzo a persone.. gente.. gente.. così mentre sorseggiavo il caffè fuori all’aperto e c’era gente .. io mi sono sentita come quando avevo esattamente 12 anni alla mia prima “festicciola” con i miei compagni di classe.. lo stesso disagio.. nonostante gli anni siano trascorsi.. lo stesso senso di fuoriluogo.. la stessa timidezza e voglia di scapparmene via.. di corsa .. a casa.. e ricordo forse ero anche vestita allo stesso modo.. maglia a maniche corte jeans e un paio di clarkette color beige.. e capelli corti.. lo stesso senso di soffocamento.. mah.. tante esperienze.. tanto tempo trascorso e l’unica cosa che ho imparato o meglio la sola differenza è che me ne sono tornata a casa con una finta tranquillitè  con un finto passo sicuro di me.. e poi rientrata in casa.. un gran sospiro di sollievo.. insana timidamente evidentemente lo sono sempre stata .. così penso.. e alla insicurezza e alla timidezza non c’è certo rimedio ed io non lo voglio neanche cercare.. tanto non c’è..

così rientro.. saluto un vicino di casa.. mi accendo una sigaretta come balsamo alla mia introversione.. fumo e provo a rilassarmi..

se avessi la macchina ora andrei a mangiare fuori quello sì.. affogherei i miei dispiaceri in un bel piatto di quelli che dico io.. nel mio ristorante preferito.. passatelli con funghi porcini .. una delizia per il palato e per il cuore.. ecco cosa avrei voglia di fare.. invece che tippettare qui.. oggi.. così finalmente mi viene da sorridere.. e giè .. se avessi l’auto e un po’ di soldi correrei .. ma giè  solo l’idea giè  solo l’immagine di questa bella pietanza mi rilassa quasi.. giusto il tempo di pensarlo e giè  sospiro di nuovo.. vita da single dè  una certa sì libertè  è vero.. ma ci sono giorni così duri così duri.. che ti vien voglia di buttarti nel letto aggrovigliarti al cuscino in cerca dei sogni della notte precedente.. così tanto per vedere come vanno a finire.. per vedere i bei volti sorridenti che sorridono a me.. nel frattempo un’altra sigaretta.. è notte ormai.. qui il silenzio c’è.. e mi piace.. Wisky IV è vicino a me e dorme disteso sotto il vecchio ventilatore che gira costante.. sorseggio acqua fresca.. e a fatica continuo a tippettare.. non ho voglia di andarmene a dormire subito.. e ho come l’impressione che tutto cambia tutto va.. tutto cambia ed io? io sono qui.. un po’ delusa.. un po’ no.. di me stessa a volte .. solo a volte e solo un po’.. della vita un po’ di più.. della mia vita un po’ di più.. come canta Patty Pravo.. una vita che mi ha deluso più di te più di te.. ma la parola deluso delusa delusione.. non mi è mai piaciuta.. non mi piace e dovrebbe essere levata dal Dizionario.. eppure esiste.. la delusione.. come esiste l’Entusiasmo.. ecco.. io sono una entusiasta di natura è naturale rimanere delusi.. è un concetto che non fa una piega.. anzi di pieghe nell’animo ne fa a bizzeffe.. io che non ho imparato ancora a non entusiasmarmi per ogni cosa.. e che poi la vita va di fretta corre corre .. e non fai più in tempo sembra ad entusiasmarti che il sole tramonta di nuovo.. e così.. arriva la notte.. con i suoi sogni piccoli e grandi.. dormi serenamente.. ti svegli e.. l’entusiasmo .. per fortuna si sveglia con me.. l’allegria esiste nel mio carattere.. e al diavolo la delusione.. al diavolo le disillusioni.. al mattino un buon caffè una salutare sigaretta.. una musica che proviene dal tuo cuore.. ed ecco che il mio giorno riprende quota.. lasciatemi giocare.. insieme o da sola.. come lasciatemi tippettare da sola o insieme.. la strada è in salita.. ma io vorrei scendere.. scendere e giocare..

