Un cuore muto..

Mi sveglio verso le 9 del mattino.. Timbuctu, il mio gattino amato, dorme ancora.. il colore della stanza è grigio.. fuori nemmeno un raggio di sole ad alleviare l’anima mia.. non ho voglia di alzarmi.. sono proprio senza parole oggi.. il tempo non è clemente con il mio pessimo umore.. non mi aiuta senza sole.. il Cielo è grigio senza neppure una sfumatura di azzurro chè un po’ di speranza me la dà sempre.. tutto grigio.. rimango nel letto.. pigra.. senza parole.. né sogni.. sono giù.. sospiro.. ancora un po’ e mi alzo.. mi preparo il caffè.. buono e dolce.. con il latte fresco e bianco.. una sigaretta fuma lenta ed i miei pensieri sono malconci.. pensierosi.. fanno già bilanci di primo mattino.. non sta andando bene nulla mi dico fra me e me.. mi vesto.. il mio pullover di pile a bolle rosse e blu.. chè mi scalda.. e la solitudine mi sta facendo compagnia con un silenzio pesante pesantissimo.. la mia solitudine che conosco a memoria, ma ogni volta mi sorprende negativamente.. nessun rumore a farmi compagnia.. faccio colazione lentamente.. la malinconia oggi è frustrante e forte.. come una pioggia che non smette mai di battere sulle finestre fortemente.. respiro.. mi accendo la seconda sigaretta e sono sempre più senza parole.. sentirsi soli è una cosa che sento da tantissimi anni.. sin da quando ero una bambina.. mi dico.. per tirarmi su un po’.. Vanna, dovresti essertene abituata ormai.. ed invece eccoti qui.. a piangere in silenzio e senza lacrime ormai come sempre a piangere sul cuscino.. senza un amore che ti scaldi un pochino il cuore.. senza niente.. non vivo di solo pane.. io sono assetata, affamata di amore.. di comprensione.. di affetto.. che non ho.. intorno a me.. deglutisco il respiro.. pesante e fumoso.. la sigaretta, lei fedele compagna di una vita intera, fuma con me.. respirando la stessa aria grigia che c’è nella stanza da dove scrivo.. i miei sogni volatilizzati.. lontani.. alzo le sopracciglia co e a dirmi ancora t’illudi? Vanna? ancora ci speri in un mondo adatto a te? ancora speri nell’Amore? Vanna nei tuoi confronti.. nel non essere giudicata criticata, ma amata per quel che sei e quel che non sei? sospiro.. senza speranza alcuna di cambiare le carte in tavola.. di trovare soluzione.. così apro il blog.. e comincio a scrivere di me della mia vita.. della mia esistenza.. del mio esistere nonostante mi senta invisibile agli occhi umani.. invisibile totalmente.. non si tratta di una grave depressione o forse anche sì.. ma è un a depressione con un perché.. con validi motivi.. non esiste depressione senza un motivo più che valido.. così mi sento tanto sola.. e soltanto le parole le mie parole mi stanno facendo compagnia.. e le onde del mare.. grigie anch’esse..

