non sono sola..

Esco, sono le 10 della sera, vedo un’insegna accesa lungo la via e m’incammino.. solitaria, le auto sono pochissime, dall’altra parte della strada il mare calmo, lo noto dalle barche sul molo.. ferme e bianche.. le loro vele sembrano disegnate e ferme.. io cammino e guardo la strada ed il cielo, gli occhi all’insù.. nessuna stella.. ma il cielo è blu scuro e bello.. ristoratore.. mi fa respirare e sognare mi sento libera.. cammino e arrivo al bar aperto.. un caffè, un succo alla pera fresco fresco.. un po’ di goloserie da mangiare.. chè ho fame.. e mi siedo all’aperto.. non ho fretta.. e mi sento bene.. sorseggio il caffe con la luna di fronte a me.. il verde della collina alla mia sinistra rinfresca insieme alla volta celeste grande sopra di me, me ed il mio spirito.. finalmente mi sento bene.. respiro ossigeno buono.. e ricordi d’oro ricordi dorati come le stelle nascoste in un cuore.. brillano mentre sorseggio il mio caffè.. brillano dentro di me.. ed io.. felice.. respiro polvere di luna e stelle immersa nella Natura di sera.. il silenzio e tutto tace.. sorseggio il mio caffè.. mi accendo la mia sigaretta.. e nessuno mi viene a disturbare.. anime notturne.. il bello della sera.. del buio.. di chi ama starsene in compagnia dell’aria notturna solitaria.. affascinante.. e silenziosa.. le parole dei miei pensieri dal cuore però parlano.. tra me e me.. tra una boccata di fumo ed un’altra.. ricordi dorati rinfrescano fanno vibrare la mente.. appena sveglia dopo un pomeriggio di lungo sonno.. la mente si rinfresca senza malinconie.. e continuo a fumare mentre uno spicchio di luna curioso come Timbuctu sembra solo lei farmi compagnia.. e così mi accorgo di non essere sola.. non più.. tu Fratello Sioux nel cielo e nel cuore.. e nella mente e dentro di me.. m’accompagni per la via.. questa via così misteriosa.. ma con una strada insieme a te piena piena di stelle dorate.. cammino come se avessi un cappello in testa a proteggermi da tutto.. dal caldo, dalle ombre.. dalle disillusioni.. dalla Vita stessa.. e questa la mia contentezza nascosta.. celata più che altro ma che non sfugge.. a chi mi affronta.. ecco.. stella nel cuore che brilla tutto qui.. tutto qua.. una gioia permanente che non mi fa cambiare stato d’umore.. e non m’importa cosa chiunque voglia pensare.. io cammino serena..

ora sono le 23.40 .. è caldo questa sera.. ma ho energie.. la casa mi sembra la solita di sempre ed anch’io la solita di sempre.. riposata.. e senza voglia di andarmene a dormire.. sorrido ora tra me e me e mi diverto anche.. fumo la mia sigaretta libera libera.. senza nemmeno un sospiro di malinconia.. no.. oggi come direbbe Mina, oggi sono io.. più sicura di me.. senza tanti problemi.. no.. e mentre scrivo mi diletto qui.. sul foglio bianco chè avevo voglia di scrivere.. questa sera.. l’estate sembra davvero essere agli sgoccioli e la cosa non può che darmi buon umore.. l’Autunno con le sue foglie colorate di rosso e marrone.. i suoi cieli e i suoi silenzi della Natura che s’addormenta.. le sue pioggerelline che ci costringono in casa a guardarle dalla finestra.. m’affascina, i suoi colori come piacevano a mia madre, colori beige e marroni.. color delle castagne.. mi piacciono.. moltissimo.. l’Autunno .. e la sua poesia.. le sue poesie..