smilingdog

anima fragile

prendo un paio di caffè.. giorno festivo.. l’ombra della solitudine affiora ancora più grande.. nel frattempo ho dormito per ben 12 ore filate.. ed io me ne frego! direbbe un personaggio di Troisi.. “Ed io me ne frego!.. giè  facile a dirsi e arduo a praticarlo.. perchè difficilmente me ne frego.. e continuo camminando per casa.. una casa disordinatissima e Wisky che prende coccole dal suo amato padroncino.. sereni loro due come se niente li toccasse a parte il loro amore.. ed io .. ed io.. mi accendo una sigaretta nevroticamente.. fumo.. il disordine che vedo intorno alla casa mi innervosice ulteriormente.. magari avessi una casa ordinata! sarei anche un po’ più calma.. dico io.. ma intanto bevo caffè e latte.. l’ansia dei giorni festivi.. poi la sento proprio tutta.. così apro facebook.. musica che mi piace.. tanti auguri per il Ferragosto.. ed io che continuo ad essere nervosa.. sì.. ma intanto mi guardo anche i video.. ascoltando musica lieve leggera .. e intanto credo di pensare.. penso.. penso e sono quasi accigliata.. amici cari fb ci si sente.. ci si saluta.. mi fa davvero bene.. giè ! .. ma un senso di vuoto attanaglia la mia persona.. così dopo un paio di ore sul social network.. decido di sfogare le mie nevrosi tippettando sul blog.. sul mio diario di bordo .. la tentazione di chiudermi ancora più in me stessa esiste.. davvero.. ma la tenacia e il divertimento puro di scrivere.. di tippettare.. resiste.. per fortuna.. così eccomi qui.. la sigaretta fuma lenta alla mia destra.. sono le 15.08.. Wisky sta dormendo sereno lui alla grande.. il silenzio quasi quasi acquieta la mia anima .. fuori la strada è deserta.. nessuna macchina sembra passare.. le nuvole sembrano loro felici invece.. felici di esistere e sembrano disegnate da una mano bambina piccole piccole e bianche in un cielo terso e celeste.. e così sospiro e mi dico.. ma quanto sto bene in realtè  per conto mio..! e non si tratta di asocialitè .. non si tratta di arrendersi.. ma si tratta di volersi bene.. ma molto poi.. non che io non ami i miei amici .. li amo e molto .. ma ci sono giorni nei quali tutto si trasforma.. ed un silenzio più pesante si fa sentire.. ed oggi è uno di quei giorni che i ricordi fanno davvero male.. così sono talmente quasi “furiosa” .. non arrabbiata … ma furiosa.. che non riesco a stermene .. calma.. e va bene.. nevrotica sono stata sempre un po’.. ma va bene così va bene così.. inutile farsi autoanalisi.. che mi importa.. di quello che gli altri fanno.. amano dicono.. me ne devo fregare un po’ di più.. se no.. non vivo.. ecco.. anche perchè la parola è importante ed io anche a volte sbaglio… certo.. ma a volte sbagliano anche gli altri.. non tutti eh! ma sbagliano.. ed io a volte mi sembra di non essere di questo pianeta.. e che cavoli! va bene .. lo sfogo c’è stato.. agosto non l’ho mai ma mai amato.. e forse è anche un po’ caldo.. ! faccio i conti con me .. invento gli amori.. va bene.. tutto vero.. ma questi conti non portano mai.. così “Me ne frego!”.. e non riesco a sorridere.. semplicemente complicata disse un mio caro Amico.. semplicemente complicata.. appoggio i pugni sul tavolo da lavoro.. come una bambina arrabbiata.. e poi il cellulare squilla.. squilla.. ed io non ho neanche voglia di rispondere.. ecco .. oggi è un giorno lunatico.. provo a fare un respiro più profondo.. alzo il viso e vedo il mio pappagallo tutto colorato che mi sorride.. le foto sopra il mio pc con me tanti anni fa che sorrido insieme al mio amato Lupo Alberto.. sì sono nervosa e malinconica.. tutto qui.. tante parole per dire questo.. la malinconia.. giè  non sono la sola ad essere malinconica.. oggi ed altri giorni che volano e restano impressi nella memoria..

mi placo..

ci provo.. mi accendo un altra sigaretta.. e grazie alla psicoterapia che ho praticato per tantissimi anni.. so anche il motivo del mio stato d’animo.. sì.. così.. mi calmo ancor di più..

