di nuovo mattino

ragazzo fortunato – Jovanotti

mattino presto. sono le 7.22 di un lunedì di fine Settembre.. un mese che mi è letteralmente volato come se non fosse esistito.. i suoi giorni trasparenti e velocissimi.. talmente veloci da non vederne neanche uno! è uno splendido mattino.. mi sono svegliata alle 4.30.. fumato al buio una sigaretta lentamente mentre Wisky dormiva ronfando sereno vicinissimo alle mie gambe.. mi sentivo bene al buio e completamente rilassata.. terminata la sigaretta sono stata in sospeso con i miei pensieri mattutini un po’.. poi sempre lentamente in progressione mi sono alzata ed ho aperto la finestra.. buio e cielo completamente limpido e pieno di stelle color oro luminosissime.. uno spettacolo! uno splendore! .. e mi bevo il mio caffè preparato la sera precedente.. così perchè in questo periodo lo preferisco non caldo.. freddo macchiato leggermente di latte leggero.. mi accendo una seconda sigaretta.. la televisione rigorosamente spenta.. ho avuto un solo attimo di esitazione.. Vanna! le notizie! ma ho abbandonato subito l’idea.. non perchè ma anche sì.. non perchè non voglia stare aggiornata sulle vicende del mondo.. ma vorrei anche starmene serena.. l’inizio giornata e il suo meraviglioso silenzio non si possono disturbare con voci che vengono da uno “scatolone” che mi innervosirebbe e metterebbe subito di malumore.. no.. e sono tanti anni che la penso così.. perciò mi prendo una seconda tazza di caffè una terza sigaretta e guardo in completo relax la finestra davanti a me con le piantine carine e profumate ed il cielo blu limpidissimo.. sto bene..
Wisky nel frattempo si sveglia anche lui con me, mangia la sua pappa, beve, i suoi due tre biscottini.. e si rimette disteso vicino a me.. siamo in simbiosi .. e stiamo bene insieme.. giustamente.. e mi diverto a guardarlo mentre appoggiato sul suo divano color bluette e oro si gusta piano piano un biscottino che adora alla farina di riso.. se lo gusta piano piano.. intanto la casa comincia a prendere vita.. apro le finestre .. sono ancora al buio in attesa gioiosa dei colori dell’aurora.. preparo un caffè per Hermano.. la lavatrice in azione che fa tanto “casa”.. apro le finestre e mi fumo una sigaretta.. (per fumare fumo!).. in mezzo alle piantine potate che odorano di terra fresca.. e la strada è libera .. ed il cielo davanti e sopra me è vasto lucidamente blu e verso la cittè  intanto una luce più chiara dal mare spunta..

mi reputo fortunata.. immersa nel silenzio naturale del mattino..

decido di uscire.. infilo veloce l’impermeabilino leggero un paio di pantaloni caldi di felpa grigi la mia maglia tra le mie preferite di cotone color verde.. e via sono con due passi giè  in strada e l’odor di brina accoglie dolcemente il mio volto e i miei passi decisi verso l’insegna accesa del bar..
un caffè questa volta caldo, una pasta fresca alla crema, mi siedo veloce di fuori e mi accendo una sigaretta.. e mi sembra davvero .. “una vita”.. che non me ne sto per i fatti miei così bene respirando aria buona e immersa dentro e fuori di me.. quasi quasi felice respiro boccate di fumo in completa libertè .. sola con me stessa e con il cielo..

rientro.. cammino verso casa.. Wisky mi aspetta giè ..

l’aurora sembra farsi attendere.. ma poi in realtè  .. arriva puntuale.. apro di nuovo la finestra verso la cittè  il sole è sorto.. come un faro splendente illumina tutta la volta celeste dal mare .. la casa si colora di luce bianca.. color dell’aria fresca mattutina.. la lavatrice continua a girare.. ed io qui.. finalmente a tippettare sul mio amato blog diario di bordo entusiasta di farlo, contenta di essere qui.. al mio posto.. serenamente mentre sto scegliendo la canzone da inserire qui..

