Avrei voluto fare la ballerina..

Mi sveglio verso le 8 della mattina che sono riposatissima ed anche gioiosa, di ottimo umore. La qual cosa non mi accadeva da tanto tempo. Fumo la mia sigaretta appena sveglia contenta. La qualità del mio sonno è stata ottima ed anche la qualità dei miei sogni che sono stati proprio belli! Così oggi la giornata ha avuto un bellissimo inizio. Mi alzo con calma. E’ un giorno nuovo ed io sono contenta. Le angustie del giorno prima si sono volatilizzate, il malumore di ieri se n’è andato via con il mio bellissimo sonno. Sì, devo fare una vita più regolata. Meno thè freddi che mi innervosiscono. Devo seguire i dettami della reflessologia se voglio star bene. Pochissimo caffè, io che in questi giorni ho bevuto tanto thè freddo per dissetarmi, ma che mi innervosisce. Devo stare attenta alla mia salute psicofisica! Così oggi sto bene, sono di ottimo umore ed anche serena. Eccomi qui a scrivere sul mio amato smilingdog, chè ieri non ce l’ho fatta, sia per il mio pessimo umore, ero a terra! sia per il gran caldo che c’era. Oggi la casa si è rinfrescata, c’è un’arietta che gira che mi rinfresca lo spirito, il corpo e la mente. Mi sento proprio in forma. Ho dormito tanto. I sogni sono stati bellissimi e svegliarmi gioiosa non mi capitava da tantissimo tempo! E c’era già lì Timbuctu a salutarmi, a darmi il suo Buongiorno, così mi alzo decisa e vado verso la cucina. Do’ la pappa al mio gattino che se la mangia vorace e di gusto, e gli apro la sua terrazzina, il sole oggi ancora non è così caldo. Preparo il caffè e mi godo il mattino. Serenamente. Nel suo bel silenzio.

Osservo il Cielo. Azzurro trasparente. Neanche una nuvola all’orizzonte. Limpido!

Bevo il caffè, buono e senza zucchero, è più fresco, fumo una sigaretta ed intanto mi sto svegliando un po’ di più.

Canto tra me e me le mie solite canzoni. Ma preferisco poi rimanere nel silenzio.

A gustarmi il caffè, ed il mattino, che oggi è pieno di gioia nel mio cuore.

Accendo una sigaretta, e fumo.. le onde del mare regolari sbattono sugli scogli e sembra seguino un vento che le spinge e le porta verso la riva..

Ieri è stata proprio una giornata che ho sofferto molto. Ero molto triste. Non ce l’ho fatta a scrivere un post decente. Ero davvero bloccata dalla tristezza. La mia. Una tristezza grande che non trova luce, non trova speranza. Così mio padre, come di consueto, mi ha consolato. Mi ha parlato tantissimo, ed io mi sono un po’ calmata. Succede. Forse era toppo caldo ieri.

Oggi invece sono qui, pimpante ed anche di buon umore. Ho desiderio di scrivere e di donare un po’ del mio buon umore anche a chi legge.

Devo seguire i dettami sia del mio psicoterapeuta, prendendo le mie medicine, sia anche le regole dolcissime della reflessologia, che riprenderò a fare le sedute lunedì prossimo. Andare a letto sul presto, la sera, e non bere cose che eccitino i miei nervi, così delicati.

Ed invece questi giorni caldi, lo ammetto, ho trasgredito, bevendo Coca-cola dietetica ma sempre Coca-Cola e Thè freddo per dissetarmi. Ho esagerato, come mio solito e ieri ne ho pagato le conseguenze. Oggi non berrò più queste bevande dissetanti ma eccitanti. Berrò l’acqua fresca. Ecco. Ed ora torno a sorridere di nuovo.

Sono anche a dieta, che fra poco farò un controllo completo. Sto mangiando magro.

Così eccomi qui. Sospiro, non è poi così caldo ancora.

Timbuctu è qui disteso per terra vicino a me, a cercare di prendere il fresco.

Le mie piantine mi stanno dando molta soddisfazione, germogliando tantissime, belle e nuove e grandi foglie verdi.

Svegliarmi così di buon umore mi dà la speranza che forse non ho sbagliato tutto nella mia vita. Che qualcosa “si è salvato” come dice Vasco Rossi. Che non tutto ho sbagliato. Respiro e sospiro. Ed il mio cuore batte di una speranza nuova.

Mi devo volere un po’ più di bene. Questo sì.

E credere un po’ di più nelle mie possibilità. Nella mia persona. Non abbattermi più di tanto. Non lasciarmi prendere dall’angoscia, e darmi una chance in più, credere più in me stessa. E saper seguire i buoni consigli che mi danno. La via della guarigione è in salita, è così difficile.. che a volte si perdono le speranze, poi un giorno qualsiasi ti risvegli piena di gioia nel cuore e piena di forze, pronta per ricominciare a lottare, a vivere, a crederci di più..

