vento e parole..

cammino per la via, il vento scarmiglia i miei capelli allungati sul viso, è decisamente freddo, ed anche il cielo è tutto grigio.. tipica giornata invernale.. da starsene per tutto il giorno in casa, magari nel lettone con Wisky IV che dorme vicino a te.. ed invece decido di uscire, un cappuccio, un succo alla pera ed un sandwich sono sufficienti per il mio pranzo, una sbirciata ai giornali, mi siedo di fuori all’aperto davanti al mare e fumo serena una sigaretta.. il silenzio intorno mi placa ed i colori del mare chè si confondono con quelli del cielo sono lì davanti a me.. mentre le onde s’infrangono fragorose sugli scogli.. due gabbiani volteggiano liberi verso il mare.. nel vento.. una danza che non si stanca di danzare.. li guardo e i miei occhi si riposano.. il vento accarezza il mio volto mentre la sigaretta fuma indisturbata..
respiro aria di un giorno nuovo, respiro aria fredda e fresca ed ho l’impressione di cercare parole per il mio blog qui.. fumo e respiro ossigeno e mi sento anch’io nuova, come se il mattino davvero come dicono i latini avesse l’oro in bocca.. respiro ossigeno e tabacco chè s’annuvola nell’aria fresca d’inverno.. le barche davanti a me si muovono ondulate al ritmo delle onde .. mi sento un po’ più libera anch’io in questo giorno di mattina.. un giorno freddo ed io chiusa nel mio piumino blu..
rientro in casa.. Wisky IV mi guarda con un occhio solo, l’altro dorme, mi guarda tutto allungato nel suo torpore, dal suo divano azzurrino e oro.. la casa mi sembra proprio il mio rifugio.. dalle tempeste di vento aria e mare.. la casa è calda ed io comunque indosso un maglione bianco e caldo, un regalo di Hermano.. ci sto bene ed il bianco mi aiuta a trovare le parole per scrivere qui.. ogni colore ha le sue potenzialità.. ed il bianco.. oltre che farmi caldo mi copre di parole parole che assomigliano al pane fresco.. pane caldo e buono.. ora sono le 14.02, ho dormito talmente tanto ieri pomeriggio e questa notte chè questa mattina mi sono sentita quasi rigenerata.. quasi in equilibrio mentre sorseggiavo pigramente il mio caffè.. un paio di sigarette.. uno sguardo alle mie piantine in casa.. e noto che ha piovuto la scorsa notte.. lo noto dalle finestre e dalla strada davanti a me.. respiro di sollievo insieme alla Terra ed ai suoi figli.. ai suoi fiorellini che ora sono fuori sul davanzale della finestra.. a prendere aria..
mi accendo una sigaretta.. mentre le auto svettano per la via veloci, alzo lo sguardo verso l’alto e puntuale il mio pappagallo messicano mi sorride talmente tanto oggi, chè mi viene ancor più il buon umore e non solo, la speranza anche chè il giorno per me appena iniziato dia qualche bella sorpresa.. come quando si è bambini e si spera ma tanto dentro di sè in un gioco nuovo.. in un desiderio che non si è ancora realizzato ma che è dentro di te, io a pensarci bene di desideri ne ho pochi, mi sembra.. con l’età i desideri sono rimasti nei meandri fanciulleschi.. sono rimasti nei miei ricordi, ora non mi sembra, non rammento di averne.. la vita è stata così generosa.. che non ne ho.. di desideri.. certo.. alcuni resistono.. esistono.. ma se devo essere sincera.. di desideri oggi non ne ho.. sto bene così.. se ci penso bene sto bene così.. credo di poter affermare che i desideri non m’appartengono .. e raramente mi sono appartenuti..
anche se il desiderio di scrivere di trovare parole buone per il mio smilingdog esiste.. c’è.. ed è un grande stimolo alla vita.. a vivere.. pertanto desidero anch’io.. da quando mi sveglio, mentre guardo il cielo di prima mattina curiosa di coglierne i suoi magici colori, con una sigaretta accesa.. mi riscopro a raccogliere parole.. e già, forse è proprio vero.. anche le parole.. son desideri..

smilingdog