mi piace starmene in casa.. e tanto.. non mi reputo una casalinga.. ma un’amante della casa.. nel senso che mi ci trovo a mio agio.. con i miei libri.. le mie cose.. i miei ricordi di quando ero ragazza, con i ricordi delle mie chiacchierate con mia madre, i nostri caffè caldi.. le mie sigarette.. sempre tante.. insomma .. sono sempre.. io .. eccomi qui.. oggi.. contenta .. di esserci.. come accade molto spesso.. ed il silenzio della mia casa mi piace.. basta che mi fermo solo un po’.. solo un po’.. per riflettere .. e non aver paura d’incontrarmi.. di incontrare me.. perchè.. se non mi voglio bene io? con una vita vissuta a dare e a dare e ad amare tanto.. da chi mi dovrei aspettare amore? da me senz’altro.. ripescando dai miei ricordi.. di mia madre.. chè mi ha sempre ribadito imperativamente e dolce: “Divertiti Vanna!” .. divertiti Vanna.. ed io mi diverto.. ma sono cresciuta.. e mi diletto in maniere differenti.. e gli amici.. li amo anch’io.. a modo mio.. come ognuno ama a modo suo..

smilingdog

E sorridere..

è caldo, poi ventate di fresco, il tempo è instabile.. ed io sono stanca.. Timbuctu è disteso accucciato su di una poltrona, comoda comoda, mi accendo una sigaretta e decido di aprire il mio blog smilingdog, sono un po’ stanca, da tutto il giorno, dovrei andarmene a dormire subito una vocina dentro di me mi suggerisce già da un po’.. ma come una bambina piccola che non vuole, eccomi qui a tippettare, sospiro, e scrivo quasi lentamente quanto per come respiro.. l’aria è decisamente calda.. ed anche soffocante.. fumo.. dimentico che siamo ancora nel mese di Agosto.. dimentico.. e mi stupisco di questa calura chè mi spossa tanto.. sono giorni e giorni che il tempo corre corre velocemente e non ho mai un momento per me.. e la cosa da una parte non mi dispiace dall’altra.. mi vengono a mancare le parole che sorgono in me solo quando me ne sto per conto mio.. in silenzio interiore.. fumando magari una sigaretta appoggiata al mio amato tavolo da lavoro.. guardando sospirando i miei fiorellini sulla finestra del mio soggiorno.. il tempo cambia come cambiano anche le stagioni mentre cerco di porre resistenza, almeno ora, ai giorni che corrono via portando via anche me stessa.. ecco.. ho bisogno anche di me.. soprattutto di me.. come del resto ho bisogno di tantissime cose.. persone.. voci.. abbracci.. e via via.. dicendo.. sospiro stancamente.. mentre le dita solo ora sembrano rilassarsi.. come me forse.. solo ora.. mi piacciono le ombre qui nella stanza che sembrano farmi compagnia chiaro scure inframezzate da ombre color del miele.. potrei essere in chissà quale posto.. ed invece sono qui.. con me.. come altre sere della mia vita.. una vita che non narro.. non più..

ed il tempo corre e se ne va.. i colori dell’Autunno si avvicinano..

intorno silenzio.. non è ancora notte.. le onde sono distanti..

tante domande ancora da porsi.. e accorgendosene che ce ne sono.. mi sento più viva..

il cielo è senza stelle.. le nuvole si rincorrevano questo pomeriggio bianche in un cielo terso ed azzurro.. il mare una visione all’improvviso.. ed il vento a rinfrescarmi l’anima..

ci sono giorni chè sembrano non avere senso.. ma ogni giorno ha motivo di esistere.. e darne valore è un dovere secondo me.. oggi Timbuctu, per esempio, ed è poesia.., ha incontrato il suo primo “amichetto”, un cagnolino simpaticissimo, di nome Golia, il mio gattino non ha inarcato la schiena ma anzi con la sua flebile vocina dolce ed unica ha salutato con un dolcissimo miao il suo primo “amico”, Golia da par suo ha scodinzolato annusando felice..

guardo l’ora, sono le 22.10, il mio vicino di casa ha ripreso l’abitudine da oggi di ascoltare la sua musica .. sì, mi manca il cielo da guardare.. l’aria da respirare.. la mia sigaretta tra i fiorellini.. mi viene quasi voglia di andarmene da qui.. dalla città.. mi viene voglia di verde.. di aria libera.. di libertà per il mio gattino Timbuctu, aria aperta e verde intorno.. chissà forse un giorno potrei anche andarmene da qui.. e mi viene da sorridere.. perchè forse il cuore ha bisogno di sogni.. ha bisogno d’aria sì, ma anche di sognare.. e di far felice chi ami.. ed anche te..

sorrido ora, mentre ascolto musica buona dall’altra parte della parete.. musica napoletana.. sospiro.. mentre fumo ancora fumo e salsedine di mare..

non ho tante energie.. ma ancora non ho voglia di andarmene a dormire.. leggerò forse qualcosa o ascolterò musica.. o ascolterò forse quel che rimane dei miei pensieri..

