Il mare lontano..

Mi sveglio, guardo l’ora e sono già le 9.30, ho dormito davvero tanto e profondamente con sogni belli, significativi, mi sveglio riposatissima.. Timbuctu mi viene a salutare vellutatamente con i suoi passi felpati.. vellutati.. mi accendo una sigaretta fumo e ripenso ai miei sogni a colori.. la luce della stanza è chiara ma non assolata.. sono ancora assonnata ma decido di alzarmi.. vado, m’incammino verso il soggiorno.. mi devo ancora svegliare del tutto.. prendo un po’ di tempo.. poi mi vado a preparare l’amato caffè.. intanto fumo un’altra sigaretta.. canto fra me e me una canzone di cui non rammento il titolo.. i pensieri sono vaganti per la stanza.. liberi e quasi assenti nella mia mente.. silenziosa ed ancora sì ancora addormentata.. il caffè è buono.. non c’è il sole questa mattina.. sembrano i colori autunnali quelli che ci sono nel Cielo pieno di nuvole.. ho dormito proprio tanto e bene.. nessuna chiamata al cellulare che mi abbia svegliato.. sospiro… ed eccomi ora qui di fronte al mio pc alla mia tastiera a scribacchiare non so ancora di che cosa sull’amato mio blog.. sono le 10.25 ed è davvero caldo questa mattina.. La Città è sveglia con tutti i suoi tipici rumori.. il giardino di fronte al mio terrazzino è illuminato da un piccolissimo raggio di sole.. tutto tace intorno a me.. ed anche Timbuctu non miagola.. se ne sta appollaiato sulla sua seggiolina preferita di questo periodo.. la più fresca di tutta casa.. la seggiolina di paglia.. Ieri ho letto un po’.. cose così differenti da quello che scrivo io.. e come scrivono bene! Si tratta di racconti, racconti brevi.. sono proprio bravi! Io in passato ho scritto racconti brevi ed ho anche partecipato a concorsi vari cittadini.. quanto mi emozionavo a leggerli in pubblico! Quasi svenivo.. tremavo.. è un’esperienza che non farò mai più mi sono detta, per quanto sono stata male.. e così ora scrivo solo qui, diaristica, le cose che mi accadono, non invento più niente ed ho perso la mano.. scrivo diaristica dal 2005, non sono più capace di inventare racconti brevi e neppure scrivere poesie che ogni tanto scrivevo.. ora sono legata al mio smilingdog e sto con me stessa maggiormente, senza pubblico, ma in contatto solo con me stessa.. le mie parole.. i miei pensieri.. e se scrivo semplicemente è anche questa una mia scelta.. mi piace scrivere semplicemente.. quasi scolasticamente.. mi piace proprio.. è una mia scelta.. amo la semplicità.. sia per chi scrive sia per chi legge.. ed amo la leggerezza.. anche se a volte pecco moltissimo e divento pesante come a volte sono pesanti i miei pensieri.. il mio smilingdog mi piacerebbe tanto che fosse sempre sorridente e leggero.. una lettura leggera.. non sempre però ci riesco.. non è facile neppure essere lievi, leggeri..

Mi accendo una sigaretta.. guardo il Cielo, lo scruto dalla finestra vicino a me, alla mia destra, noto subito le mie piantine sul davanzale.. come stanno crescendo bene! Le loro foglioline verdi e belle crescono delicate e forti allo stesso tempo.. come sono contenta! Il Cielo è chiaro e celeste con una leggera foschia.. è molto caldo anche qui in casa..

E così anche questa giornata ha avuto inizio.. fumo e scrivo.. quanto è caldo oggi! Del resto è quasi Agosto, non posso pretendere il fresco che piace a me.. Anche Luglio se n’è volato via.. i suoi giorni sono stati velocissimi.. li ho vissuti velocemente.. molto velocemente.. come Giugno.. questa Estate è volata per quanto mi riguarda.. ma non me ne dispiace.. Il caldo non lo sopporto.. preferisco il freddo e le sue calde coperte nel letto.. i suoi cieli scuri di pioggia.. e pozzanghere da evitare.. starmene a casa.. i pensieri sono più lucidi.. ma non voglio essere nostalgica.. l’Inverno non tarderà ad arrivare.. con i suoi silenzi e le sue ombre.. i suoi alberi senza foglie.. mah.. sospiro.. e cerco di resistere al caldo afoso di questa mattina..

Non sono andata mai andata al mare neppure questa Estate..

Ho poche parole oggi da scrivere.. il caldo fa anche questo effetto..

Quando ero una bambina invece il mare lo adoravo, non vedevo l’ora di andare e poter fare il bagno, quanto mi divertivo.. poi pizza e gazzosa.. e poi di nuovo il bagno.. ricordi d’infanzia coloratissimi.. ero una bambina vivace e piena di entusiasmo.. ricordo andavo al mare la mattina presto con mia madre la quale, lei, ha sempre amato il mare.. io ho smesso a venti anni di frequentare le spiagge, lo ricordo bene, e da quel tempo ormai lontano, non le ho più frequentate.. ma prima.. correvo verso il mare felicissima..

Non conosco il vero motivo per cui non ho più frequentato le spiagge e fatto bellissimi bagni al mare.. sì.. ho visto altri mari stupendi durante i miei tanti viaggi e lì il bagno l’ho fatto.. erano, ricordo, acque diverse dal mio mare, erano acque meravigliose soprattutto quelle greche, il mar Egeo, che bei ricordi che ho.. il mare dei Caraibi indimenticabile.. ma ad essere sinceri anche il “mio” mare della mia Città non è male.. è bellissimo.. ma io, testarda, non vado mai.. che sciocca! Sarà che bisogna fare un po’ di strada, camminare, non è così facile arrivare al mare della mia Città anche questo è vero.. ma io non m’impegno..  così un’altra Estate se ne va.. senza che io.. mi gusti un bel bagno fresco..

Non me ne dispiace, ormai sono abituata..

Così anche oggi ho scritto un po’.. il post è terminato.. una canzone tra l’invernale e con un sound completamente estivo di Luca Carboni.. Una canzone allegra! Macedonia Polare chè a me piace tanto..

buongiorno a te che passi e leggi..

smilingdog

 

 

 

 

 

 

Annunci