tutto scorre.. tutto va.. le auto cominciano ormai a circolare.. sono le 07.52 di un lunedì.. amo i lunedì.. li ho sempre amati.. sin da ragazzina.. sin dai tempi della scuola.. ma non è tempo di nostalgia.. la nostalgia.. le rimembranze .. mi colgono al tramonto .. alla sera.. non il giorno.. non il mattino con la sua bella energia frizzante.. chè ha l’oro in bocca.. come dice mia madre dall’alto di una nuvola una nuvola blu.. tutta per lei e per il suo sorriso .. e sorrido anch’io .. qui in terra.. eh sì.. e mi reputo “una ragazza” fortunata come dice Jovanotti .. oggi.. e non solo oggi.. canto così..!

smilingdog

Annunci

che male c’è?

minuetto – Franco Califano

esco sono le 21.15 .. prendo un po’ d’aria fresca e mi accendo una sigaretta .. il cielo è blu notte limpido, verso nord quasi trasparente e in lontananza un’ombra di nebbia verso l’orizzonte al confine con il mare.. stupita guardo ancora e intanto respiro libera l’aria tra ossigeno e il fumo arrotolato verso l’alto della sigaretta.. sinceramente non penso a niente.. libera libera.. pochissimi del resto gli avventori a quest’ora nel bar vicino casa .. io mi prendo un caffè caldo.. dopo essere stata per tutto il resto del giorno in casa avevo proprio la necessitè  di uscire un po’ all’aria aperta .. poco.. un quarto d’ora dieci minuti sufficienti.. l’atmosfera di questa sera raccontava nell’aria quieta questa splendida canzone cantandola per me.. così l’ho ascoltata piacevolmente come sempre ed inserita qui sul blog.. Minuetto cantata ed in parte scritta dal Maestro Franco Califano.. chissè ? forse che sia una notte nostalgica.. oppure soltanto una notte romantica .. chissè .. tutto qui..
e torno a casa.. è notte passo veloce e mani in tasca.. cerco la canzone in un istante l’inserisco nel blog.. ed eccomi qui a tippettare un po’ più fresca anch’io rispetto a solo un’ora fa.. il torpore di un pomeriggio in casa mi aveva fisicamente stancato da aver quasi sonno.. intanto ora mi accendo una seconda sigaretta.. le finestre di casa sono aperte.. l’aria è calda.. e anche un po’ umida .. Wisky è appoggiato al suo divano .. e la casa in penombra come sempre sembra più bella..
è un sabato sera.. ma con l’etè  si dè  meno valore a certi giorni di “festa”.. e così oggi e me ne dispiace non ho dato il solito valore a questo giorno del quale ho sempre sentito l’energia standomene anche in casa.. ma oggi per la prima volta (credo!) non ho dato importanza alla giornata che è trascorsa bene, in compagnia di una mia amica cara abbiamo chiacchierato, fumato, preso un bel caffè insieme.. come sempre ogni volta che ci incontriamo.. tanto tempo che ci si conosce e vuole bene che ogni volta è un piacere vederci.. ci si capisce con un niente e la qual cosa non è faticosa..
intanto la sigaretta fuma alla mia destra.. un’alito di vento entra in casa.. da sotto gli occhiali guardo tutto .. e tutto mi sembra davvero in ordine.. illusioni .. quasi ottiche notturne..!

non credo di aver altro da aggiungere per oggi.. avevo voglia di tippettare.. un po’.. in realtè  ora non ho neanche voglia di andarmene a dormire .. e la tv non mi alletta.. un libro? ma non ho voglia di leggere.. in realtè  mi mangerei un dolcetto.. quello sì.. magari un dolcetto al cocco e cioccolato, una praline.. o anche due.. nel lettone insieme a Wisky .. e giè  pregusto la colazione domani mattina.. che male c’è a pregustarsi qualche dolcetto da sciogliersi in bocca magari in compagnia di un raggio di sole domenicale? .. sorrido .. non sono mai stata molto golosa.. no.. ma più passa il tempo più capisco le donne che vedevo nei film americani che passavano i loro pomeriggi con scatole di cioccolatini sulle ginocchia! molto meglio di un libro (lo so posso passare per eretica!) .. ma ogni cosa ha la sua etè .. ogni cosa piacevole ha la sua etè .. e questa è l’etè  dei cioccolatini praline al cocco! .. e non per consolarmi di frustrazioni od altro chissacchè da analizzare.. no! proprio per il gusto di farlo!! … conservatrice sono sempre stata un po’.. poi con l’etè  lo si diventa maggiormente… (Borges, cit.) .. ed è vero! è così.. conservatrice.. mah!!! diciamo conservatrice quasi progressista.. perchè ogni cosa ha i suoi limiti.. .. tranne .. tranne.. le ore di sonno.. e appunto.. oggi come oggi i cioccolatini… che aiutano il buon umore.. lo conservano.. e aiutano anche a fare bei sogni.. senonaltro.. sereni..