è anche questa un’età difficile.. giorni buoni e giorni più pesanti.. ma non è adesso il caso di parlarne..

piccole annotazioni.. e mentre scrivo provo a connettermi con l’etere dal cielo alla terra a me.. per inserire una canzone qui.. demotivatamente.. mi metto all’ascolto.. una sola canzone nel cuore, Vivere .. .. è passato tanto tempo.. .. una poesia di canzone.. che non mi stanca mai.. incisa nel cuore..

Genny è pazza

sola me ne vo per la città .. e già .. sembro cantare guardando la strada bagnata di pioggia e le nuvole lassù in alto colorate di bianco.. cielo nord-europeo.. caldo afoso .. pioggia .. giorni di noia.. giorni soli.. giorni di pensieri, caffè caldi e sigarette solitarie.. sto bene così, però .. sola con me ed i giorni le cui ore passano senza voce alcuna.. i colori sembrano sbiaditi ed i giorni festivi sono ormai alla fine.. la sigaretta fuma annoiata anch’essa sembrerebbe.. ed io mi nutro di caffè.. ancora caffè.. e sonno.. solitaria giro per la casa.. riposando la mente, i pensieri.. ne approfitto di questi due giorni festivi per occuparmi di me, del mio riposo.. chè non mi riposo mai in realtà .. così eccomi qui a scrivere solo ora, nel tardo pomeriggio.. sono anche serena qui di fronte al pc, il mio foglio bianco e le mie dita che tippettano veloci sulla tastiera.. non ho molto da raccontare.. come spesso accade.. quasi niente.. mentre le onde scivolano sulla riva distanti anch’esse da me.. celesti color dell’autunno.. chè autunno ancora non è.. onde silenti e distanti anch’esse.. come tutto il resto del mondo.. da me..

sbuffo annoiata.. ma sempre meno di altri giorni.. il colore del cielo è chiaro e promette ancora pioggia.. non ho voglia di tante parole.. il silenzio che è qui con me.. mi fa una grande compagnia.. come il fumo della sigaretta appena spenta chè sale su piano piano come una stella filante verso il soffitto bianco.. non ho tante parole dolci da raccontare nè da scrivere.. forse non sono nè dolce.. nè un bel niente di tutto questo.. l’amaro si fa sentire in bocca e la tendenza a fare un paio di conti con la vita c’è.. un paio di considerazioni tra me e la vita ci sarebbero da fare.. sbuffo nervosa.. la mia maglia color fucsia di cotone buono e leggero non mi consola.. non sono giù di morale.. no.. ed anzi mi piacerebbe uno stile di vita così.. spartano spartano.. con poche parole da dare e dire.. quasi vorrei buttare il telefono dalla finestra.. e con le cuffie ascoltare buona musica.. m’accendo un altra sigaretta.. faccio un paio di conti e mi accorgo che son ben due giorni che sono rintanata in casa senza uscire affatto.. forse anche questo il senso di chiusura verso il mondo esterno.. m’accendo la sigaretta.. aspiro e non intendo cercare ispirazione.. o c’è e non c’è.. le mie mani mi fanno intendere che non ci sono problemi.. ci pensano loro a scrivere il post di oggi .. ok.. mi fido delle mie mani.. mi fido.. e alla cieca quasi mi ritrovo a scrivere fumando, ed ascoltando me stessa.. il mio essere interiore.. mentre un cane là fuori abbaia abbaia.. al vento caldo di questo pomeriggio.. le auto transitano come fossero in gita.. io di colpo cresciuta.. e ritrovo me.. con i miei limiti e la mia essenza.. tutto in un granello.. tutto in un centro al centro di me stessa.. un centro che si vorrebbe anche ribellare ma anche no.. a questo stato di cose.. a questo stile di vita.. e più attiva vorrei essere.. ma forse anche no.. mi piace scrivere qui.. mi accontento anche così.. se solo.. se solo.. e sorrido ora sorniona.. ma anche debolmente.. amareggiata da limiti che questo mondo dà con la convinzione dentro di me di non meritarmeli.. già.. meglio fumarsi questa sigaretta in silenzio.. ancor di più.. un silenzio che chissà chi può ascoltare.. come posso pretendere ormai che qualcuno ascolti il mio di silenzio.. quando.. quando .. forse è ormai tardi.. quando il silenzio esiste.. e forse è l’essenza del tuo essere.. la solitudine esiste.. e per fortuna.. c’è la musica a farmi compagnia.. da tanto tempo.. che ne ho perso il conto.. e va bene .. va bene .. anche così.. ci sono giorni.. chè sto con me stessa.. e mi sento.. innocente..

