Amare amare

lo vorrei scrivere lo vorrei dire lo vorrei .. giorno afoso senza aria.. senza.. senza una briciola di vento senza una briciola di speranza così la solitudine affiora la mia… resisto accendo il ventilatore a palla.. gira che è una meraviglia.. il silenzio tutto intorno tace .. Wisky ogni tanto si alza mi fa compagnia .. lui.. come me si alza dal letto.. si appisola come me un po’.. poi si rialza.. come me.. va in cucina come me.. prendo un caffè con latte freddo.. un po’ di zucchero.. una sigaretta che ne segue un altra.. e “sbofonchio” come direbbe mia madre dall’alto del Cielo… oggi è un giorno, dico io, no.. un giorno no.. allora via con la musica.. via ritorno nel letto dopo essermi bevuta del thè freddo al limone.. mangiato un panino americano con del burro e salame.. respiro profondo e guardo l’ora.. solo le 16.30.. vorrei farmi una dormita ma quando l’ansia sale è difficile farsi una sana dormita.. ecco mi dico.. mentre decido alla fine di aprire il blog.. fedele lui.. che mi accetta per quel che sono.. e così scendo alle conclusioni che vado bene così solo a me stessa.. appena sono me stessa gli ostacoli arrivano.. le tensioni non si sciolgono anzi bloccano .. così ecco perchè mi ritrovo sempre così a scrivere qui.. e poi a sentirmi bene.. perchè solo in certi momenti si è accettati.. e voler bene è soprattutto accettare l’altro è essere accettati per quel che si è .. così eccomi qui.. solitaria a tippettare sulle lettere bianche su tastiera scura familiare a me.. sospiro profondo.. e la giornata è ancora lunga da trascorrere.. il telefono non squilla direbbe Venditti.. il cellulare è silente.. come sono silenti come sempre del resto i giorni di agosto.. un mese difficile da vivere .. da resistere.. da affrontare.. con i suoi pomeriggi invivibili soli e lunghi.. senza considerare il caldo che fa..

decido così di accendermi un’altra sigaretta.. vorrei chiamare chiamare chiacchierare..parlare.. ma come l’impressione di essere di “troppo” così sto chiusa nel mio intimo.. nei miei percorsi interni .. fumo mentre si lacerano i pensieri che come arrivano se ne vanno anche loro via da me.. fare i conti con i propri pensieri le proprie lacerazioni dubbi senza contare le illusioni.. il tutto in un istante che dura ore.. così la tentazione di alzare le spalle.. e dirsi.. va bene.. una volta in più che può fare.. una delusione.. se tante ma tante delusioni io ho giè  ricevuto.. senza che nessuno se ne sia accorto tra l’altro.. così mi ritorni in mente.. ma tu che c’entri con me… mi chiedo.. ma poi ricordo che ho letto che siamo in parte collegati non tutti.. ma molti tra noi.. e allora mi viene da pensare che quello che sento io è quello che senti tu e poi tu e poi tu… ma allora cos’è questo senso di vuoto che provo? questo silenzio che urla forte forte? fumo e mi muovo velocemente.. l’ansia c’è .. guardo il cielo nel frattempo.. mi stupisco ancora.. lui sembra non risentirne dei miei malesseri e disagi.. lui oggi splende di luce propria e sembra sorridere di me umana forse troppo umana.. forse .. e sembra dirmi: ma che ti importa.. vivi.. respira.. agisci fai quel che vuoi.. giosci .. fai come me .. che sembro oggi un bambino piccolo che gioca con il sole.. e io lontano da lontano guardo.. accigliata.. solitaria distante.. quasi infastidita.. di tanta luce .. io che di rado sono me stessa.. dovuta alla timidezza alle insicurezze.. alle frustrazioni della vita dura vita.. io oggi non ho voglia di giocare con le luci e i colori della Natura.. sono infastidita.. ecco.. e nemmeno la musica e Wisky mi consolano tanto che la musica va da sè.. senza di me.. e Wisky dorme sereno anche lui in attesa che Hermano arrivi.. per la sua passeggiata serale..

dopo questo “sfogo”.. eccomi più tranquilla.. poco .. ma un po’ più tranquilla.. l’essere stata me stessa.. mi dovrebbe dare più forza.. dovrei più spesso essere me stessa.. correre il rischio di non piacere.. di non andar bene così.. e forse lo sarò più spesso.. tanto.. non ho nulla da perdere.. tranne appunto l’essere me.. chè Vanna se non va non va .. tu che vivi nei sogni e nelle illusioni.. e credi nelle parole in silenzio.. e allora arrivi a chiederti… come in un gioco a carte.. vado a vedere o .. mi tengo il punto? anche se il punto.. il punto.. il punto.. è un sogno dal quale non vorresti mai essere svegliata .. e così.. gli occhi del cuore mi si rivelano.. il realismo non fa per l’Amore.. il gioco delle tre carte non va bene per i sogni d’amore.. in amore conta solo l’amore, e amare.. così .. eccomi di nuovo a far parlare l’anima mia che vive tra le nuvole e sta bene.. forse, solo così..

smilingdog

Annunci

Un pensiero su “Amare amare

  1. david mcmillan

    Per non rimanere asfissiati, proprio ad agosto, forse abbiamo bisogno di aria.
    Di aria e di libertè . Libertè  di essere finalmente sè© stessi e di giocare con
    le carte scoperte la partita dei sogni d’amore assieme, magari, all’amico
    smilingdog,,, 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.