chiedo scusa a chi legge.. chi passa di qui anche casualmente.. di questo mio essere così aggressivo oggi.. ma si sa.. è uno di quei giorni che… rivedo la mia vita.. una vita che a volte sa di sogno.. di nuvole.. di gioie di attimi eterni.. impressi .. e di giorni che sanno di vita.. e .. e.. come un naufrago in terra d’esilio.. chiedi una mano.. come tutti.. forse.. sì.. come tutti..

smilingdog

Happy….!

mi consolo così.. apro il mio blog.. diario di bordo delle mie giornate e dei miei pomeriggi .. oppure delle mie notti insonni.. scrivo tippetto e piano piano mi rilasso.. ora sono le 17.56.. pomeriggio inoltrato di un giorno di agosto caldo .. sono appena sveglia sì perchè tra nervi tensioni apprensioni.. indecisioni.. ho optato per una sana dormita io e Wisky IV .. un sonno ristoratore.. un paio d’ore di quiete mentale.. mi sveglio sicuramente più riposata ed anche posso aggiungere di umore migliore.. un caffè con latte fresco.. una sigaretta.. apro l’adorato facebook.. ascolto un paio di canzoni.. e la luce del cielo che appena poche ore prima mi sembrava accecante ed anche quasi opprimente.. ora mi piace. quasi.. e giè  mi sono rilassata.. ed il cielo così azzurro splendente e meno afoso è più complice mio.. sorseggio il caffè pomeridiano godendomelo tutto.. mentre Wisky chiede rilassato anche lui i suoi adorati biscottini.. abbiamo il volto riposato.. ed era anche ora dico! la musica che ho ascoltato mi ha ricordato quando giocavo da bambina appunto insieme alla musica per conto mio e mi divertivo… tra tanti dischi a mia disposizione.. giocavo solitaria come oggi.. solitaria.. inventavo il gioco delle canzoni.. ho acceso il ritmo mio ho ascoltato dentro di me quello che avrei voluto ascoltare premuto due tasti ed ecco le melodie scivolare nelle mie orecchie nell’aria quasi quasi fresca.. e dentro al mio cuore.. solitario anche lui..

il sonno ristoratore di questo pomeriggio ha fatto il resto.. mi sono svegliata senza alcun pensiero che offuscasse troppo la mia mente.. mi sono sintonizzata anche con la parte serena dentro di me.. e mentre ascoltavo musica e il vento fresco arrivava dalla finestra aperta e dal ventilatore sempre acceso al massimo .. arriva Hermano .. si sorseggia anche lui un caffè freddo.. e poi via a passeggio con Wisky in cerca di erbetta e ombra tra gli alberi.. “Vuoi venire con noi? la domanda è di rito ormai e la risposta anche: no! Grazie! … eh sì che mi farebbe anche bene passeggiare un po’.. ma cominciare proprio oggi non mi sembra il caso.. ecco.. così apro il pc apro il blog smilingdog.. e inizio a tippettare sulla pagina bianca.. mentre intatto un pensiero gira per la mente.. ma cosa vuole la vita .. in generale e soprattutto da me? cosa vuole..? più ci penso più vuole che diventi d’acciaio questa la risposta che mi viene spontanea.. io che d’acciaio non credo di essere stata mai.. ma la vita sembra chiedermi proprio questo.. diventare immune da ogni tipo di sofferenza da ogni tipo di delusione.. mi chiede di non avere alcuna aspettativa.. va bene questo l’ho capito giè .. ma cavoli.. ma cavoli.. perchè allora regali.. mi dai giorni così.. così antipatici.. ? cerco di sdrammatizzare se è possibile.. di riderci sopra.. di ironizzare.. e soprattutto con questo caldo .. di non pensare.. eppure la Vita ha fatto di tutto affinchè io diventassi realmente dura dura come lei..

mi accendo una sigaretta.. il fumo sembra volare evaporare sopra i soprammobili di casa mia.. sopra la bottiglia di acqua naturale dalla quale bevo.. e capisco di avere delle aspettative .. ancora.. come quando o forse ancora di più di quando ero giovane.. e così faccio parte dei disillusi.. degli illusi.. che ancora amano sognare .. con una sete di amore che non si acquieta mai.. come un fiume che non conosce foce.. che non conosce mare sul quale andarsi a riposare.. nel quale poter navigare libero..