smilingdog

il cielo sopra di me.. ed una canzone

.. ogni volta che ritorno.. ogni volta.. quando.. guardo il cielo.. azzurro e blu cobalto.. nemmeno una stella a brillare.. eppure è chiaro e limpido il cielo lassù .. mentre dal balcone di casa fumo in santa pace una sigaretta nel silenzio della sera.. e Timbuctu esitante si gode l’arietta estiva insieme a me.. rientro in casa abbastanza ritemprata dal fresco della sera e apro il pc.. ho voglia di scrivere qui su smilingdog.. senza timore di sbagliare.. libera di tippettare sulle lettere della tastiera come sciolta, libera appunto di far scivolare le parole che di getto arrivano a me.. ristorata, rinfrancata dai colori della Natura.. dalla lieve brezza che arrivava dalla collina antistante il mio terrazzino.. i fiori e le foglie verdi e grandi.. una quiete ed un senso di pace mi hanno come nutrito l’animo.. un grande senso di pace.. di solitude e di voglia anche di cantare e per me scrivere è come cantare una canzone tutta mia.. ecco.. una melodia.. che mi diverte .. la sigaretta fuma i colori della casa sembrano curare quello che mi circonda.. tutto mi appare in ordine .. forse perchè in ordine ed in stato di pace mi sento io.. tutt’uno.. l’orologio segna le 23.48.. ho appena terminato di vedermi un film, una commedia inglese che mi ha trasmesso buon umore.. ho riso dopo tanto che non ridevo.. mi sono rilassata.. ed eccomi qui.. l’estate sembra essere al termine.. non nego che la cosa anche questa mi metta di buon umore.. l’Autunno ed i suoi colori.. pensandoci adesso mi piacciono.. ma non voglio andare troppo in là con i pensieri.. eccomi qua.. con la grintina di essere qui a scrivere di me, di Timbuctu, e non saprei cos’altro.. ma intanto le dita scrivono si divertono.. ed io mi sento bene qui di fronte al foglio bianco e lucido.. mi fa sentire libera.. e bene.. mi accendo una sigaretta.. le onde del mare che da qui si sentono infrangere sugli scogli sono silenziose, lente e notturne.. intanto mi fanno compagnia.. non mi sento in questo momento di aver bisogno d’altro.. il ventilatore di fronte al tavolo dal quale scrivo intanto gira lento e pigro.. ma un po’ d’aria c’è anche qui in soggiorno.. mentre mi chiedo dove si sia nascosto il mio gattino.. tutto nero.. con gli occhi grandi e gialli.. bellissimo.. e dolce come un bignè.. un bignè alla crema, il nostro rapporto è decisamente migliorato.. ci svegliamo il mattino ed è una gara di dolcezze tra noi.. devo dire che mi sveglio molto bene in sua compagnia ed anche lui mi sembra così felice insieme a me.. sì sembra proprio un pasticcino il suo carattere ed anche il suo miagolìo dolce.. dopo giorni di silenzio interiore m’è tornata la voglia d’ascoltare musica.. sono rientrata.. da un caldo disarmante chè mi ha tolto il respiro.. solo ora mi sembra di tornare a vivere .. di tornare a respirare ed ho fatto, sembrerebbe, pace con me stessa.. dopo un turbinìo di emozioni.. di tempeste solari animiche .. che non credo m’appartengano.. la vita solitaria che vivo da tanto tempo m’appartiene .. se solo si potesse scegliere la propria vita.. se solo.. bè sono contenta di vivere con Timbuctu ed in compagnia dei miei pensieri.. dei miei libri.. delle mie piccole cose.. e trovo anche le parole per poter scrivere.. dettate da un silenzio interiore che m’appartiene.. da sempre.. credo.. una cara ragazza mi ha regalato un libro molto molto interessante.. e lo ammetto tornare a “leggere” un libro dopo tanto tempo che non lo facevo con così grande piacere.. bè mi sta aiutando moltissimo oltre che per lo spirito, anche per la mia vita.. ne accresce di qualità.. e solo ora rammento di quanto tempo sia trascorso prima di trovare un libro che mi fosse congeniale.. come un sassolino che riporta in casa Pollicino.. un rientrare in se stessi.. ed avere tempo per nutrirsi realmente.. era davvero tanto tempo che non provavo questa squisita sensazione.. Grazie! da qui..