I sogni di questa notte sono stati bellissimi. Ma non li ricordo quasi più. Peccato! Ma mi hanno donato il buon umore di questa mattina. Sorrido dentro di me. Sono allegra tra le parole che scrivo nel post di oggi.

Ho tanta grinta dentro di me. Tanto desiderio di migliorare la qualità della mia Vita. Ma già una bella canzone mi aiuta tanto. Mi porta nel suo mondo che è anche un po’ il mio. E mi rallegro. Come quando ero più giovane ed anche quando ero una bambina. Come amavo ascoltare le mie canzoni! Già.. e forse erano sempre le stesse, nonostante avessi un mare di dischi a mia disposizione. Amavo, già a tre anni, la poesia di Luigi Tenco, Le mille bolle blù di Mina, come amavo tanto Rita Pavone, e la poesia di Don Backy che mi faceva sognare sempre tanto, e poi ero completamente innamorata di Massimo Ranieri! che fu il mio primo amore. Ricordo avevo cinque anni! Che ogni volta che appariva in televisione scattavo veloce dal lettone e correvo e me lo baciavo tutto! Abbracciando tutto lo schermo della televisione. I miei genitori ridevano tantissimo! Poi ero innamorata di Lola Falana, una bravissima ballerina dei miei tempi di quando ero bambina che io imitavo scatenata, e poi anche di Raffaella Carrà con i suoi, ai miei occhi incantati, magnifici balletti che ugualmente imitavo, e pretendevo, come mio pubblico, l’attenzione dei miei genitori che mi applaudivano mentre io ballavo e si divertivano tantissimo, ridendo come due pazzi! Lo ricordo benissimo! Sì, perché io mi scatenavo letteralmente. Sono sempre stata vivace. Il mio sogno quando ero piccolina, era di fare la ballerina. Avrei ballato anche in ultima fila pur di ballare! Pur di far parte di un corpo di ballo!

Avevo la musica nel sangue! Il ritmo giusto. E mi divertivo tantissimo. Ballavo, ricordo, il charleston, scatenata! Lo ballavo benissimo, mentre sempre i miei genitori mi osservavano ballare come fosse il mio pubblico, battevano le mani e ridevano tra di loro tantissimo!

Bellissimi questi miei ricordi, che porto dentro di me.

La scia del mare porta a me i miei dolcissimi ricordi.. immagini indelebili.. che come un’onda arrivano delicati dentro di me.. a rinfrescarmi.. a ricordarmi della mia Vita che non ho solamente sofferto, ma ho anche gioito tanto! Mi sono divertita tanto! Ed ho fatto anche divertire.. Le risate dei miei genitori erano giovani e squillanti e divertitissime! Erano risate dal cuore!

smilingdog

 

 

Annunci

I miei cani felici!

“Eppur mi son scordato di te.. come ho fatto non so..” cantata dai Formula 3 la canto questa mattina, mi piace la loro versione. Mi sono svegliata prima del solito, guardo l’ora e sono solamente le 6.25. Accendo con gli occhi semichiusi la prima sigaretta del giorno, mentre Timbuctu, il mio gattino, già sveglio insieme a me, miagola con la sua delicata vocina per darmi il suo saluto mattutino. Ho dormito tanto e profondamente con tanti sogni che ora non ricordo. Vado verso il soggiorno, mi siedo ed osservo dalle finestre i colori del Cielo, chè ancora il sole sta sorgendo.. noto che sono colori già di un Cielo quasi autunnale, si nota proprio, ed in casa è più fresca l’aria che gira. Mi alzo e vado in cucina, preparo il mio caffè. Timbuctu ha già mangiato la sua porzione di tonno, e corre velocissimo da una parte della casa all’altra, forse non sente più il gran caldo dei giorni passati e corre imbizzarrito, gioca, e sembra divertirsi moltissimo. Ora è qui. Disteso per terra al fresco, qui, vicino a me. E’ un gatto bellissimo ed è anche un gatto mammone molto affezionato a me, ed è molto ubbidiente e tanto buono! Ora sono qui, di fronte al pc. Dopo aver bevuto il caffè e fumato una sigaretta in silenzio. In cerca di concentrazione per il post di oggi. Ci tengo a scrivere ogni giorno. Un tempo scrivevo di meno. Non tutti i giorni. Ora sono più costante. Mi accendo una sigaretta, mentre odo qui le onde del mare arrivare a riva lente e calme..

Fumo mentre il fumo gira arrotolandosi su se stesso, verso di me e verso l’alto, verso il soffitto, con il suo colore argenteo come se volesse giocare con se stesso..