.. almeno loro!

smilingdog

rispetto questa parola sconosciuta..

io me ne andrei.. canta Claudio Baglioni… una casa nel vento.. ed io me la sento la casa nel vento dentro di me.. e non me ne vado.. è dentro di me e con me in questi giorni c’è un vento fresco.. buono.. ha un sapore buono.. e la sera è giè  scesa anche oggi di un giovedì che è stato denso rispetto gli altri giorni.. certo standomene con me stessa la densitè  è minore rispetto a quando ti relazioni con altre persone.. così ora che sono qui a scrivere sul blog per conto mio mentre Iva Zanicchi canta dall’altra parte nell’appartamento adiacente al mio.. dicevo mentre lei canta io sto qui nel quasi silenzio della mia casa e sto come acquietandomi solo ora da tutto un pomeriggio appunto.. caotico denso.. ma mi sto acquietando.. e mentre le auto scivolano veloci sotto casa.. io tippetto qui.. in realtè  non sapendo poi cosa scrivere.. certamente un po’ di musica mi rilasserebbe di più.. e forse anche il caldo un caldo strano che rende i pensieri più pesanti.. la schiena più ricurva.. così decido di uscire e prendere una boccata d’aria e di cielo azzurro azzurro e una lieve pioggerellina bagna i miei passi… un caffè decaffeinato un paio di avventori ed io esco subito.. mi siedo all’aperto e mi sento oggi a disagio.. solo un po’.. mi faccio forte di me ed accendo la mia sigaretta.. respiro.. la strada è quasi buia.. ma il cielo sembra essere illuminato di nuvole azzurre più chiare un cielo piovoso e limpido al contempo.. sì sto bene fuori con il mio amato impermeabilino azzurro color canna da zucchero.. guardo in alto e verso il mare blu .. accendo una seconda sigaretta e finalmente sento calore ai miei piedi.. mi sento di nuovo amata.. da me ma mi sento di nuovo amata dal mio corpo stesso.. e quasi quasi respiro rilassandomi di più.. ora sono di nuovo in casa .. sono le 21.15.. e penso tra me e me e lo scrivo anche che i detrattori coloro che sono pronti a giudicare te le tue cose la tua vita ce ne saranno sempre.. io ci rimango male sì .. ma poi passa.. una scrollata di spalle.. un paio d’ore per riprendersi .. per ritrovare te stesso.. non fare in modo che si oltrepassi la misura con prudenza e pazienza.. tanta pazienza.. e scopri scopri terre nuove di forza interiore che non conoscevi .. e ti vuoi ancora più bene.. da te appunto.. da te..

senza levare niente a nessuno.. a nessuno.. ma nessuno si può permettere neanche per un istante di far sentire “nessuno” qualsiasi altro essere umano.. questo un mio principio che spesso viene preso per debolezza.. ma che non è.. ma non è qui che devo scrivere queste cose sono incise dentro di me.. in questo pazzo mondo malefico.. che tutti fa soffrire .. o quasi..

e va bene.. lo sfogo anche oggi c’è stato.. e non è giusto che io scriva queste cose.. forse, ma ne avevo bisogno e poi credo ma non ne sono più tanto sicura ci dovrè  pur essere libertè  di … pensiero pur banale e semplice .. ma portante..

sarè  anche che il mio equilibrio faccio una fatica grande come tanti a renderlo stabile.. pertanto.. scrivo anche per questo come se lo scrivere fosse in realtè  uno “stabilizzatore dell’umore” che tanto è andato in voga negli anni del ‘900 e forse credo anche ora.. con un puntino di speranza nel cuore affinchè ci sia più libertè  per tutti non solo per coloro che hanno la soglia del dolore più bassa e quindi soffrono molto di più.. ma libertè  di essere.. che ancora è così distante dalla veritè .. ancora si è molto indietro per questo quasi a livello di medioevo.. e oltre.. libertè  di pensiero di opinione di azione .. di parola..