questa è la novità…

m’accendo una seconda sigaretta.. senza pensare troppo.. chè le parole vengono da sè.. bevo un po’ d’acqua chè mi rinfresca..

troppi dubbi fanno male al cuore.. devo staccarmi dal passato chè è fortunatamente trascorso.. vado avanti.. magari forse sono anche ferma.. ma sono in compagnia di me stessa.. concentrata e centrata su di me.. non so se sia giusto in realtà.. ma è la cosa che la vita sembra avermi dato come scopo.. non ci trovo niente di male ad esserne contenta.. ogni volta che ritorno.. non vorrei avere troppi dubbi .. sul fatto che sia giusto o meno.. essere me stessa.. è così difficile con gli altri.. così arduo.. per me.. che credo proprio sia cosa buona starsene bene in propria compagnia.. magari con un buon libro, un gattino, i tuoi amati I Ching, insomma.. che male c’è? .. indietro non mi voglio voltare.. anche se costa fatica.. mi piace starmene qui.. di fronte alla mia finestra con le mie piantine.. colorate di foglie nuove e verdi.. insomma.. rispetto la mia età  e soprattutto se ne ho.. dovrei rispettare un po’ anche i miei pensieri.. io mi fermo qui..

smilingdog

fidati di te..

l’aria è calda, il cielo denso di nuvole bianche.. il cielo anch’esso è bianco.. sapore di caldo, il mare in lontananza è silenzioso.. le auto transitano per la via poche e solitarie.. giorni di agosto, un mese che non ho mai amato molto.. respiro a fatica mentre sorseggio distante da tutto un caffè, distante da me dal mio modo naturale di essere soprattutto il mattino.. mi sveglio con Timbuctu che miagola dolcemente per salutare me felice di vedermi.. fumo quasi ancora ad occhi socchiusi ma gustandomela già una salutare sigaretta.. essa fuma nonostante me.. fumo e guardo i colori allegri della mia camera da letto.. un nuovo giorno.. è un momento bello quello che mi vede svegliarmi il mattino insieme al mio gattino, è un momento che mi delizia.. fumo contenta.. mi sveglio e mi avvicino alla cucina.. un caffè.. mentre guardo dalla finestra del soggiorno.. sbuffo.. e mi accendo un altra sigaretta.. seduta al mio tavolo.. sorseggiando caffè.. un succo di frutta .. mentre i pensieri navigano essi tra nubi di nebbia.. non mi va non mi è mai andato di pensare troppo.. come se il pensare significasse anche soffrire.. e forse è anche vero.. non mi va.. ma oggi non riesco a farne a meno.. io che è tutta una vita che provo a non pensare più.. a pensare il meno possibile.. così mi tuffo su un altro caffè cercando invano di ritrovare il mio buon umore.. lo cerco.. lo cerco.. invano.. non lo trovo.. va bene.. forse è anche il caldo.. e poi Agosto non lo amo molto.. mi tuffo abulica sulla musica.. provo con del Rock italiano.. chè mi piace.. una voce amica si fa sentire.. un balzo di serotonina ed una parte di cuore batte per un istante.. è uno di quei giorni.. grigi di nebbia dentro.. ed io non vorrei.. non voglio .. ascolto ancora musica.. ma praticamente desolata e assente.. come se mi mancassi da chissà quanto tempo.. oggi..

