un sogno.. sognato..

Silenzio intorno. Un Amico qui vicino a me si guarda un film e mi sta facendo compagnia mentre comincio qui a scrivere. Sono appena le 22.20, ma qui.. è già notte.. tutti sembrano dormire.. ma io no.. o almeno credo.. ed infatti il tippettio delle mie mani sulla tastiera mi rammentano che sono qui.. felice di essere di fronte al mio pc di fronte al mio foglio bianco e lucido. Sono più che serena, sono contenta. Ho appena avuto una buona proposta di lavoro. E la qual cosa mi rende piuttosto orgogliosa.. decisamente.. Scrivo dalla stanza di noi “Fumatori” praticamente tutti gli ospiti di questo reparto.. e mi sono appena accesa la mia amata e sana sigaretta chè, lei, appunto sanamente aspetta rilassatissima e fumante.. i miei pensieri.. non ha fretta di essere fumata.. fuma da sè.. mi diverte essere qui con il mio nuovo Amico Luca, è affascinante, uno sportivo, un atleta.. e soprattutto.. rispettoso.. e simpatico.. sono contenta! Qui nel frattempo questa sera come spesso sovente accade, abbiamo fatto “baldoria” come sappiamo fare noi.. tra patatine fritte, latte fresco e cioccolatini al latte.. e mentre mia sorella ascoltava divertitissima un mio dialogo con il mio Amico del cuore Maurizio.. quasi incredula..ma scommetterei divertitissima! io mi sono appropriata delle mie mille sigarette, intascate nelle mie mille tasche e via, la Festa è cominciata.. appena appena.. si è .. potuto.. praticamente subito dopocena..

Io per quanto riguarda me stessa sto bene.. un caffè al cioccolato portato dal caro Hermano mi ha risvegliato e messo subito di buon umore.. a volte basta poco per uscire.. da una certa .. apatia dovuta al risveglio.. e così.. verso le 18.30 mi sono sorbita un bel cappucciò, cioè cappuccino al cioccolato delle macchinette.. il migliore in circolazione.. è passato.. tramite il permesso di Luigi, un simpatico Fratello, e via, anche per me la Festa è cominciata..!

Alì, con le sue patatine in giro per il reparto.. da fotografia.. Beata a farsi le Unghie sorridendo sotto i baffi.. nel senso.. sorridente con i suoi occhi azzurri di un azzurro tipico dell’Est Europa.. simpaticissima e bionda.. mentre Steffi.. mentre Steffi fuma indisturbata la sua ennesima sigaretta accompagnata da un sempre in mano caffè nero e buono..

Con Maurizio finalmente ci siamo ricordati dove ci siamo visti la prima volta nella nostra vita.. avevamo 16 anni (siamo coetanei).. e sì.. ci conoscevamo tramite i nostri occhi belli e giovani.. forse.. proprio come ora.. è simpaticissimo ed intelligente il mio Amico del cuore.. simpaticissimo ed Intelligente.. sensibile.. e gli voglio un mondo di bene!

Infine e non per questo cosa meno importante, la telefonata allegra di mio padre..

Insomma.. tutto bene quello che .. quello che?.. bè forse la meta del mio prossimo Lavoro.. .. un sogno.. un sogno? .. realtà.. realtà che mi fa sognare.. un po’ di più.. chissà?

smilingdog

 

 

 

 

 

 

 

Il sorriso all’improvviso..

E’ mattino presto. Sono le 09.31 e un raggio di sole forte un raggio che riscalda tutta la nostra stanza “Fumatori” chè è una stanza dove ci incontriamo .. dove ognuno in fondo sta per gli affari suoi.. in fondo ognuno per i fatti suoi..  so di aver sbagliato.. ho dato le famose perle ai porci.. ma spero ugualmente di cavarmela.. come posso e come devo. Intanto la Vita continua. Sono senza sigarette. Ma non importa.