tante cose non ho capito e tante continuerò a non saper capire..

in realtè , però, ogniqualvolta sono qui a tippettare nel silenzio della mia stanza dalla quale appunto scrivo, in realtè  per un certo motivo sono anche contenta.. ognuno è in realtè  le decisioni che ha preso.. secondo me.. i bivi che ha scelto.. ed io qui.. a tippettare davanti al mare davanti al cielo.. soffro è vero di solitudine.. è vero.. ma è anche vero che se non soffrissi di malinconia di solitudine forse non potrei neanche scrivere .. forse, ed allora come dice spesso un mio amico di fronte ad un bel piatto di cibo invitante “Buon Karma!! è Un buon Karma!” .. ma figurati dico tra me e me.. figurati (pessimista come sono!) ma figurati! .. ma poi ci sono giorni.. che questa frase.. la ripeto ai miei amici .. e ogni tanto la sussurro anche a me sotto voce.. prudentemente.. Buon Karma! il tippettare..! Buon Karma l’amore di un cagnolone.. Buon Karma l’amicizia bella di Hermano.. e soprattutto e qui non esagero .. Buon Karma! tutti i miei begli amici.. belli e affettuosi e cari! ecco.. respiro di sollievo..!

e giè .. come direbbe il buon Vasco.. io nonostante tutto.. ancora sono qua.. e forse.. chissè … chissè .. .. un buon motivo.. forse! .. ci sarè ..

smilingdog

Amare amare

lo vorrei scrivere lo vorrei dire lo vorrei .. giorno afoso senza aria.. senza.. senza una briciola di vento senza una briciola di speranza così la solitudine affiora la mia… resisto accendo il ventilatore a palla.. gira che è una meraviglia.. il silenzio tutto intorno tace .. Wisky ogni tanto si alza mi fa compagnia .. lui.. come me si alza dal letto.. si appisola come me un po’.. poi si rialza.. come me.. va in cucina come me.. prendo un caffè con latte freddo.. un po’ di zucchero.. una sigaretta che ne segue un altra.. e “sbofonchio” come direbbe mia madre dall’alto del Cielo… oggi è un giorno, dico io, no.. un giorno no.. allora via con la musica.. via ritorno nel letto dopo essermi bevuta del thè freddo al limone.. mangiato un panino americano con del burro e salame.. respiro profondo e guardo l’ora.. solo le 16.30.. vorrei farmi una dormita ma quando l’ansia sale è difficile farsi una sana dormita.. ecco mi dico.. mentre decido alla fine di aprire il blog.. fedele lui.. che mi accetta per quel che sono.. e così scendo alle conclusioni che vado bene così solo a me stessa.. appena sono me stessa gli ostacoli arrivano.. le tensioni non si sciolgono anzi bloccano .. così ecco perchè mi ritrovo sempre così a scrivere qui.. e poi a sentirmi bene.. perchè solo in certi momenti si è accettati.. e voler bene è soprattutto accettare l’altro è essere accettati per quel che si è .. così eccomi qui.. solitaria a tippettare sulle lettere bianche su tastiera scura familiare a me.. sospiro profondo.. e la giornata è ancora lunga da trascorrere.. il telefono non squilla direbbe Venditti.. il cellulare è silente.. come sono silenti come sempre del resto i giorni di agosto.. un mese difficile da vivere .. da resistere.. da affrontare.. con i suoi pomeriggi invivibili soli e lunghi.. senza considerare il caldo che fa..