Non esiste disagio psichico senza un motivo valido.. senza un trauma forte.. fortissimo.. senza amore vero.. senza essere capiti.. compresi.. amati.. e solo la comprensione e l’amore possono guarire.. non certo il pane.. non certo i soldi.. non il materalmismo.. ma una sensibilità elevata.. forte fuori dagli schemi… e la cosa non è facile per niente.. così le mie spalle si rannicchiano su di esse.. le mie mani scrivono.. continuano a scrivere perché loro non si vogliono arrendere proprio come me.. chè cerco ancora di essere riconosciuta ed amata così come sono.. sospiro.. ho tanta di quella pazienza dentro di me e tanta di quella forza da venderne.. no.. non mi è piaciuta la mia vita.. lo dico qui.. e lo ripeto.. non mi piace.. mi accendo una sigaretta.. aspiro, respiro e prendo fiato.. non mi piace questa vita.. così senza stimoli.. troppo solitaria e senza amore.. a volte mi piace dirmi bugie.. raccontarmi frottole.. narrare di una vita bella comunque.. quando invece sin dai primi tempi ho dovuto fare i conti con un a malinconia agguerrita.. forte che mi ha spento subito la voglia di vivere.. così piegata ed umiliata nel mio essere, cammino ancora per la strada di questa esistenza combattendo il mio diritto ad esistere.. come voglio io.. ma la cosa non è facile.. snaturare una natura è gravissimo e fa danni immensi.. ed io penso che la mia natura sia stata snaturata dall’esistenza stessa.. dalla sua insensibilità fino a portarmi nelle regioni remote della follia.. una regione terribile della vita.. dove non ci sono più argini né niente che faccia parte vera della tua vita, solo dolore e fantasie che neppure più t’appartengono.. e mura chiuse alla fine di ogni percorso ti aspettano senza che  nessuno venga a più a trovarti.. già.. nessuno vuole avere a che fare con te.. e sola continui la tua battaglia.. chè non conosce tregua.. mista alla solitudine fortissima che già prima della follia conoscevi.. era già mia.. Oggi sono molto arrabbiata lo devo dire qui su smilingdog, anche perché non riesco a vedere via d’uscita da un tunnel che ha tantissimi anni.. un labirinto più che un tunnel.. un mal di mare che non finisce mai.. chè stanca chi ti resta vicino, se qualcuno ti resta vicino!, che stanca chiunque.. così eccomi qui.. nuda di fronte al lettore del mio blog sincera più che mai.. che ho fame di cose autentiche non di bugie o di opportunismo.. no.. ma di Verità.. di Amore.. di una carezza che non so cosa significhi.. non lo so..

Io mi reputo una sognatrice che ha perduto ma che non lo vuole ammettere a se stessa.. e che perciò non molla ancora la presa ed il suo sogno di una vita migliore.. sospiro.. le parole mie mi stanno facendo compagnia ormai come sempre..

I miei sogni d’Amore di un bell’Amore mi fanno compagnia nel cuore mio.. anche alla mia età.. come se mi fossi fermata là.. in un punto non so dove della mia vita e fossi ancora là ferma immobile in attesa di un alito di vento che sappia di Vita..

Così anche oggi ho scritto e mi sono sfogata ben bene sulle pagine bianche di questo mio blog il quale mi fa compagnia da tanto tempo..

Sono una sognatrice che non crede più ai sogni.. i quali mi sono stati tolti da bambina.. alla perdita di mia nonna.. scomparsa all’improvviso dalla mia vista.. ho sofferto così tanto da rifugiarmi in una fantasia colorata astratta e tutta mia.. lontana ormai dal mondo che già mi aveva aperto una ferita immensa e grave.. così sono o vorrei ancora essere lì in quel lettino tutto rosso.. con la carta da parati tutta rossa e a quadri a giocare da sola per non impazzire di dolore.. eccomi.. mi vedo già all’asilo entusiasta con il mio cestello tutto rosa.. ero una bella bambina.. entusiasta di nuove avventure e nuovi giochi.. non credevo mai di poter soffrire così tanto poi più tardi.. mah.. sospiro.. e lacrime scendono dagli occhi.. da un cuore che è fortissimo il mio, si abbatte facilmente.. si offende facilmente..ha smesso di discutere da tanto tempo.. si è arreso agli eventi della vita più grandi di lui.. un cuore muto.. che sì scrive qui.. è vero.. ma altrimenti è muto.. fragile.. sì.. muto.. non trova più le sue parole.. troppa arroganza intorno a sé ed alla sua situazione.. un cuore che più battiti non ha.. e così eccoci alla fine del post.. sì.. scrivo alla fine di tutto sempre le stesse cose.. va bene.. ugualmente.. forse chissà scrivere mi fa bene.. forse.. forse mi sfogo qua.. altrimenti scoppio.. scoppio di lacrime che nessuno sente.. perché lacrime mute.. come muta sono diventata io.. perché delusa tantissimo, troppo, così non va bene.. e purtroppo siamo in tanti a soffrire così silenziosi, senza più nessuno che ci difenda davvero.. così indifesi.. così soli..

smilingdog

Annunci

Un pensiero su “Un cuore muto..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...