Così eccomi qui anche questa mattina! Sono appena le 7.38, la mente è lucida e riposata.

Una mano si appoggia alla fronte, l’altra tiene in mano la sigaretta.. e penso tra me e me.. nel silenzio muto di questa mattina presto..

Oggi, questa mattina, il mio umore è neutro, forse stabile, non so, non sono né troppo su di giri né malinconica, sono normale, senza troppe esaltazioni. Senza troppa neppure allegria. Ma anche questo fa parte di me.

Non è così facile scrivere tutti i giorni, mi dico ora. Ma m’impegno. Prendo fiato e rincorsa per cercare parole e dare più vita alle mie mani affinché trovino parole nuove anche per oggi. Mi viene già da sorridere, tra me e me, ed il foglio bianco che ho di fronte a me. No, non è facile scrivere tutte le mattine. Ricordo benissimo un tempo, scrivevo sì quasi tutti i giorni, ma non così costantemente. Avevo forse una vita più.. più! più Vita! Facevo forse più cose.. ma no! Perché anche quando c’era Wisky IV il mio amato Lupo-Pit-Bull me ne stavo sempre in casa.. e scrivevo.. scrivevo.. di giorno, ed anche il pomeriggio o la notte. Ed ero molto serena in quel periodo. Ricordo Wisky IV mi ha insegnato l’arte del dormire beatamente, perché lui era un grandissimo dormiglione e dormiva così beatamente e di gusto, chè io ho ho cominciato a dormire di gusto come lui!  Senza sensi di colpa, e dormivo placidamente, come non avevo fatto mai prima in vita mia. Sì, perché quando c’era il mio Lupo, di nome Albertino, non dormivo così proprio serenamente, e mi viene da sorridere dal cuore, perché Albertino, ricordo non dormiva mai durante il giorno! Era un cane nevroticissimo e mi amava tantissimo anche lui. Ho amato tanto i miei amati Lupi! Tutti di carattere differente. Ma così dolci e amabili tutti. Poi ho avuto per 16 anni, 1 un mese ed un giorno anche Bobo! Uno spinone buonissimo e bello che ho avuto per regalo da mio padre quando avevo 20 anni! E’ stato anche con lui un grande amore! Amava così tanto la sua libertà che passeggiava (erano altri tempi! purtroppo!) tutte le mattine per conto suo. Libero! Già.. tragitti della mia Vita! Non ricordo un momento di Vita vissuta senza un animale vicino a me. Ora c’è Timbuctu, il mio gattino tutto nero, bellissimo che amo tanto. Lui anche ha la sua bella personalità, i suoi spazi che sono tutta la casa, il mangiare bene, la sua terrazzina dove alla mattina presto ed al tramonto lui si appoggia per respirare, prendere l’aria fresca. Sì ho sempre viziato, se si può dire, ma amato molto i miei animalini, che dormivano tutti nel letto con me. Normale! Divani distrutti. Ma a me della casa è sempre importato poco! Mi accendo ora una sigaretta.. fumo.. e quasi mi prendo una pausa, nel silenzio di questa mattina e le onde del mare che si odono da qui..

Ricordo che prima della mia malattia avevo tantissimi amici, poi sono svaniti tutti nel nulla. Ho sofferto di solitudine e della loro mancanza. Ero abituata ad averne tanti! Sospiro. Ora voglio sempre bene loro. Anche se non ci si frequenta più. Ma sì, ho sofferto di una grande solitudine, io che ero abituata ad essere circondata da amicizie. Ma so che questo accade a tutti. O quasi tutti. A me è successo. Con tanta sofferenza da parte mia.

Però li capisco.

Ora non li frequento più. E mi sono abituata ad una vita più solitaria, e schiva. Mi piace sempre sorridere, e ridere. E forse quei miei amici di quei tempi ormai lontani non erano più affini a me. Avevo, ricordo, una Vita molto movimentata. Tra lavoro, mia madre, la mia famiglia d’origine, le mie nevrosi, oh! tantissime! già allora! E così ogni tanto ci ripenso ai quei tempi lontani. Che però io ho amato tanto ugualmente. Ora la mia Vita ha molti più anni, e mi piace molto ugualmente. Mi piace molto starmene per conto mio. In fondo un po’ alla mia solitudine ci sono abituata anche da prima della mia malattia. Come se la solitudine, in fondo, mi avesse sempre fatto compagnia..

Respiro. E sospiro. Anche per oggi ho scritto il post. Che dedico ai miei cagnolini, amici fedeli nel tempo. Con i quali passeggiavo e respiravo aria buona. Camminavo lungomare e loro correvano liberi e felici! Sì, questo post lo dedico a tutti loro, che spero un giorno di rincontrare.

smilingdog

 

 

 

La mia Gioia di quando ero bambina!