decido così di accendermi un’altra sigaretta.. vorrei chiamare chiamare chiacchierare..parlare.. ma come l’impressione di essere di “troppo” così sto chiusa nel mio intimo.. nei miei percorsi interni .. fumo mentre si lacerano i pensieri che come arrivano se ne vanno anche loro via da me.. fare i conti con i propri pensieri le proprie lacerazioni dubbi senza contare le illusioni.. il tutto in un istante che dura ore.. così la tentazione di alzare le spalle.. e dirsi.. va bene.. una volta in più che può fare.. una delusione.. se tante ma tante delusioni io ho giè  ricevuto.. senza che nessuno se ne sia accorto tra l’altro.. così mi ritorni in mente.. ma tu che c’entri con me… mi chiedo.. ma poi ricordo che ho letto che siamo in parte collegati non tutti.. ma molti tra noi.. e allora mi viene da pensare che quello che sento io è quello che senti tu e poi tu e poi tu… ma allora cos’è questo senso di vuoto che provo? questo silenzio che urla forte forte? fumo e mi muovo velocemente.. l’ansia c’è .. guardo il cielo nel frattempo.. mi stupisco ancora.. lui sembra non risentirne dei miei malesseri e disagi.. lui oggi splende di luce propria e sembra sorridere di me umana forse troppo umana.. forse .. e sembra dirmi: ma che ti importa.. vivi.. respira.. agisci fai quel che vuoi.. giosci .. fai come me .. che sembro oggi un bambino piccolo che gioca con il sole.. e io lontano da lontano guardo.. accigliata.. solitaria distante.. quasi infastidita.. di tanta luce .. io che di rado sono me stessa.. dovuta alla timidezza alle insicurezze.. alle frustrazioni della vita dura vita.. io oggi non ho voglia di giocare con le luci e i colori della Natura.. sono infastidita.. ecco.. e nemmeno la musica e Wisky mi consolano tanto che la musica va da sè.. senza di me.. e Wisky dorme sereno anche lui in attesa che Hermano arrivi.. per la sua passeggiata serale..

dopo questo “sfogo”.. eccomi più tranquilla.. poco .. ma un po’ più tranquilla.. l’essere stata me stessa.. mi dovrebbe dare più forza.. dovrei più spesso essere me stessa.. correre il rischio di non piacere.. di non andar bene così.. e forse lo sarò più spesso.. tanto.. non ho nulla da perdere.. tranne appunto l’essere me.. chè Vanna se non va non va .. tu che vivi nei sogni e nelle illusioni.. e credi nelle parole in silenzio.. e allora arrivi a chiederti… come in un gioco a carte.. vado a vedere o .. mi tengo il punto? anche se il punto.. il punto.. il punto.. è un sogno dal quale non vorresti mai essere svegliata .. e così.. gli occhi del cuore mi si rivelano.. il realismo non fa per l’Amore.. il gioco delle tre carte non va bene per i sogni d’amore.. in amore conta solo l’amore, e amare.. così .. eccomi di nuovo a far parlare l’anima mia che vive tra le nuvole e sta bene.. forse, solo così..

smilingdog

come un onda marina..

un pomeriggio caldo, il mare vicino sembra rinfrescare l’aria .. un venticello lieve spazzola i miei capelli ed io seduta al bar vicino casa mi fumo una sigaretta con i pensieri ed il naso all’insù.. con i pensieri che guardano il cielo ed i suoi colori.. azzurro tipico di un agosto appena iniziato… auto e moto e motorini scivolano davanti a me .. moto e turisti in cerca di una bibita si fermano al bar.. prendono una birra fresca.. io guardo incuriosita, saluto e ritorno ai miei pensieri e a respirare aria aria fresca..

intanto qui sono le 19.31.. Wisky IV è a passeggio con Hermano dopo una serie di fotografie dove il mio cagnolone si è messo in posa insieme a me ed insieme al suo padroncino adorato.. sono venute proprio bene.. la ventola gira stanca oggi.. ma gira ed un lieve venticello rinfresca le mie spalle.. le dita tippettano, loro non sembrano sentire la calura estiva e si divertono a cercare lettere da mettere in ordine.. sparso.. quasi.. sorrido .. e decido di accendermi una sigaretta.. oggi è il compleanno di mia sorella.. un giorno quindi di festa.. dentro di me .. oggi devo dire la veritè  mi sento completamente riposata.. mi sento “sciolta e naturale” come insegna la filosofia tantrica.. anche perchè ieri mi sono riposata per tutto il pomeriggio e la notte fino a questa mattina.. un turn-over che mi ha fatto benissimo.. fumo e penso penso e fumo.. ogni tanto bevo un sorso d’acqua naturale.. e mi rinfresco così..