ora sono le 15.33 faccio i conti con me stessa.. la sigaretta sulla bocca mentre le dita tippettano esenti esse da certe sensazioni di vuoto.. loro tippettano.. nonostante me.. come la vita, forse, che continua.. nonostante me.. allora guardo il mare.. da qui.. lui, mio interlocutore di tanti momenti in cerca di silenzio interiore.. di parole saline che rincuorano.. il mio mare proprio qui di fronte a me.. amico caro e antico.. mare mio.. le cui onde oggi sono dolci a me.. soavi.. ed il suo colore azzurro color del cielo.. quasi quasi or ora.. mi rasserenano.. ritrovo me.. e un’alito di vento.. lo spirito.. mio.. ecco che riemerge.. sale da una profondità che sì m’appartiene.. ma forse no.. non so.. e non voglio ragionarci su.. ora.. che torno solo ora, a respirare.. i sensi si acuiscono nuovamente.. gli occhi tornano a guardare curiosi e pieni di vita.. i colori e le cose che li circondano.. Pasqualino, l’ovone di Pasqua, è lì vicino a me ed al papagallino.. curiosi tutti e due e contenti di un giorno nuovo ed appena appena cominciato.. sì scrivere mi fa bene.. proprio.. ed un accendino con tante coccinelle colorate di rosso e lillà sembra fare cucù di fronte a me.. tutto ha il sapore della vita.. della vita che mi piace tanto.. respiro.. contenta di essere.. ed i miei occhi tornano ad avere la loro espressione.. non ho voglia di parlare del mio vissuto.. chè poi sono ferite che si potrebbero solo riaprire.. non mi fa bene.. non fa bene, credo.. ed io.. ed io.. sospirando qui.. di fronte al pc, divento realmente libera.. come quando mi affaccio alla finestra fra le mie piantine e guardo il cielo azzurro la notte.. libera.. ecco.. ed una folata di vento m’accarezza il volto ed i capelli.. la notte.. Ecco sì mi manca in questi giorni la mia libertà.. ma va bene così.. anche questa sensazione passerà.. la vita mi ha insegnato questo.. passerà.. e la libertà.. è uno stato d’animo per il quale bisogna combattere .. forse chissà.. ogni giorno?.. spero di no.. ma è certamente un valore per il quale bisogna vivere..

smilingdog

c’è una stella, lassù.. per me

mi sveglio all’improvviso è ancora sera, notte.. sono appena le 23.48 e sono riposata, un caffè ed un paio di sigarette.. è buio e silenzio intorno, tranne Timbuctu che si sveglia con me dolcemente e miagola solo un po’ per salutarmi.. ci sembra mattino ed invece, ma che bello! è ancora notte.. penso e dico tra me e me, tutta una notte davanti a me, sveglia ed anche pimpante.. mi accendo un’altra sigaretta.. fumo e mi guardo intorno..

ricordo poi che è la Notte di San Lorenzo.. la notte delle stelle cadenti e dei desideri.. e penso quasi certa che di desideri da esprimere non ne ho.. ma questo non mi limita a non andare con il mio cellulare, pc, posacenere e sigarette ed il mio gattino sul balcone a godermi la volta celeste con la speranza pur’io di vedermi una stella .. una stella accesa solo per me.. alzo il volto e sì, una stella chè brilla nel cielo c’è, vicinissima ad un’altra più piccolina.. non esprimo un desiderio.. la vista della stella brilla lassù in mezzo ad un cielo denso di nuvole e tutto blu, io seduta quasi nascosta sulla mia sedia verde in mezzo ai miei fiorellini ed un venticello fresco che mi rinfresca l’anima ed il respiro.. no.. non ho desideri da esprimere .. no.. sono già felice così, nel mio balconcino tutto colorato.. mentre Timbuctu guarda curioso tutto quello che lo circonda.. fumo una sigaretta serena tra questi pensieri e panni stesi e mi riavvio verso casa con, sì, il desiderio di poter scrivere qui.. dopo un po’ di giorni di “assenza”.. dal mio blog.. con la buona speranza di avere parole abbastanza buone da poter scrivere qualcosa.. qualcosa chè mi possa piacere.. e sono qui ora, a scrivere sciolta e respiro un sospiro di sollievo mentre la sigaretta è al suo posto, alla mia destra appoggiata al “suo” posacenere d’argento elegante e molto bello di mio padre.. ecco tutto qui.. sono qui riposata, occhialini sul naso e le mani che scrivono senza pensarci su.. sciolte, come se le parole questa notte volessero esserci anch’esse.. serenamente.. come sono io, questa sera.. appena iniziata..