L’arietta è proprio fresca che gira per la casa e Timbuctu gioca con se stesso correndo come un pazzo per tutto la casa.. corre velocissimo da una parte all’altra, mentre io sto sorseggiando con calma il mio caffè. La mattina ha bellissimi colori ed un bel silenzio. Solo il mare con le sue onde sugli scogli si sente da qui.. Sto bene e sono riposata. Ho dormito profondamente ed i sogni non me li ricordo. E’ stata fresca anche questa notte. Ho come l’impressione che Agosto con i suoi giorni caldi ci stia salutando piano piano. Io dopo aver fatto colazione, sono qui, come di consueto ormai, di fronte al pc a tentare di scrivere qualcosa di buono. La sigaretta in bocca e le mie mani che veloci scrivono sulla tastiera. Una leggera brezza arriva sin qui e mi rinfresca. Ora Timbuctu, il mio gattino, si è calmato, e si è disteso per terra al fresco vicino a me. Gli piace questo momento che dedico qui al mio blog, gli piace il silenzio proprio come me. Ha già mangiato la sua pappa, chè era affamato di prima mattina, come ogni giorno. Gli ho aperto il suo terrazzino ed un’aria fresca è entrata in casa.

Sto fumando e scrivo. Sono lucida e calma. Il mio cuore è calmissimo. Sospiro. L’umore è buono. Ed i pensieri quasi ancora sonnolenti.

Oggi ho l’impressione di non aver voglia di far niente. Non so se sono le medicine che assumo oppure sono proprio io. Non lo so. Respiro aria buona. E le onde del mare mi stanno facendo compagnia insieme a Timbuctu.

C’è intorno a me un grandissimo silenzio. Neanche un’automobile passa sotto casa. La Città mi sembra lontanissima, ed anche silenziosa.

Tutto sembra dormire ancora.

Io mi sveglio quasi sempre molto presto, anche perché la sera vado a dormire prestissimo. Per la mia salute. Altrimenti farei sempre tardi, tra l’ascoltare la musica, guardare i video musicali che mi divertono e piacciono molto, oppure scrivere qui. Ma ormai chè ci sono abituata, andarmene a dormire presto mi piace, perché ho scoperto che mi fa bene, e l’umore ne giova.

Sì, delle volte è meglio non scrivere se non si ha nulla da dire.. Ma io insisto sempre, testardamente, come una “capra”, sperando di trovare argomenti e parole nuove dentro di me.

Sperando di trovare, ripescare bei ricordi dimenticati che solo, magari, scrivendo poi riaffiorano. Il tempo trasforma ogni cosa, secondo me. E con il tempo rivedi le cose da altri punti di vista. Il tempo non fa rumore, come scrive e dice Luca Carboni, e forse è per questo che non ti accorgi che passa. E che passa così velocemente. Davvero. Ma non mi voglio rattristare, oggi, questa mattina. No. La mia vita è stata lunga finora. Ricca di esperienze, giuste ed anche sbagliate. Ne ho avute talmente tante.. da averne quasi paura.

E così ho anche tanti ricordi dentro di me. Che mi fanno sorridere alcuni. Molto. Non rido più tanto allegramente come quando ero molto più giovane. Questo no. Non rido più così spontaneamente come da ragazza. Forse sono cresciuta e piuttosto sorrido che ridere di gusto. Ma, ancora con mio padre rido! Parliamo di tante cose della nostra Vita, e mio padre è davvero simpatico e buonissimo, e così quando parliamo al telefono insieme è sempre di buon umore. Lo fa anche e soprattutto per amore nei miei confronti. Che sono una “figlia ritrovata” dopo tanti anni di assenza mentale. Un meraviglioso Dono dal Cielo, inaspettato, come tutti i Doni del Cielo.

Così ho ripreso i rapporti con mio padre, ormai da un po’, e tutti i giorni ci sentiamo due volte al giorno. Lui è presentissimo, mi conosce bene, e parliamo di tante cose. E mi fa ridere di gusto! E ride anche lui!

La mia lucidità che ho in questo periodo della mia Vita è quasi un miracolo. Ragiono come quando avevo circa 25 anni! Che ero nel pieno delle mie forze psicofisiche.

Sospiro.

E mi accendo una sigaretta.

La mia Vita è stata piena di prove da superare, come quella di tutti. E così non mi abbatto e mi sento ancor più forte.