tutto intorno tace .. solo Wisky che nel frattempo è tornato, sta cercando un posto fresco in casa dove potersi coricare.. intanto sembra smangiucchiare qualcosa che ha.. rubato!

il sole è appena tramontato.. le luci del cielo sembrano appannate quasi.. e lungo la linea dell’orizzonte luci chiaroscure giallo e rosa affiorano sopra la linea del mare ..

io sono serena, quieta, come le mie piantine che hanno fiorito ancora un fiorellino rosso .. sono serena dicevo.. e quando approdo alla serenitè  .. respiro più profondamente e meno affannosamente e mi sento così bene.. da tippettare meno veloce ma la voglia di tippettare c’è.. e sorrido tra me e me anche perchè ogni volta che tippetto serena lo divento comunque.. sia che abbia dormito per un giorno intero sia quando sono più stanca.. oggi stanca non sono.. e tippetto lentamente.. lentamente penso.. ed anche la sigaretta appoggiata al suo posacenere sembra fumare senza grandi interrogativi.. tranquilla .. direbbe un mio amico.. una sigaretta che sembra disegnata.. una sigaretta “tranquilla” che non aspetta altro e fuma da sè..

poche parole oggi per il mio diario di bordo forse perchè ho poco da raccontare.. anche se .. le emozioni sono così difficili da trascrivere.. da descrivere.. e così vado avanti come il mare e le sue onde che si susseguono sulla battigia.. e si appoggiano si riposano al crepuscolo.. per poi ripartire con lo stesso ritmo il mattino .. il mattino per rincorrersi una dietro l’altra.. come in un gioco.. un gioco tra amorosi sensi ed un gioco tra bambini.. le belle onde marine.. che sulla spiaggia non sono temute.. e così in questo squarcio di parole intessute tra loro mi viene in mente l’immagine della lontananza.. della lontananza che solo i battiti del cuore i sensi ed i pensieri possono avvicinare.. possono alleviare.. possono interrompere.. e così ti ritrovi la notte al crepuscolo delle idee delle azioni diurne ti ritrovi al crepuscolo di notte appunto con una sigaretta accesa.. uno squarcio di cielo limpido sopra di te di te che sei ormai appoggiata sul letto e cominci a dar senso sì alla giornata ma anche ai tuoi sogni.. ai tuoi pensieri.. e così cominci a sognare a dialogare.. ad immaginare.. notti estive che rincorrono notti invernali ed il tuo cuore che insieme ai colori del cielo che fa sempre sperare tante cose batte batte solitario e insieme e la lontananza.. diventa più vicina..
il tutto è dentro di te… sei dentro al tuo cuore.. abbracci il cuscino.. e sogni.. sogni ancora.. la notte è alle porte ormai.. ed è sonno.. ed il mattino arriva.. e ritrova le sue onde più chiare più limpide in un mare disteso ..

smilingdog

giocare..

pomeriggio estivo.. caldo.. Wisky IV che dorme stanco e accaldato vicino a me .. il ventilatore ora ha cominciato a girare per farmi tippettare meglio.. ho sonno.. sono un po’ stanca.. agosto.. mese di delizie e sospiri.. l’estate svanisce così.. all’improvviso come arriva all’improvviso.. io che gioco con la musica e mi consolo con Frank Zappa e uno dei suoi pezzi che preferisco anche se lo amo tutto.. e ci mancherebbe direbbe un mio amato amico! eh sì.. ascolto e penso e mi rilasso.. un po’.. solo un po’ .. e così apro il blog.. e cominciano le mie dita a muoversi mentre le mie gambe stanche anche loro hanno ballato ieri sera.. ascoltando del funky gentile per me .. un paio di bicchieri di spritz.. amici .. due salti al mare di notte dove le barche transitavano ed una luna bianca riempiva il cielo notturno ma chiaro della sua luce.. la luna mi faceva compagnia e antichi ricordi riaffioravano e volti conosciuti e amici li ho rivisti con piacere.. ho notato che con gli anni ancora non son cambiati.. sarè  l’effetto estivo.. sarè  che forse poi tutto questo tempo non è in realtè  trascorso.. mi sembravano i soliti ragazzini della mia giovinezza.. ed io la solita anche io.. con un po’ di anni in più sì.. ma il sentire era lo stesso.. in mezzo agli altri.. e giè  sempre lo stesso sentirsi a disagio nel posto sbagliato anche se il posto era a dire il vero una meraviglia…