sembra proprio una “filippica” quello che ho scritto oggi.. ma molte persone soffrono proprio perchè non riescono o non vengono accettate per quello che pensano sono dicono così si chiudono in se stesse.. e nasce piano piano lentamente il disagio un disagio sottile che crea un dolore inizialmente sottile di silenzio interiore e quindi infelicitè ..

pertanto invito con prudenza e saggezza ad essere se stessi.. e lo dico anche a me.., ad accettare per prima cosa gli altri.. e soprattutto non sentirsi sbagliati.. perchè a sentirsi sbagliati ci pensano giè  eserciti di persone a farlo.. a volte non si perde occasione a farlo e spero che un giorno diventi reato punibile..

autunno

faccio i conti con te – Luca Carboni

sono le 19.31 di un tardo pomeriggio .. è l’ora del tramonto qui da me.. il cielo è trasparente e azzurro chiaro e scuro ma limpido.. le luci dei lampioni tonde e gialle fanno da cornice a questo cielo .. l’Autunno è arrivato, con i suoi colori particolari, malinconici.. ma quando sei nella tua casa un po’ meno impolverata, i tuoi libri come se fossero di nuovo tutti nuovi nuovi tra uno scaffale sul tavolo da lavoro ed un altro.. e biscottini colorati color del miele qui accanto a me .. ecco.. sono di nuovo serena..

il torpore autunnale si sente giè ..

le piantine sono in casa potate e ripulite.. sanno di verde e foglie nuove..

Wisky intanto è uscito a passeggio con Hermano.. tutto tace tutto tranquillo ed io con me stessa.. sapore di solitude .. ma anche di solitudine con me stessa e non fa rumore questo silenzio che è dentro di me ed intorno a me .. un dolce sapore di castagne amarognole e fumo, una solitudine che ha il sapore di un autunno piacevole.. mi accendo intanto una sigaretta.. e mi accorgo che potrei essere in qualsiasi parte del mondo.. non c’è differenza tranne i colori dell’orizzonte marini e di questo spicchio di luna e qualche rara stella qui.. tutto il resto potrei essere dappertutto.. anche in cima ad una montagna.. anche in una splendida baita, perchè la mia casa assomiglia proprio ai colori di una baita oggi ed è anche per questo che le sono così affezionata con i suoi colori dell’autunno e con il mio sentire fluido e presente e il tutto sembra essere in armonia.. tutto sembra fluire verso un silenzio magico di una sera che sta scendendo silenziosa con le sue ombre chiaro scure.. bionde color del miele e del tabacco.. e scure .. come finestre con le sue persiane socchiuse che producono ombre con i loro giochi di chiaroscuri che fanno compagnia la notte alla fantasia..

intanto un treno merci sta transitando proprio davanti a me.. respiro lieve e continuo vorrei continuare a scrivere qui su smilingdog diario di bordo al quale non saprei proprio rinunciare.. non ho appetito.. ho mangiucchiato un po’ così liberamente e forse poi uscirò per un caffè al bar vicino casa.. per fumarmi una sigaretta sotto un cielo sempre pieno di sorprese di colori diversi.. che ispira pensieri liberi che ti conducono dritto dritto al centro del cuore.. e così forse nascono anche le canzoni.. dritte al cuore o nella mente.. insomma dentro di te.. e la voglia di esprimermi ce l’ho.. sono di buon umore.. sono tranquilla.. calma.. ed una foto che non trovavo più è ora in bella vista.. ed i ricordi con il tempo per me non è che sbiadiscano.. ancora.. no.. solo che cambiano di visuale.. una foto che non ti piaceva.. che ti ricordava un momento che tu non accettavi, diventa poi improvvisamente con il cuore guarito una splendida foto memoria di allegria di amore e di amicizia…