Sono Cristiana, ma come mi è difficile amare il mio nemico! Che significa perdonare! Come è difficile il cammino cristiano! Ma ho capito una cosa, che è di fondamentale importanza, tramite la preghiera tutto è più facile. Tutto diventa più semplice e difficilmente ti senti solo completamente. Così, il cammino è sì tortuoso, per me difficile, ma bisogna essere ottimisti, agire per il Bene, non essere indifferenti alla Vita, e gioire nel proprio cuore. Non lasciarsi abbattere dalla tristezza, né dalla malinconia, ma gioire! Chè la gioia fa bene al cuore, alla qualità della Vita e poi è contagiosa! Non mollare mai.

Ricordo già quando ero bambina mi piaceva tantissimo pregare con le mie manine giunte. Provavo una gioia indescrivibile! Sì! Avevo un bellissimo rapporto con la mia Religione. Tanto che ho studiato tanto la materia riguardo la Vita di Gesù. Amandolo tanto.

Così anche oggi come ieri, sono qui, sperando di non aver sbagliato troppo nella mia Vita, di non aver deragliato troppo dalla retta Via, dalla strada Maestra, e così continuo a pregare come mi è stato insegnato ed alla sera mi addormento serena.

E così mi ritorno in mente bambina felice!

Felicissima!

Sospiro. I miei ricordi sono affiorati.

La mia gioia nel cuore, ricordo, era grandissima, quando ero una bambina e pregavo Gesù a mani giunte, ero davvero felicissima, in uno stato di gioia pura!

Poi la malinconia anche fa parte della mia esistenza, sì. Da quando mia nonna Fernanda che mi coccolava sempre è andata in Cielo e non l’ho vista più. Mi sono subito chiusa in me stessa, nella mia fantasia ed ho cominciato a conoscere prematuramente il dolore.

Sospiro, e penso tra me e me, forse racconto sempre le stesse cose, ormai. Forse sì.

Fanno parte della mia esistenza. Non ho amori da ricordare nel cuore. Questo ormai lo so. Non ho un amore che mi sia rimasto impresso nel cuore. Non ne ho nemmeno uno.

Mi hanno deluso tutti quelli che ho avuto, se ci penso solo un po’, e non ne sento la mancanza. Sarà che forse pretendo troppo.. non credo. Non sono stata fortunata, forse, tutto qui. Ma non mi manca l’Amore, questo no. Mi piace troppo essere libera e me stessa, senza condizionamenti.

Questa è anche l’educazione che ho avuto. La Libertà prima di tutto. Ed io oggi come oggi non sono ancora libera del tutto, ma mentalmente sì.

Amo molto Timbuctu, quando lo vedo mangiare goloso di gusto. Come ho amato tutti i miei cani che ho avuto. E ne ho avuti tantissimi. Sì, mio padre mi ha regalato una vita bellissima, all’insegna della bellezza e della libertà. Ed anche del rispetto, anche se il rispetto è una parola così importante e grande da prendere sempre con le “pinze”.. il rispetto secondo me.. non è mai abbastanza..

smilingdog

 

Voglia di leggerezza

C’è un bellissimo venticello qui che entra dalle finestre, si sta proprio bene. Ho bevuto un caffè pomeridiano ed ho desiderio di scrivere qui sull’amato diario di bordo. Mi sono rasserenata, sono serena, in pace con me stessa e con il mondo. Ho voglia di scrivere, mentre Hermano è arrivato qui in casa mia e sta dando da mangiare la pappa a Timbuctu. Sono di buon umore. Oggi assomiglia tanto ad un bellissimo giorno di sole di Settembre, un mese che amo moltissimo, è tra i miei mesi preferiti, sia perché è nata mia madre sia per i suoi bellissimi colori che a me piacciono tanto, così romantici. Ho voglia di scrivere, ora, che sono le 17.15, dopo un bel sonnellino profondo pomeridiano, ed eccomi qui. Ho bevuto anche del thè freddo al limone e sto bene nella mia pelle. Le mie mani si muovono veloci sopra la tastiera, e sembra ci sia più Vita dentro di me ed anche fuori. La Città sembra si sia ridesta, ed il gran caldo è scemato un po’. Respiro. Automobili passano sotto casa. Sembra una rinascita. Ho dormito proprio bene e tanto, forse ne avevo bisogno ed ora mi sento in forma. Mi accorgo di stare sempre meglio quando sto qui a scrivere su smilingdog come se avessi bisogno di comunicare, non saprei, oppure semplicemente il desiderio, l’amore per la scrittura, oppure il fatto che ormai sono abituata a starmene qui, comodamente seduta di fronte al pc da così tanto tempo, chè ormai ne sento la necessità.