La Vita continua, comunque.. comunque.. io sono ancora qui. Sono ancora Viva, e la bellezza di esistere esiste.. esiste ancora

ora sto ascoltanto “Un Senso” di Vasco Rossi.. poeta, cantautore amato da intere generazioni.. già.. “Un senso .. eppure un senso ce l’ha.. ogni giorno ha un Senso.. ogni giorno una motivazione per Vivere per Essere con la E maiuscola.. ora cerco di rilassarmi. Sono senza caffè.. chè aiuta ad essere svegli. Ma non ci sono soldi.. ed allora cerco di cavarmela così.. con l’energia della mia musica.. e parole parole parole.. ed un raggio di sole che mi indica la Via.. la Strada .. le Nuvole inventate da Babbo Natale .. per farci sognare.. sognare un po’ di più.. una nuvola a forme strane per farci sentire meno soli.. solo un po’ meno soli..

“Rubo” una sigaretta a Gloria che ha bisogno di un caffè assolutamente.. proprio non come me.. ma insomma .. un caffè.. ne abbiamo tutti bisogno il mattino.. almeno..

fumo una sigaretta in semi-libertà.. ma il caldo del Sole alle spalle mi riscalda.. mi dà energia.. Fumo..

Fumo.. e nuvole di fumo leggero e piacevole volano per la stanza e s’intrecciano con il pulviscolo dorato dei Raggi del Sole.. la famosa .. “Polvere d’Oro” che discende dal Cielo .. per scaldarci tutti.. l’anima, il corpo, il cuore

Non ho altre parole da aggiungere..

Il Cielo è limpido.. sereno.. come sono serena ora io.. appena appena rilassata.. solo un po’.. ma forse anche sì. Sono nella stanza dalla quale vedo Pini, Cipressi, Pini Marini sempreverdi.. un sorriso solo ora riempie il mio viso.. io a contatto con la Natura.. con i colori dorati del Cielo.. i lampioni sono lì bianchi e puliti. Siamo Vivi.. Siamo Vivi!

smilingdog

 

 

 

“Amore che vieni.. amore che .. vai..

Sono solo le 22.21, e già scrivo di fretta.. è quasi l’ora di andarsene a dormire.. già.. io che amo starmene la notte a volte e spesso sveglia. Io che amo la notte.. ed i suoi bei colori e silenzi.. e così comincio a scrivere solo ora.. dopo una giornata densa densa di impegni.. mah.. la Vita chi lo ha detto, è davvero bravo.. la vita è strana finalmente me ne sto con me stessa solo solo ora. sto bene in mia compagnia ed anche questa non è una novità. Sono abbastanza rilassata.. anche da questa postazione.. una stanza diversa dalle altre.. mi trovo bene è una stanza glaciale.. sembra di lavorare per la Nasa per quanto freddo siderale e pulizia maniacale c’è qui dentro. Prigioniera nella stanza più bella di tutto il posto. Una stanza che in realtà amo. Amo molto starmene qui.. con me stessa.. magari con una sigaretta accesa il cui fumo si vede così nitidamente da sembrare ossigeno allo stato puro .. sì ci sono sempre stata bene in questa stanza così antisettica dove l’anima è davvero nuda ed i pensieri si fanno marmorei per l’atmosfera che c’è. Non so se riesco bene a rendere l’idea. Ma io ci sto bene. Soprattutto perchè sono sola qui. senza le chiacchiere, le parole, forse come dice un mio caro amico sono sempre io, un pescatore norvegese.. in trasferta.. in una casa che conosco da tanto tempo.. forse troppo.. al punto di sentirmi a casa mia.. non mi accendo la sigaretta.. ovviamente qui è vietato fumare (e ci mancherebbe!) .. davvero.. e così tippetto sulle mie amate lettere del mio amato pc che fedele è il mio prolungamento delle mani.. un mio caro amico che non mi ha deluso mai. Certo si potrebbe obiettare che parlare con se stessi di fronte ad un foglio bianco ed una tastiera amica.. non è poi così difficile, non ti dà mai torto, ti dà facoltà di parola.. insomma il mio personal computer.. è davvero un amico fedele.. è bello non avere interlocutori che non siano i tuoi pensieri.. per lo meno per me.. che altrimenti.. in realtà mi annoio tantissimo.. ma tantissimo.. e così cambio Vita. Sorrido ora. Sì non sono un essere molto socievole.. mi diletto sovente, spesso, moltissimo.. ma sto bene in questo momento. che solo chi scrive seriamente.. lo può intuire.. anzi.. capire.. o solo chi ama fare ciò che ama con passione.. con passione e voglia desiderio di parola.. di non essere sempre interrotti dai dolori altrui.. che ognuno ne ha a sufficienza per far tremare la terra da e per sempre.. perciò io preferisco divertirmi.. provando.. se possibile.. di non mancare di rispetto a nessuno.. ma questo è arduo.. arduo.. difficile..

