giorni sì e giorni no..

“Io vivo per lei.. una canzone di un po’ di tempo fa.. ed ho voglia di riascoltarla, la canticchiavo già mentre sorseggiavo con gusto e piacere il mio caffè mattutino con il latte fresco ed una bustina di dietor, sorseggiavo e cantavo anche altre canzoni, la musica al posto dei pensieri, oggi, nella mia mente appena sveglia. La giornata ha inizio presto oggi. Mi sono svegliata prima del solito, verso le 7.30, la luce in camera era già chiara ma il colore del sole era ancora tiepido.. apro gli occhi, accendo automaticamente la prima sigaretta del giorno e Timbuctu mi viene già a salutare, a darmi il suo dolcissimo Buongiorno con quei suoi occhi così dolci, fumo ancora addormentata come del resto tutte le mie mattine appena sveglia.. ancora un po’ nel letto e poi mi alzo, Timbuctu è sempre vicino a me e mi precede on il suo saltello dal letto, il Cielo è annuvolato, il colore del soggiorno è sul grigio chiaro, il mattino anche oggi è silenziosissimo. Mi siedo e riordino un po’ i miei pensieri appena svegli e sparsi ancora qua e là per la stanza, leggo subito oggi l’oroscopo, già per dilettarmi un po’, fumo ancora e poi vado a preparare la cuccuma di caffè. Non vedo l’ora di berlo, di svegliarmi bene. Ho dormito un sonno un po’ affannato, preoccupato, le mie preoccupazioni del giorno mi sono venute a trovare di notte, non ho dormito così bene, sospiro e vado avanti. Non sono così riposata come ieri, mentalmente dico, ma il caffè ha fatto il suo bel dovere e sono sveglia e sono già qui di fronte al pc a scrivere e parlare un po’ tra me e me.. Sono solo le 8.32, si odono solamente le onde del mare che arrivano dolci sugli scogli, tutto il resto che mi circonda tace di un sonno bellissimo. Le finestre dei miei vicini di casa sono tutte chiuse. Siamo, ho l’impressione, svegli a quest’ora del mattino, solamente io e Timbuctu, che se ne sta appollaiato nel fresco del suo terrazzino. Ha già mangiato di gusto la sua pappa al tonno, aveva proprio tanta fame! Io non sono così serena come lo ero ieri, oggi le mie membra sono tese, il sonno non è stato dei migliori, così mi accendo ora una sigaretta, e con un sospiro cerco di togliermi dalla mente le mie preoccupazioni chè a volte esagero. Provo a cercare la calma che è in me, ci provo, sospiro, sbuffo anche un po’, i miei nervi sono così sensibili accidenti! Mi sembra a volte di essere così fragile e di carta velina chè ogni cosa può disturbare il mio equilibrio interiore.. sì, mi accendo una sigaretta e provo a rilassarmi..

Intanto, mentre fumo c’è Timbuctu che gioca allegramente con un suo giochino di pezza che lui adora letteralmente, ci gioca e si diverte!

Oggi mi sento proprio adulta, la vivo la mia età, senza voler essere sempre anche forzatamente una bambina dentro di me, anche se non ci sarebbe proprio nulla di male, ma è tempo che io viva il fatto di essere adulta, e lo sento dentro di me, già a circa venticinque anni mi ci sentivo adulta con tutte le responsabilità di un essere adulto, poi nel tempo mi sono persa un po’, e sì, mi rifugiavo nel mio “mondo” bambino, nel mio “mondo” infantile, come a non voler più crescere, oggi no. Sono proprio tornata ad essere una persona adulta, con la quale ci si può parlare ed anche ragionare, adulta con le esperienze della mia età. Mi piace proprio questa età così quasi saggia! Penso che ognuno abbia la sua età interiore (l’ho letto da qualche parte tanto tempo fa), si nasce bambini e si resta tali, e c’è chi nasce più anziano già da bambino, io non saprei davvero, ancora non lo so, io sto vivendo la mia età con le sue bellezze e comodità, la mia mente è cresciuta ho come l’impressione, e questa età mi piace moltissimo. Sono sempre stata dentro di me anche molto giovane, con quello che porta la giovinezza, i suoi bei entusiasmi ed anche errori, ora vivo una vita però più ricca, sto bene con me stessa, sono cresciuta, ed è una grande conquista. Rifletto più lentamente, ragiono di più, e parlo forse di meno, un po’ di meno, la mia mente è silenziosa, calmissima, una sorta di pace vive dentro di me. Certo quando si esce dalla crisi, da una crisi così grande e lunga come la mia, ora è normale essere sereni e felici ogni istante! Me la sono vista così brutta questa volta! Ora sorrido tra me e me.