Wisky IV intanto come sua abitudine, dopo le 20.00 come Albertino del resto, dopo aver passeggiato ascoltato parole pomeridiane tra me ed Hermano, mangiato, bevuto la sua acqua fresca, mangiato i suoi biscottini finalmente arriva l’ora del sonno.. se ne va a dormire.. quasi intransigente .. del resto è un pastore tedesco! dorme sempre vicino a me e in questo momento sta dormendo alla grande ronfando sereno..

il vicino di casa è rientrato anche lui.. musica alta sempre festa in casa sua, mentre qui in casa mia regna sovrano il Silenzio.. cammino piano respiro piano parlo piano.. e la musica la ascolto in cuffia..

non ho altro da dire mi sembra..

adesso uscirò e sola me ne andrò verso il bar vicino casa.. con la testa ed il naso all’insù sempre per scrutare il Cielo.. sicura di me mentre cammino il solito sentiero che mi fa sentire a casa.. un caffè caldo.. una sigaretta.. e i sogni e i sogni.. mi chiedo… dove dove si nascondono? in quale parte di cielo si nascondono? e scruto..

la notte è ormai scesa.. un succo di arancio fresco per rinfrancar le idee e per ricaricare le pile .. un soffio di vento..

il post è terminato.. i sogni notturni mi attendono.. sovrani loro.. e lieta vado a riposare..

buonanotte

smilingdog

il cielo ha pianto questa notte

ma il cielo è sempre più blu – Rino Gaetano

e così sei qui a scrivere alle 3 del mattino il mattino è vicino ma è ancora notte notte profonda il cielo questa notte sembra piangere insieme a me.. accade.. come cadono le stelle dei desideri e si accende una luce nuova nel cielo nel cielo che è sempre più blu.. così sono qui a scrivere parole che provengono dal cuore direttamente senza il filtro della razionalitè  come pioggia battente su vetri appena puliti.. un sospiro poi niente il silenzio ed un diluvio .. e così resto inerme ancora una volta impotente nella mia impotenza ed inadeguatezza.. me ne torno in casa .. accendo il pc ed ascolto musica rock.. forse capisco il rock per la prima volta.. penso mentre sono tutt’uno con il video di Lou Reed.. stessa canzone che ascoltai stesso autore che ascoltai quando piansi per Titti.. una cara mia amica ed il cielo pianse anche allora alla stessa maniera.. ricordo ricordo ricordo

… sono qui adesso distesa su un fianco nel mio letto, la luce accesa e Wisky IV vicino a me, una sigaretta fuma lentamente nuvole di fumo .. le mie mani questa sera non vogliono scrivere tantissimo.. sono stanche .. così appoggio la testa sul palmo della mano toccando i miei capelli per cercare di calmarmi un po’ di più.. vedere piangere il cielo accade piangere insieme a te anche..

e poi avere il tempo di ricordare tante cose.. il rammarico di amare e non dirlo anche accade.. il pudore lo chiamerei e non egoismo il pudore di non rivelare i propri sentimenti così per una forma eccessiva di discrezione e paura di non essere accettati.. di non piacere per quello che si è.. di scendere a conclusioni matematiche affrettate e prendere tempo come se di tempo ce ne avessimo a bizzeffe.. mentre il vento soffia fortissimo come non si è mai visto.. un vento che ulula e pioggia battente..

ma il cielo è sempre più blu

canta Rino Gaetano giè  e gli dò ragione.. e questa canzone che in questa brevissima e lunga notte è come se l’ascoltassi davvero per la prima volta.. la capissi davvero per la prima volta, la canto anch’io .. una canzone che è un inno alla vita che continua.. che continua.. con un senso .. in più!

a te, Libera!