mi piace la sincerità, mi piace la chiarezza.. mi piacciono talmente tante cose che forse è anche per questo che il tempo per me si dilata.. coniando ore liete.. nuove.. gioiose.. chè invento, forse, sono fatte solo per me.. disegnate.. create solo per me.. stille di gioia.. che non va via.. per fortuna e me la tengo stretta.. stretta.. tentando cercando ovviamente.. di spargerla nell’aria.. abbiamo bisogno di belle canzoni allegre.. di amore.. da dare.. che ne abbiamo tutti una gran fame.. ma proprio tutti..

smilingdog

 

Nuvole

Sono appena le 22.12, un’ora giovane per me chè sono abituata a far tardi.. qui tutto intorno nei corridoi silenzi.. silenzi al neon.. e poche sigarette… cominciamo proprio male! ma non demordo e come una doccia fresca il tippettio delle mie dita sulla tastiera, mi rinvigorisce e mi fa sentire bene e viva.. la qual cosa è importante davvero. Ecco mi sento in realtà bene e libera e me stessa solo di fronte al mio foglio bianco e lucido del mio personal computer con le sue lettere fedeli al loro solito posto.. insomma sto cominciando solo ora .. forse a star bene. e devo scrivere di fretta.. altrimenti.. si sa non sono poi qui così libera.. e non si può disturbare.. tra queste quattro mura scrivo devo dire meglio.. si sa .. si sa.. ma io non lo sapevo.. che scrivere di fretta e in fretta.. poi riuscissero migliori post. provo a calmarmi. ma qui. è difficile. Sono sola. Le luci dei lampioni solo loro riescono imperterriti e imperturbabili a darmi la luce della sera.. tutto il resto ha il sapore.. ha un sapore .. che non mi piace poi così tanto.. così decido di accendermi e gustarmi in un sano silenzio, il mio, la mia sigaretta, sperando di non essere disturbata da niente e da nessuno.. il silenzio interiore non ha prezzo.. l’ho scritto e pensato tante di quelle volte.. chè ora la sigaretta me l’accendo per davvero.. io, sola, con i miei pensieri.. da quanto tempo non accadeva! .. lo spazio ed il tempo con il fumo di una sigaretta al vento ed i pensieri nella mente.. pensieri che si confondono .. con pensieri che s’incontrano come nuvole sospinte da un vento strano che le fa incontrare.. ed arriva un temporale.. improvviso.. così.. la Vita continua a stupirmi.. sempre.. sospiro.. provo a respirare.. deglutisco.. e vado avanti.. mi fermo? non mi fermo? ognuno ha un suo ruolo.. ed io.. ed io.. ho solo desiderio di una canzone da ascoltare.. non è superficialità.. ma scelte di vita.. scelte di vita fatte con coerenza..  Ogni giorno imparo qualcosa.. e la Vita non si ferma .. proprio mai, forse..

smilingdog

 

“Ti amerò” senza pietà

Ci sono giorni chè non dormo e non so poi perchè.. così mi minacciano con una punturina di Talofen, un medicinale che invece che aiutare a ritrovare la lucidità non fa altro che provocare confusione mentale.. già.. chè amarezza il suo sapore. Un medicinale, ricordo che inserivano per far finta di aiutarla nel sedere pieno di piaghe nell’antica psichiatria, circa 40 anni fa.. che amarezza.. che Delitto chè si perpetua ancora e ancora sotto gli occhi nascosti.. e impauriti di bravi medici che vivono alle spalle di giovani vite giocando con le loro giovani e belle vite.. oggi non ho voglia di giocare. Non ho voglia di sorridere. Oggi ho voglia di parlare. Ancor oggi nonostante le ripetute “denunce” a psichiatri, medici, operatori che si reputano preziosi nel loro empio lavoro, continuano a somministrare, sotto lauto compenso, sonniferi che inducono al Suicidio, come per esempio il più venduto al mondo Minias, ed altre droghe, mascherate da buone medicine che portano allucinazioni, paure, deliri. La pazzia è stata inventata dall’Uomo. Un Uomo ignobile.. sotto il quale uomini e donne ignobili continuano.. il ….. suo prezioso lavoro.. non ho più voglia di giocare. sono qui. al Reparto Psichiatrico di Ancona Torrette, e chiedo tante cose. Prima di tutto che sia fatta una bella ripulista. Questo reparto deve chiudere. Troppe persone conniventi. Dottori per primo, medici ed infermieri che contengono (cioè legano mani e piedi) per giorni e giorni.. deve essere chiuso. Non c’è perdono certamente per gli ignobili. Ed io sono qui..