Mi accendo una sigaretta, penso e fumo..

Oggi non so che farò. Non ho programmi per la giornata.

Il Cielo è limpido e chiaro ed azzurro, il sole ancora non è così caldo ed in casa mia si sta bene..

Sì, ho una sorta di ansia che mi batte sul petto, l’ho riconosciuta per motivi che esistono. Respiro più affannatamente. Tanto si vive, e la vita ti porta qualche problema ogni tanto, non si vive solo nelle giostre o nei tunnel, bisogna che io diventi un po’ più forte e meno timorosa. Sospiro. C’è Timbuctu che non vuole entrare nel suo trasportino, non ci riusciamo a farlo entrare né io né Hermano, Timbuctu fa le bizze e tantissime e così io non riesco ad andare dal suo veterinario a fare un controllo che mi calmerebbe. Così sono giorni che sono in pensiero e non va bene. Anche se ho già telefonato al medico e mi ha già rassicurata. Ma a me non basta. Quando si tratta di animalini (ne ho avuti tantissimi) io mi agito molto e velocemente. Mi sto chiedendo qui se ci siano veterinari che lavorino a domicilio. Non è facile mettere un gatto nel suo trasportino. Ecco l’ho detto il motivo della mia preoccupazione, ho già parlato con una brava dottoressa che mi ha già calmata, ma io una visita gliela vorrei far fare. Sono molto legata a Timbuctu e non posso trascurarlo. Con questo caldo si è dimagrito molto. Forse è normale, la dottoressa mi ha detto di non preoccuparmi, ma io mi preoccupo ugualmente. Ecco il motivo della mia agitazione. Tanto io non cambio, e la mia ansia me la sto tenendo tutta dentro di me. Cercherò un medico che lavori a domicilio. Lo devo fare sia per Timbuctu con una sua visita generale ma anche per me, per calmarmi. Per vivere serena.

Sospiro, qui sul blog scrivo tutto quello che mi accade. Il mio diario che amo tanto.

Già parlarne mi fa bene. Altrimenti tengo tutto per me e l’ansia aumenta a dismisura. E poi potrei diventare nervosa. In questi giorni di Agosto tutto tace. Respiro l’aria che mi ossigena la mente. Berrò un bicchiere d’acqua fresca che mi disseta. Parlerò con mio padre per darci il nostro consueto Buongiorno e la giornata avrà inizio.

Oggi il post è differente dagli altri, mi sembra, ho scritto quello che avevo dentro di me, senza guardare troppo la forma, avevo bisogno di parlare un po’, di confidarmi con questo mio foglio bianco, amico fedele negli anni, amico silenzioso, ho bisogno ancora come essere umano di parlare, di comunicare, di dire quello che ho dentro di me, che se no parlo così poco che a volte dimentico anche la mia voce. Oggi ho parlato di Timbuctu che continua a giocare nel frattempo, a saltellare ed a riposarsi dal caldo, io me ne sto qui, a parlare ancora ed ancora, non finirei mai, sorrido ora, la scrittura è davvero terapeutica, mai mi stancherò di ripeterlo, di dirlo, di suggerire a tutti di farlo, ora mi sento già più leggera e non così catastrofista come mio solito.

Il post è terminato, inserisco una canzone bellissima degli O.R.O. “Vivo per lei” che è poi stata cantata anche da altri cantanti famosissimi, ma i primi che l’hanno scritta e cantata sono proprio loro. Ho voglia di ascoltarla cantata da questo gruppo formato da due cantanti bravissimi che mi piacevano tanto quando ero molto giovane.

smilingdog

 

Annunci