Il pomeriggio mi piace quando ha questi colori vivaci con il sole che quasi si avvicina al tramonto. Il sole si è abbassato si è avvicinato al mare, ed i suoi raggi sono meno forti e colorati quasi beige.. mi piace questo pomeriggio ventoso.. l’aria fresca mi piace tanto.. respiro ed anche la mia mente è fresca ed ossigenata. Il sonno che ho fatto questo pomeriggio mi ha riportato in gran forma.

Sono vestita come piace a me. La cromoterapia del resto esiste ed io ci credo fermamente. Sono vestita con una maglia di cotone fresco color rosso fuoco che mi piace tantissimo e pantaloni di cotone color blu. Mi sento più giovane. Io vesto sempre casual. Da sempre.

Mi accendo una sigaretta.. e fumo..

Adoro i colori vivaci. Amo il verde, il giallo, il rosso, il blu, il grigio, il rosa, il turchese, insomma amo tutti i colori, che siano vivaci. Così con un semplice paio di jeans mi sono vestita. Mi piace la comodità.

Questo pomeriggio sono allegra.

Ed ho voglia di starmene qui. Da sola con le mie parole, con le mie mani che le scrivono velocemente.

Sì, oggi mi sento più giovane. I pensieri bui non li ho più da un po’. E l’estate sta finendo. Lo spero! Perché non amo molto il caldo. Anzi. Non lo sopporto.

E’ proprio fresco qui in casa mia. Si sta bene davvero. Sono tornata a respirare normalmente e sospiro di sollievo. Un grande sollievo.

Mi sembra addirittura una bella giornata di Primavera. Io che questa ultima Primavera non me la sono goduta molto. Oggi è una bellissima giornata. Osservo il Cielo che è trasparente di azzurro, un azzurro color dell’acqua fresca, bellissimo.

Mah.. quasi non ho più niente da dire. Oggi forse avevo voglia di parlare, di comunicare, di scrivere qui.

Forse ho bevuto toppo thè freddo che mi ha risvegliato la mente, il cervello, non so. Ma l’ho bevuto con tanto piacere. Mi ha dissetato. Mi piace molto il thè freddo al limone d’estate.

Non so.

Non sempre posso essere logica, ferma, quasi statica nelle mie azioni e soprattutto pensieri. Non vivrei più. Ne perderebbe la qualità della mia vita.

La mia mente ed il mio cuore oggi stanno bene. Sono in equilibrio. Non mi sto preoccupando. Sono solamente di buon umore ed allegra. E contenta di poter scrivere qui anche senza raccontare poi niente di chè.

Come parlare al telefono con un’amica e parlare del più e del meno. A volte mi accorgo di prendermi troppo sul serio e prendere ogni parola e cosa alla lettera, e poi sorrido poco. Devo rilassarmi maggiormente e godermi la Vita un po’ di più.

Insomma essere meno severa con me stessa ed anche con gli altri.. chè tutti abbiamo bisogno di leggerezza.

Oggi mi sento lieve e leggera. Ma accade un po’ di rado.

Ma la mia natura seriosa io ce l’ho sin da bambina. Ascoltavo sempre gli adulti quando parlavano tra loro. Li ascoltavo attentamente e con giudizio. Sì sono stata una bambina molto seriosa. E non posso cambiare la mia natura. Che è anche questa. Ma sono di natura anche allegra. Non lo dimentico. Sospiro..

Fumo una sigaretta, ho scritto velocemente questo post senza pensare troppo. Forse un po’ superficialmente. Leggermente come leggera è l’aria che gira per casa e che respiro.

Ho bisogno di leggerezza, tantissimo. Dopo anni pesantissimi. Tanti anni. Troppi!

Chissà che non si apra per me un periodo così lieve? Magari fosse!

Così anche oggi il post è terminato. Un post pomeridiano.

Inserisco la bellissima canzone “Settembre” cantata e scritta da Luca Carboni. Un cantautore che io amo moltissimo. Che canta e scrive canzoni serie ma anche leggerissime e profonde ed anche allegre. Con video molto originali e belli. Lo seguo da sempre.

smilingdog

 

 

 

 

Il mare grande..

Oggi non so se scrivere o meno. Non lo so. Ma come un automa mi metto qua di fronte al pc e comincio a scribacchiare qualcosa. E’ mattino presto, sono appena le 7.53, ho già fatto la mia colazione, un paio di caffè con del latte fresco, non è caldissimo questa mattina, e Timbuctu saltella riposato tra la casa ed il suo terrazzino. Una canzone in mente e continuo a scrivere. Scruto il Cielo, è limpido e chiaro, senza nemmeno una nuvola in lontananza. Le onde del mare rumoreggiano sbattendo contro gli scogli. Tutto il resto sembra tacere. Fumo una sigaretta. E scrivo. Mi giro alla mia sinistra verso la cucina dove di fronte c’è il bel giardino che mi piace tanto. Un raggio piccolo di sole lo illumina e lo scalda. Le mie piantine avrebbero bisogno di acqua. Ma sono molto resistenti. Sospiro e penso tra me e me. Ho dormito molto e profondamente. Sono riposata. Le mie membra anche. Non so cosa scrivere oggi. Sospiro ed ho come la sensazione di odorare il profumo del mare che tanto mi coccola e mi consola. Che tanto mi è sempre piaciuto. Il mare. I pensieri di fronte al mare sono più chiari nella mente. Più lenti forse, ma più chiari. Le proprie riflessioni di fronte all’orizzonte, le proprie domande intime ed interiori di fronte al colore immenso del mare. Quante volte sono stata di fronte al mare a parlare con lui. Da sola. Immersa nei miei più intimi pensieri.