ho avuto occasione di conoscere nuove persone e la qual cosa mi ha fatto un gran piacere.. ecco.. comunque tutto va.. abbiamo io e una mia carissima amica ed una nuova amica abbiamo brindato all’amore con nessi e connessi.. e un brindisi in più ci ha fatto allegria..

la mia cittè  sembra riavvicinarsi a me senza che io lo desiderassi poi così e poi in fondo è sempre la mia bella cittè .. sorrido.. e penso a quanto tempo passò prima che io rivedessi il suo bel mare le sue belle spiagge.. il suo profumo.. e giè  .. poi rientro in casa..

mi infilo nel letto.. una sigaretta .. l’ennesima.. l’ultima della giornata .. e mi addormento subito.. la notte trascorre immediatamente.. mi sveglio un po’ stanca certamente.. mi specchio .. meglio non guardarmi oggi.. un caffe sonnolento.. una sigaretta annoiata oggi.. questa mattina.. mi accorgo di avere scarsissime energie.. provo a non pensare affatto.. pratico il mantra che mi hanno appena insegnato.. e mi accorgo che mi sta facendo bene.. oggi mi sento affannata però.. il cuore lo sento oppresso nonostante I Ching siano favorevoli.. ok mi dico.. una mano nel cuore e provo a respirare un po’ più lentamente.. non sono agitata.. no.. solo un pochino stanca.. ma va bene va bene .. mi dico senza pensarlo però.. e così.. il giorno trascorre.. decido di uscire.. mi preparo.. una doccia fresca.. capelli bagnati maglia colorata fucsia e pantaloni di cotone grigio.. occhiali infilati sul naso e vado verso il bar vicino casa.. mi siedo un thè fresco al limone.. ed un lieve venticello accarezza le membra.. respiro aria di mare.. di vento.. di cielo azzurro.. mi rinfranco lo spirito ed un po’ di serenitè .. arriva.. mangio un sandwich.. lo ammetto oggi ce l’ho con me e da una parte mi sento Calimero come mi chiamavano le persone care della mia vita.. mia zia e un mio carissimo amico del cuore.. Calimero.. piccolo e nero.. “ma è un’ingiustizia! mi dico! ma è un’ingiustizia! eh un sospiro si leva verso il cielo l’orizzonte del mare.. un sospiro talmente forte che ho come l’impressione che si possa ascoltare.. .. provo a far finta di niente.. e mi ricordo all’improvviso la mia forza.. grande.. forza grande.. che non mi permette di cadere e non rialzarmi.. e così il Calimero che è dentro (ed anche un po’ fuori) di me.. si toglie il suo cappellino dolce e carino.. e decide di tornarsene a casa.. ascoltare la sua musica.. si trasforma.. si consola.. apre il suo blog.. scrive.. tippetta con le sue dita veloci sulla tastiera.. era giè  tutto previsto.. era giè  tutto previsto.. io prevedo.. ma forse tutti prevedono un po’.. se solo prevedessi di meno.. e mi dico anche! se solo.. capissi un pochino di più..! e va bene.. non si può capire tutto.. altrimenti che senso avrebbe anche il gioco.. anche l’amore anche i suoi sentimenti e i suoi incontri e scontri.. come sostiene Osho l’Amore è un gioco.. giocare non è poi così male.. tornare bambini sarebbe anche l’ideale .. così provo provo a ricconnettermi con il centro di me stessa.. e provo a giocare .. di nuovo.. senza affanni.. con il mio amato.. amico invisibile.. che poi .. in realtè  mai ma mai appunto.. mi lascia.. sola..

smilingdog

ma dove siete?

