Ma ho davvero sbagliato così tanto..

E’ ormai pomeriggio primo pomeriggio, sono esattamente le 13.36 io infilo gli occhialini rosso fuoco ed apro il pc e comincio a scrivere.. il vento ed il freddo oggi ci sono nella casa.. mi copro un po’ di più.. ho voglia sia di scrivere che di ascoltare canzoni.. musica.. sono abbastanza rilassata.. ho del resto dormito tanto insieme al mio gattone Timbuctu.. i colori della casa sono quasi tutti grigi.. il tempo là fuori è nebbia.. il Cielo è striato di nuvole allungate su di esso lunghe che sembrano sfiorare l’Alto ed il mare dello stesso colore grigio ed un po’ azzurrino chiaro.. quasi trasparente.. la luce però in casa c’è.. accendo una sigaretta che fuma lenta sul suo posacenere color argento alla mia destra qui sullo scrittoio dov’è il pc e da dove scrivo.. la mia postazione di blogger.. sorrido.. già una blogger che ama scrivere qui sul suo amato blog ma che ha pochi argomenti ogni volta che comincia a scrivere qua sul suo foglio bianco e lucido.. già sorrido fra me e me mentre faccio la cosa che più mi piace (oltre il mangiare certamente!) che è lo scrivere.. sì scrivere mi fa sfogare, mi dà una sorta di gioia che è già dentro di me ma nascosta.. così tiro fuori le parole ed i miei pensieri e sensazioni ed emozioni e la gioia viene poi fuori.. sospiro.. respiro e mi sento bene qua di fronte alla tastiera.. oggi sono riposata e rilassata.. non mi sento quasi mai così sbagliata quando sono qui sul mio blog smilingdog che è un po’ come la mia casa.. la mia isola il mio amato diario di bordo già sorrido già.. e respiro aria nei polmoni mentre la sigaretta fuma da sé.. scrivere non mi fa sentire sola.. mi aiuta a combattere quella sorta di malinconia e solitudine che ho nel cuore da sempre.. una sorta di rimedio e di amore per qualcosa che fai quasi ogni giorno.. scrivere il tuo diario.. e scribacchiare con le tue parole un foglio che resta nel tempo.. come un po’ giocare con le parole.. e le tue dita (due) che tippettano velocemente ed il tempo trascorre come passa il vento là.. fuori dalle finestre.. i miei fiorellini sono all’aperto.. e fuori oggi mi sembra davvero freddo.. ma le mie piante sono forti.. e resistono e l’aria fa loro bene.. Qui in casa mia l’atmosfera di un pomeriggio calmo.. ho bevuto questa mattina il mio amato caffè golosissimo ed ora sono qua.. mi piace scrivere di pomeriggio c’è una diversa energia nel mio corpo nelle mie mani ed intorno a me.. le onde del mare sembrano inseguirsi veloci e sbattono contro gli scogli qui di fronte casa mia.. la casa è più calda di pomeriggio.. più silenziosa possibile.. ed il silenzio è anche dentro di me.. la cosa mi dà tregua e pace.. un silenzio ricco.. ricchissimo di rilassamento.. e di quiete.. di pace!

Oggi come ho già scritto mi sento meno sola.. soffro meno la solitudine.. sono in pace quasi con me stessa.. non dico di essere gioiosa no.. la gioia è tanto tempo che non la provo.. anche se quando vado a casa dei miei lì sì che l’ho ritrovata dentro il mio cuore che sorride insieme ai miei occhi ed al mio volto.. altrimenti è tanto tempo che non provo una reale gioia anche quando sono in casa per conto mio.. ne sento la necessità come se ne avessi fame.. o sete.. sì.. sento la mancanza della gioia dentro di me.. ma arriverà forse un giorno.. non demordo nello sperarci.. la malinconia mi fa compagnia.. la tristezza anche.. il cuore batte senza ossigeno.. ma la mente comincia a funzionare meglio e si sa la mente non ride mai! Chi gioisce è il cuore.. oh!