smilingdog

in attesa dell’aurora

penso positivo – Jovanotti

un mattino presto è ancora buio fuori il cielo è tutto scuro e solo l’insegna del bar è accesa.. mi preparo un caffè con del latte fumo serenamente un paio di sigarette che fumano lente insieme a me.. tutto tace tutto è silenzioso ed io sono di umore lieve leggero buono.. canticchio quasi.. ed è sempre così quando mi sveglio il mattino presto prestissimo in attesa dell’alba .. dell’aurora .. così decido di uscire, indosso una giacca leggera pantaloni in felpa la mia maglietta preferita color giallo canarino ed esco.. vorrei starmene per conto mio davanti al mare e al cielo senza tante parole o convenevoli di sorta.. vorrei starmene per conto mio con me stessa ed ascoltare il leggero leggero venticello che rinfresca me e la mia mente.. ma niente .. c’è gente.. non posso neanche sedermi così bevo quasi veloce un caffè.. fumo fuori all’aperto una sigaretta quasi scomoda con me stessa.. perchè non ho voglia di parlare con nessuno.. è tempo che gli altri mi disturbano disturbano il mio fragile equilibrio.. la mia fragile serenitè  chè almeno il mattino sia possibilmente “mio”.. mi chiedo mentre torno a casa con le spalle quasi ricurve.. rientro in casa.. non demordo.. l’umore è lo stesso di prima che uscissi.. casa dolce casa pur confusionaria e colorata resti sempre la mia casa il mio rifugio da parole urlate da parole non dette.. da pensieri che non ti riguardano così mi affaccio alla finestra.. le piantine sembrano loro respirare ossigeno e mi accendo una sigaretta..

chè io non stia più bene con gli “altri” è tempo ormai direi memorabile.. tanto tanto tempo.. ne ho perso il conto.. altri di tutti i generi umani.. tranne qualche raro ancora momento.. raro.. e non credo il motivo sia, forse, che non stia bene con me stessa ed allora.. non sto bene con gli “altri” .. in realtè  è che non sto bene con gli “altri” perchè ogni parola, ogni silenzio soppesato, ogni pensiero è distante oppure quasi offensivo.. per me, e non so se è un periodo oppure addirittura il mio strano destino, ma la qual cosa ancora mi disturba .. cercherò una volta per tutte cercherò di evitare.. di non farmi più offendere da alcuna parola che sia dovuta a causa di rabbia causa di frustrazione o addirittura un fatto di ignoranza.. mi devo saper difendere ed è, forse, anche ora.. perchè non è giusto.. per me stessa tutto qui.. così la tendenza a trattare “gli altri” come “gli altri” trattano me e non solo, esiste c’è.. giè  tendo a farlo.. anche se non lo reputo affatto giusto e con il tempo troverò la maniera più giusta per agire nella maniera migliore.. volendomi più bene, semplicemente volendomi più bene..

è con amarezza che constato questa maleducazione .. questo senso di disagio che circola nell’aria.. questa infelicitè  questa sorta di dolore che, me compresa, rende tutto più arduo più difficile .. più brutto.. allora è meglio tacere.. respirare profondamente.. e andare avanti.. provare a star bene ugualmente.. non è facile.. non siamo robot anche se tutto tutto il flusso della vita tende a farti diventare un ufo.. come dice spesso un mio caro amico.. un ufo in mezzo agli umanoidi ufo anch’essi.. e questo è un sentire che affiora ora sì, ma che è tanti anni che vive dentro di me.. questo disagio a questa esistenza.. a questo linguaggio che quasi non percepisco e non voglio più ascoltare.. e per fortuna c’è la musica e Wisky a farmi compagnia con i suoi bei ronfi mentre dorme sereno vicino a me..

sospiro più profondamente.. mi accendo una sigaretta.. nessuno ha mai detto che la vita è facile.. scorrevole come acqua limpida tra vallate di fiori colorati e profumati.. no.. non è scritto da nessuna parte.. ma ci sono dei momenti per esempio come adesso qui di notte nel silenzio naturale della Natura stessa nel silenzio dove ascolti solo i battiti del cuore e gli aneliti dell’animo chè respiri e sei contenta.. addirittura felice.. un angolino tutto per te.. per me.. pieno denso del mio di silenzio, un momento del giorno nel quale non ti senti sbagliato.. affatto.. ma anzi ti senti proprio a tuo agio dentro di te.. con anelli di fumo che fanno da cornice ad un tutto che sei tu.. nella notte.. senza essere disturbato da nessuno.. nessuno.. in attesa, una bella attesa, dei colori sempre diversi e nuovi di un nuovo giorno, di un’aurora che amo che amo ..