Questo accadeva tanti anni ormai che sono passati. Quando ero più giovane. Di fronte all’orizzonte che è infinito. Quante volte.

Davanti al mare, di fronte alla linea dell’orizzonte non mi sono mai sentita sola. I miei pensieri avevano una voce più forte, il mio cuore parlava di più alle onde che scivolavano bellissime e calme a riva.

Una bellissima sensazione di pace nell’animo. E di silenzio. Il silenzio della Natura.

Da qui, oggi, si ode anche il vento che soffia forte. Un vento caldo.

Non ho voglia di parlare tanto oggi, né di scrivere.

E così oggi ho pensato al mare, le sue onde, il suo mistero, la sua vastità, la sua bellezza, il suo profumo. Che assomigliano all’Estate, ed anche alle altre stagioni.

Il post termina qui.

Buongiorno a te che passi e leggi.

dedicato ad una Amica.

smilingdog

 

Bibi e Timbuctu..

“Un’altra te.. dove la trovo io.. le onde del mare sbattono rumorose sugli scogli, è domenica mattina, e mia nipote Bibi sta dormendo di là, dall’altra parte della casa. Tutto è silenzioso ed anch’io cerco di fare piano. Mi sono svegliata tardissimo, verso le 10.30. Ma sono riposatissima. E’ un po’ caldo questa mattina. L’aria però gira per casa, ed il ventilatore dietro di me gira chè non si stanca e mi rinfresca le spalle e la testa.

Ho bevuto il mio caffè con il latte freddo, era buono, seguito subito da una sigaretta, fumavo senza pensare a niente. In balia di queste prime ore domenicali che assomigliano tanto all’oblio. Ad un limbo silenzioso e senza pensieri. Si odono solamente le onde del mare.

Respiro. Un’aria calda. Di Agosto.

Non ho appetito questa mattina. Del resto sono quasi appena sveglia. I pensieri sono quasi ancora assonnati. Ma mi piace starmene qui, nella mia piccola isola che è il mio amato smilingdog, come se avessi già desiderio di scrivere, come se avessi già desiderio di parlare tra me e me, una comunicazione particolare.

Sospiro.

La Domenica non l’ho mai amata tantissimo. Ricordo, amavo andare a scuola, sia alle elementari che all’asilo, amavo starmene con i miei amichetti, studiare sì, ma anche divertirmi e giocare, e la domenica i miei amichetti di scuola mi mancavano tanto. Così diventavo malinconica. Ed allora mia madre per rallegrarci, per far sì che fosse festa anche questo giorno un po’ triste per me, si metteva in cucina, e in poco meno di mezz’ora, preparava, ricordo, delle file di frittelle allo zucchero favolose! Come erano buone! Sapevano, avevano il sapore e la forma rotonda dell’allegria pura! Così io e mia sorella ci mettevamo davanti alla televisione con questa pila di frittelle profumate e golose, felicissime tutte e due! Ci guardavamo negli occhi io e mia sorella così felici che quegli occhi pieni di luce che brillavano di felicità pura di mia sorella me li ricordo ancora. Con tanta gioia. Ora mia madre è in Cielo, e le sue frittelle un meraviglioso ricordo domenicale. Il profumo dell’olio fritto per tutta la casa, e lo zucchero era per noi un regalo meraviglioso! E così la Domenica aveva un senso per noi bambine piccole. Piccole e golose. Come tutti i bambini. E poi erano tantissime le frittelle che preparava mia madre. Quasi esagerava per renderci felici!

A volte, ricordo, le preparava di nascosto, a nostra insaputa, per farci una bella sorpresa. Mia madre amava farci sorprese, soprattutto culinarie! Farci felici all’improvviso. Forse, chissà amava il nostro entusiasmo ed i nostri occhi felici.

Così trascorrevamo pomeriggi domenicali, io e mia sorella più piccola, davanti alla televisione mangiando di gusto le frittelle di nostra madre. Buonissime!