Timbuctu s’allena alle “rampicate”.. sulle sedie.. sui miei vestiti.. la casa è tutta sua.. e ci mancherebbe! dice una voce, la mia, dentro di me.. inutile dire che le sembianze della casa sono completamente cambiate.. ed anche i suoi colori .. tutto è in un ordine felino.. ora.. ormai.. e per non creare ulteriore confusione io non tocco niente.. ecco.. questo è il mio modo di rispettarlo.. faccio a Timbuctu quello che vorrei che gli altri facessero a me.. rispettare il suo modo di vivere la casa.. come vorrei tanto che gli altri (e gli amici cari lo fanno!) rispettassero il mio personale caos.. che tanto amo e nel quale mi ci trovo molto bene.. anche se poi, lo ammetto, quando la casa diventa magicamente in ordine e pulita.. ecco.. mi si spalancano gli occhi ed il cuore di meraviglia .. e magicamente mi sento quasi normale.. senza la mia caoticità chè tanto ma tanto m’appartiene.. sin da quando ero ragazza.. la caoticità dei colori.. i miei vestiti.. dove tutto trovo.. tutto è davvero in ordine.. sì, il classico ordine di noi confusionari.. che mangiamo semplice e veloce.. insomma classica tipologia di persona.. chè non è poi forse per niente confusa nella sua mente.. nella sua vita.. forse si tratta di un ordine tutto particolare.. ma non voglio approfondire.. oltre.. una confusione la mia chè m’appartiene.. non c’è nient’altro da aggiungere.. per le piantine c’è però una grande differenza certamente.. e per loro divento precisissima.. ed esse mi danno tante soddisfazioni.. fiorendo nei mesi più impensati e nonostante il gran caldo di questa estate.. fioriscono delle foglie verdi splendide.. ecco queste sì che alla mia età sono soddisfazioni! no, e sono sincera con me stessa.. non ho altri desideri.. ogni volta che guardo il cielo è davvero naturale immergersi in quel mare così meraviglioso e lucente di stelle che sembrano pioverti addosso, brillando così vicine a volte.. e mentre m’immergo in questa visione, lo so che c’è una stella tutta per me.. che brilla .. lo so.. altri desideri non ne ho.. non ne ho.. quando le stelle ti parlano.. e sei immersa come in un lago d’acqua pura e cristallina.. pochi desideri restano nel cuore, un cuore che batte all’unisono con l’Universo.. ormai..

smilingdog

voglia di sorridere..