innocente, ma forse, oggi, è arrivato il momento di scrivere.. di fare i nomi.. mi legheranno.. ma .. io invece che aver paura so di essere nel giusto! perciò, è terminato il periodo di medici, dottori, dottorini..

non parlo di nausea. Era scritto che dovevo scrivere solo ora. Mi spiace solo per i tanti amici perduti nel tempo.. a causa di medicinali e medici assassini

vanna marinozzi, capace di intendere e soprattutto di volere

Luci al neon

“Sola me ne vo’ per la città.. una città fatta di stanze chiuse già a quest’ora della sera. sono appena le 22.39, tutto silenzio intorno.. ed io qui a tippettare.. perchè in realtà non ho desiderio di andarmene a dormire.. una voce dal corridoio.. proprio ora che mi godevo solo un po’ di un silenzio che mi manca.. mi è mancato.. e solo ora mi ritrovo, sveglia, pimpantella.. come direbbe mia madre, e con la voglia di scrivere.. sono nella stanza dove si può vedere la Televisione che in genere è spesso sovente spenta. Qui tutti abbiamo bisogno di gran silenzio e soprattutto di Libertà.. un cappuccino offertomi da una persona gentile, ed eccomi qui.. a scribacchiare mentre la sera è già notte.. ma non per me.. chè nessuno mi può obbligare ad andarmene a dormire soprattutto se non sveglio proprio nessuno.. un po’ di cioccolatini al latte per far festa, delle fieste al cioccolato ed una bottiglia di latte fresco tutta per me.. chè ho bisogno di dissetarmi.. non solo con le parole .. ma ho bisogno di latte fresco.. sì.. di latte fresco.. mi accendo la solita sigaretta chè lei mi fa una grande compagnia da sempre, benedetto colui che ha inventato la sigaretta.. ed un accendino color blù che non si stanca di accendermele.. non so in realtà se sia caldo oppure sia freddo.. ho indosso il solito maglione che Hermano mi ha regalato.. fuori i tre lampioni mi stanno illuminando la notte senza luna e senza stelle.. una notte silenziosa e buia tranne i colori della stanza dalla quale scrivo.. Certo è che mi trovo bene qui come se fosse la mia casa, una casa ancestrale, come se avessi abitato nel ventre di mia madre proprio qui.. mi sento così.. al mio posto.. così continua la mia Vita, tra un caffellatte ed una sigaretta e tante canzoni, tanta musica .. la mia, per fortuna ho qui il mio personal computer, il mio smartphone, insomma ci sto comoda.. peccato solamente che a quest’ora tutti siano a dormire.. oppure no? .. non saprei. io no. me ne sto qui, a scribacchiare pensando al mio gattino Timbuctu che so felice in casa di mia sorella, giocando a nascondino con le mie adorate nipoti e so per certo che sta mangiando leccornie a tutto spiano.. certo mia sorella non gli fa mancare niente .. e neppure mio padre.. nè tanto meno Vanessina e Bibi che se lo “spupazzano” come vogliono e Timbuctu è felice.. lo so.. lo sento, o meglio me lo immagino con la pancia all’aria a prendersi  tutte le coccole del mondo..

una telefonata amica nel cuore della sera, sono appena le 23.17 mi rallegra, mi fa sentire voluta bene, una telefonata di un caro amico di vecchia data. Ci facciamo sane chiacchierate.. e .. e.. ho poco altro da raccontare.. credo che uscirò presto.. da qui.. tornerò alle mie piantine, che anch’esse hanno bisogno di me come io di loro.. ecco tutto qui.. ed una canzone dei Doors.. a farmi compagnia in questa serata lunga.. solitaria.. e forse anche un po’.. solo un po’.. melanconica..

smilingdog