Sono le 22.24 di una sera d’estate calda quasi afosa.. solo l’aria del ventilatore gira per la stanza e Wisky IV ha deciso di abbaiare.. un biscottino.. controllato la ciotola dell’acqua.. tutto a posto.. un altro biscottino e ora che comincio a tippettare si è seduto vicino a me nella solita nostra postazione.. un bacino sul suo testone simpatico ed eccomi qui con me stessa la tela bianca del pc tutto silenzio intorno e solo la mia voce silenziosa e bassa mi suggerisce le parole che trascrivo qui sul mio amato diario di bordo.. è stato caldo davvero tutto il giorno .. mi è sembrato di rivivere i giorni asiatici di Bangkok anche il cielo sembrava avere i suoi stessi colori .. così ricordi sono affiorati .. persone che ho avuto il gran piacere di conoscere e che vorrei tanto ma tanto rincontrare .. nei miei sogni .. da tanto tempo.. un ricordo ed una speranza in più.. i miei amici dei quali ho avuto sempre una grandissima nostalgia.. così mi chiedo quasi innervosita .. ma perchè non ci si connette via fb con questi amici con i quali ho condiviso bei momenti? e giè  sono stata sempre ma sempre malata di nostalgia e come dice spesso Hermano “faccio incetta di ricordi” sin dalla mia giovinezza.. e li ho!.. dolci impreziositi dal tempo e dalla gioia stessa del senso di amicizia del senso dell’incontro .. e così volti giovani e ridenti sono nella mia mente e i colori ed il tempo caldo e umido di oggi mi ha riportato in questa splendida cittè  di cui ho uno splendido ricordo.. lontana è lontana.. ma oggi mi sembrava più vicina..

nel frattempo ho aperto la finestra della stanza.. auto veloci sfrecciano sulla via.. ed io ancora non ho voglia di andarmene a dormire.. anche perchè mi sembra tantissimo tempo che non ho il mio blog sotto le mani e la cosa di tippettare mi diletta e mi stimola a rinfrescarmi un pochino.. la mente le idee come una forma di meditazione anche questa.. sorrido dentro di me ma è così .. le parole escono ed io poi mi sento meglio.. una cara amica mi ha chiamato e la cosa mi ha fatto un gran piacere..

tutto il resto .. anche.. i giorni questi giorni di agosto sono stati pieni di emozioni.. ma la temperatura sembra scioglierle in ore dilatate nel tempo.. un’estate proprio strana direbbero.. dico anche io.. strana e fa sentire strani proprio tutti..

il mio pc va che è una meraviglia veloce e nuovo di nuovo… grazie a chi è stato così gentile da ripararmelo..

mi accendo una sigaretta.. intanto.. pensieri come le nuvole vanno e vengono.. oscillando nel presente che è intriso di giorni trascorsi e il mio umore di oggi.. qualcuno non ricordo chi scrisse più o meno così.. “Siamo quello che ci manca” ed ha ragione secondo me .. personalmente sono tutto quello che mi manca.. la nostalgia fa parte del mio essere.. del mio sentire.. la melanconia è mia.. e così vado avanti.. come se fossi immobile ma in realtè  vivo.. e i ricordi mi fanno compagnia..

la giornata è iniziata comunque molto bene.. Wisky che mi guarda curioso con le sue orecchie espressive in cerca di un biscotto mattutino.. e va bene .. i suoi occhi sono ridenti.. io anche.. mi accorgo di avere solo due sigarette.. non mi perdo d’animo.. me le fumo in santa pace anzi godendomele anche di più poi esco.. colazione .. i miei capelli leggermente cresciuti.. un paio di caffè al bar vicino casa.. una parola gentile .. l’oroscopo quotidiano.. e rientro veloce.. cammino strana.. ma poi ci penso e penso.. ho sempre camminato strano.. sempre.. così ritrovo un po’ di me.. salgo le scale e m’infilo le cuffie della musica.. non so quanto sia giusto o meno mi chiedo.. poi mi dò alla fine sempre ragione.. e mi chiedo se sia giusto o meno anche questo .. ma alla fine credo che ognuno poi fa i conti con se stesso .. e come disse appunto la grande Marylin Monroe.. “siamo qui.. non disse esattamente proprio così.. ma disse .. più o meno così.. “siamo qui.. per migliorare”.. e lei, credo, che meglio di così non potesse certo fare..

smilingdog