smilingdog

canzone d’amore

Regalami un sorriso – Drupi

Eccomi qui davanti all’amato foglio bianco per tippettare ancora un po’.. smilingdog il mio amato diario di bordo si è potuto riaprire.. ed eccomi a scrivere qui di nuovo e con me stessa.. allegramente anche.. anche .. fuori piove sembra piovere e non fermarsi.. le piantine bagnate d’acqua sono lè  fuori.. mi hanno detto che l’acqua piovana fa bene alle piante così… seguo le istruzioni anche se fuori fa un po’ freddo .. solo un po’.. il Cielo è tutto grigio.. un manto ricoperto di nuvole tutte insieme grigie color di un Autunno inoltrato un colore che amo moltissimo a dire il vero anche se proprio quello che più assomiglia al tuo modo di essere di vivere di sentire proprio lui l’Autunno un tempo sembra, m’ingannò.. e così vivo questo tempo che amo, in una maniera tra il circospetto e il vivere in sintonia con me stessa.. come se fossi un tutt’uno con il colore del cielo con questo tipo di pioggia e questi profumi che sanno di natura bagnata, rigogliosa e color beige.. Improvvisi, repentini i ricordi vanno alla Jamaica.. in un tempo distante ormai, e ripenso alle piogge torrenziali alle quali io ed Hermano felici abbiamo dovuto assistere e sottostare felici di essere lì e stupiti di queste gocce così equatoriali, tante e calde allo stesso tempo.. quando torni dalla Jamaica non te la togli più dalla mente e dal cuore .. resta dentro di te..

questa mattina per ritrovare un po’ di serotonina perduta negli anfratti di giorni ansiosi e meno.. ci ho impiegato un po’ di tempo.. qualche canzone a me gradita.. e poi è arrivato il mio buon umore.. il livello di serotonina si è elevato sulla giusta soglia ed il mattino ha preso quota.. ora sono le 16.12 del pomeriggio.. e mi accendo una sigaretta.. le finestre di casa sono chiuse ormai.. solo il rumore di auto che scorrono sotto casa lasciando dietro sè scie d’acqua… Intanto Wisky IV dorme serenamente vicino a me e tutto tace.. silenzio intorno.. respiro soddisfatta.. perchè quando tippetto raramente non sono soddisfatta.. difficilmente non sono soddisfatta quando scrivo, così tippetto ancora di più mentre una sigaretta fuma solitaria aspettando me.. senza fretta alcuna.. senza la frenesia che i pomeriggi autunnali regalano .. pomeriggi sì lunghi, silenziosi ma senza frenesia.. senza l’assillo di voler agire, pomeriggi piovosi.. in compagnia di se stessi.. e sereni.. a volte, ed oggi è un giorno così.. sereno.. Una boccata di fumo ed eccomi sulla tastiera a tippettare.. e un sorriso dall’animo puntuale fa capolino ogni qualvolta che scrivo.. proprio come un viaggio al centro di te stesso.. come creare silenzio intorno a te.. dentro di te ed anche lè  fuori.. dove tutto diventa più nitido.. meno pesante.. più lieve.. così scrivere fa bene, e non importa cosa scrivi o come.. l’importante per me è comunicare con me stessa.. e con un eventuale lettore o lettrice.. ed anche considerarlo, lo scrivere, simpaticamente un amato lavoro.. chè ti rende libero.. libero.. e libero.. e sorrido ancora.. e l’invisibile diventa visibile.. tutto è dentro e fuori di te.. e come una Dea dalle mille mani e tentacoli… la Natura fa in modo che l’anima mia senta il fluire delle emozioni.. il centro di se stessa e trovi la forza di camminare ancora.. con una nuova energia .. una energia rinnovata

e così.. vola la mente mia.. verso lidi conosciuti .. che ami.. e sorridi ancor di più.. perchè l’amore che si prova non te lo può portar via nessuno.. se lo si prova .. è anche e soprattutto tuo.. del Cielo.. della Terra.. e del Cuore.. e così come una spiaggia bagnata dal sole al tramonto.. vengo a consolarmi.. ad asciugarmi.. come perla di mare nel profondo di un mare calmo chè sembra cantare per te come dolci sirene di giorno dolci melodie e far sognare la notte, e la vita continua, susseguendosi giorni su giorni, e la notte insegue il giorno e l’aurora.. forse chissè .. ci troverè … ancora..

smilingdog