Fumo.. mi prendo una pausa.. la luce che arriva dalla finestra alla mia destra che dà sul Cielo è luminosa.. viene da lontano.. dall’orizzonte che è chiaro.. illuminato.. un orizzonte si vede da qua meraviglioso.. questa luce mi piace moltissimo.. sospiro..

sospiro e fumo..

vivere con un gattino hai tanto tempo per pensare.. non è come vivere con un cagnolino che fa tanta confusione nella tua vita.. il gatto ti dà tanto tempo per pensare.. per stare con te stesso.. ed io quando sto tanto tempo con me stessa comincio quasi a riflettere.. a pensare.. a fare bilanci.. a respirare e sentire il mio respiro ed i battiti del mio cuore.. il silenzio ce n’è tanto.. come c’è tanto amore.. questo non lo posso non dire.. con il gattino si cresce dentro di sè.. e forse la vita è più semplice di quello che si creda.. mentre vivere con un cagnolino ti fa restare quasi bambino, con un gattino non c’è niente da fare si cresce anche se tu non lo vorresti mai.. io, ricordo, avrei voluto sempre rimanere bambina.. giocare.. divertirmi.. ridere! oh! quanto mi è sempre piaciuto ridere e divertirmi.. giocare.. fare nuove amicizie.. conoscersi.. insomma non crescere e rimanere come siamo nati.. ed io per tanto tempo ho creduto che rimanere come si è nati fosse la cosa più giusta e bella da fare nella Vita.. non cambiare.. non crescere.. ma la cosa è inevitabile.. gatto o non gattino.. si cresce.. ci si disillude.. gli amici diminuiscono, la vita diventa più difficile e più dura.. le lacrime sembrano non servire a nulla.. a volte ci si sente impotenti.. a volte così sbagliati.. a volte così fuori luogo.. a volte .. così tutto diventa più difficile da affrontare.. ed ogni volta, come diceva anche sempre mia madre, c’è un esame da superare.. siamo sempre sotto esame.. e così è così difficile rilassarsi.. un po’.. e scrivere mi aiuta a rilassarmi, a pensare, a parlare fra me e me, io che frequento così poche persone.. e che sognavo, quando ero una bambina, di essere un giorno neppure lontano tutti buoni amici.. chissà oggi mi chiedo dove ho sbagliato? la qualità della mia vita l’ho scritto e detto tante volte non mi piace.. non mi sta piacendo.. così chiusa fra quattro mura senza la possibilità di confrontarmi con gli esseri umani senzienti.. senza la possibilità di un vero dialogo anche in amicizia.. io che ci credevo così tanto.. nelle amicizie.. ed anche in me stessa.. poi divento all’improvviso debole.. fragile.. si perdono le forze.. e sì bisogna anche fare i conti con i cambiamenti nella Vita.. mah.. che post deprimente mi dico ora fra me e me! Io che mi credevo anche divertente.. un giorno di tanto tempo fa..

Non bisogna scrivere per forza.. anche se le mie mani sono arzille e pimpanti e scrivono, sembra, per conto loro..

Poi ci ripenso e penso anche a quanto io ami la solitudine, starmene in pace per conto mio.. vedermi magari un bel film.. mangiare cose buone.. non avere più voglia di discutere di niente.. starmene per conto mio.. in una pace che dentro di me c’è.. è anch’essa quasi nascosta ma c’è.. una pace, un silenzio buono.. che non mi fa innervosire.. ma anzi.. e penso ancora, forse ho subito troppi danni nella mia vita.. è molto probabile.. forse ho subito troppi soprusi.. come la figura di “Sally” nella canzone di Vasco Rossi e nessuno che mi abbia mai chiesto scusa.. forse se qualcuno mi chiedesse scusa forse non cambierebbe affatto nulla.. quasi certamente.. sono infatti stanca di sentirmi carnefice ed artefice della mia vita.. ho subito grandi torti e danni alla mia persona.. mi devo voler bene questo è certo.. ed essere più sicura di me stessa e soprattutto ricordarmi di me.. della mia persona.. dei miei ideali ai quali ho sempre creduto.. ai miei pensieri ed alla mia generosità d’animo.. non posso essere sopraffatta dai pensieri altrui.. che non m’appartengono affatto.. mi devo rafforzare sì! mentalmente soprattutto..

Essere più sicura di me anche se la fragilità che mi contraddistingue è parte di me.. ed è una cosa bella vista con gli occhi miei..

Essere o non essere.. io preferisco essere.. vivere.. la mia vita come sono io.. e non temere di essere giudicata male se offendessi qualcuno.. io pure esisto.. e forse una mia colpa è stata quella di lasciarmi sopraffare.. ma la vita forse ha voluto che fosse così.. e me ne dispiace alla mia età essere così amareggiata.. ma la grinta ce l’ho.. la mente anche.. il mio cuore sogna ancora e vibra.. vibra verso l’Alto.. verso un Cielo che saluto ogni giorno con speranza sognante che un giorno possa gioire anch’io fra le sue nuvole belle soffici e volare finalmente leggera..

smilingdog