rientro in casa, la serata di fronte al mare un thè fresco, pop corn e sigarette.. mi guardo in giro e mi sembra un’angolo sul mare in Messico, ed invece è un angolo molto carino della mia città, sul porto.. persone carine e musica gentile ed io mi rilasso .. fumando una sigaretta al vento e sopra le stelle.. un cielo blu cobalto come a proteggerci.. un lieve e caldo venticello.. ad accarezzare il volto.. ed un mare quieto, barche che riposano.. attraccate al molo.. bibite e pizze.. sui tavolini di giovani carini che chiacchierano tra loro.. volti conosciuti e sconosciuti.. sorridenti comunque.. nonostante il caldo di questi giorni.. una serata per rinfrancare lo spirito.. il corpo.. e me.. chè ne avevo proprio bisogno.. il thè fresco al limone è proprio buono tanto chè ne prendo poi subito un altro.. mi sento leggera, lieve.. in sintonia con me.. e con le persone con le quali parlo del più e del meno.. parole estive.. rientro in casa Timbuctu sulla sua sedia.. dormiva e si sveglia appena apro la porta di casa.. come un cagnolino mi fa le feste miagolando solo un pochino.. è proprio dolce e carino il mio gattino, piccolo e nero.. decido finalmente di aprire il blog.. forse troverò le parole questa sera meno calda delle altre appena trascorse.. forse.. così comincio a scrivere.. serenamente.. senza tema di sfigurare.. senza paure senza forse il “blocco” da blogger e forse anche perchè sono molto più riposata.. del resto ho dormito per tutto il giorno ed ora sono sveglia e noto, sono “appena” le 02.21 della notte e sono anche di buon umore.. sorrido tra me e me ed anche gli occhi miei sorridono.. mi fa bene starmene per conto mio.. ritrovo me.. ed anche i miei pensieri.. anche lievi.. non offuscati dal caldo, dai sogni, da niente.. pensieri limpidi.. mi accendo un’ennesima sigaretta.. il silenzio intorno non è pesante anzi.. m’aiuta m’alleggerisce l’animo.. mi sento bene.. ed in pace con me stessa.. so che non devo scrivere chissachè, non chiedo troppo a me stessa.. l’ho imparato ormai dalla vita e da me.. dall’ “alto” della mia età e così mi accontento di scrivere.. così come viene.. leggera.. possibilmente.. leggera.. la sigaretta fuma ed intanto mi fa compagnia.. il caldo in realtà non mi permette di raccontare chissà cosa.. ho poco da raccontare se non il fatto di essere finora sopravvissuta a questa Estate “torrida”.. così io e Amica Blond usciamo questa sera, usciamo e ci fermiamo a prenderci un bel caffè insieme in un bar vicino casa.. nel tragitto che ci porta alla meta.. che assomiglia ad un bar di frontiera.. accogliente sì.. ma che ci fa sentire in “vacanza”.. una vacanza con le sue fatiche dovute all’arsura al caldo.. una vacanza.. comunque divertente.. una vacanza che ci sarebbe comunque piaciuto fare insieme.. ci beviamo il buon caffè caldo, gente che va ed esce dal bar.. ragazze giovani dietro il bancone.. io mi sento giovane.. ed anche contenta di essere là fuori.. la casa può aspettare per una sera.. una sera d’Estate.. senza troppi pensieri.. una serata estiva.. andiamo al baretto vicino al mare.. un tavolino e quattro sedie.. due chiacchiere.. sigarette per tutti.. e la serata è trascorsa.. la luna non riesco a vederla .. ma non ne sento la nostalgia.. alzo il volto e noto però la stella di Venere.. bella e d’oro e grande.. meravigliosa.. e così un sussurro parte dal mio cuore.. e ricordi navigano verso le notti estive e belle dove guardavo le stelle insieme al mio caro amico del cuore.. ed il cielo sembrava essere lì solo per noi.. serate estive che non riesco e non voglio e non posso certo dimenticare.. l’estate.. sere d’estate.. che sorridendo nel cuore non dimentico certamente.. e così guardo Venere che sembra essere lì sopra il cielo ancora per me e per te.. riabbasso gli occhi.. serenamente come se il pensiero del cuore fisso.. fosse in realtà fugace ed invisibile.. e ritorno alla serata di questa sera.. dolce simpatica.. semplice.. senza troppi discorsi .. lieve.. carina.. la stella tanto brilla lassù.. solitaria e splendida..

m’accendo un ultima sigaretta e si torna in casa.. la casa è tutta ma tutta incasinata.. ma non sono incasinata io.. mi sembra per lo meno.. per lo meno mi sento così.. ed essere riuscita a scrivere un altro post.. mi sembra davvero una conquista.. ecco.. sì una conquista.. come saper riconoscere la stella della Bellezza .. dell’Arte.. e dell’Amore.. chè se ne sta lì a guardarci tutti.. sotto la sua bella aurea.. sotto la sua bella luce.. in una sera d’estate.. chè ha la bellezza ed il sapore.. del tempo.. presente..

smilingdog