La mia malinconia svaniva immediatamente, e l’allegria prendeva il suo posto.

Amavo molto studiare, mi piaceva andare sia all’asilo che a scuola, dalle elementari in su. Mi riusciva bene lo studio. Ero portata quasi per tutte le materie, tranne la Storia che non mi è mai andata giù. Credo che per la materia della Storia ci voglia tanta passione personale, ed io non l’avevo.

Con i miei compagni di scuola di tutte le mie classi andavo generalmente d’accordo con tutti, mi piaceva stare con loro. Anche perché faccio, tendo a fare, amicizia facilmente, anche ora, nonostante la mia vita sia diventata più schiva e quasi solitaria.

Ed anche, ricordo ora, anche con le mie colleghe di lavoro ho fatto tante bellissime amicizie. Ricordo un gruppo di mie colleghe, alle quali voglio ancora un mondo di bene,  eravamo unitissime e ci volevamo tanto bene, l’una con  l’altra. Eravamo molto unite.  Una volta al mese, avevamo deciso, dopo aver preso la paga, andavamo a pranzo fuori insieme. E quanto ridevamo, quanto ci volevamo bene! E’ stato proprio un bellissimo periodo della mia Vita!! Sì, bei ricordi di un po’ di tempo fa, ma che credo siano rimasti impressi anche nella mente delle mie amate colleghe.

Le belle amicizie con la A maiuscola non si dimenticano mai. Rimangono dentro. Nei propri ricordi. Sì, ci si può perdere di vista, ma non dentro di sé. E’ stato come vivere una bellissima Primavera.

I bei ricordi che riaffiorano e diventano vividi e quasi precisi, fanno tanto bene all’Anima, a se stessi ed al cuore. Ed anche i ricordi sono quasi un mistero, arrivano quando vogliono loro. A rallegrarci la nostra Vita all’improvviso. La Vita è bellissima.

Ho un carattere quasi semplice, se ci penso bene. Certo non vado d’accordo proprio con tutti. No. E’ del resto impossibile. Ma non ho mai avuto difficoltà a fare amicizia. Non sono poi così chiusa in me stessa come mi sento ogni tanto.

Mi accendo ora una sigaretta.

Fumo.. Bibi ha già mangiato, ed ora è di là nuovamente a chattare con le sue amiche. Con il suo nuovo Iphone, del quale è super-orgogliosa.

Scrivi, zia. Mi ha detto appena ha mangiato. Continua a scrivere. Bibi è una ragazza, mia nipote, molto educata ed intelligente. Ci parlo bene. E le voglio un gran bene.

Ho un’altra nipotina, la sorella di Bibi, Vanessina, la quale è intelligente e simpaticissima anche lei. Sono orgogliosa delle mie nipoti cresciute così velocemente. Ma a me sembrano sempre bambine. Nel mio cuore di zia.

Così anche oggi ho scritto un post. Semplice. Ma che mi ha donato il buon umore. E’ caldissimo oggi. Farò una doccia fresca. Mi rinfrescherò le membra.

Forse Cinzia, la mia amica e vicina di casa, mi verrà a far visita se non andrà al mare. Non so. Io mi distenderò su Sultan mentre Timbuctu farà un po’ la spola emozionato tra me e Bibi che ama tanto. Timbuctu è innamorato di Bibi. Bibi ama molto gli animalini tutti ed anche Timbuctu. Timbuctu quando Bibi lo accarezza va in estasi felice!

Mi piace essere zia. Le nipoti si confidano un po’ con me. Parlano con me. Si fidano di me. Oggi sono contenta. La casa è un po’ in disordine, ma ci sono abituata. La casa di zia Vanna è sempre così! Loro, le mie nipoti lo sanno, ma mi vogliono bene ugualmente.

smilingdog

 

 

 

 

La pace nel cuore

Mi sveglio che è scurissimo fuori dalle finestre, dopo sogni particolari, sono quasi convinta che siano le 2 del mattino, guardo l’orologio e sono solamente le 21.30! Il sonno è stato profondo, decido di alzarmi. Mangio un po’ di formaggio magro, e mi disseto con una Coca-cola zero calorie! Non ho più sonno ed ho voglia di scrivere. Oggi ho provato a scrivere un post per ben due volte, non ci sono riuscita, li ho cancellati, non li ho pubblicati, erano così insipidi che non mi piacevano. Ora, oggi, per la terza volta eccomi qua, di fronte al foglio e vediamo cosa verrà fuori. Intanto me la prendo comoda. E’ sera, è tutto buio là fuori, e solo una luce è accesa ora nella stanza ad illuminarmi. La sigaretta è placidamente distesa sul suo posacenere, mentre Timbuctu si è svegliato insieme a me ed ora è disteso a prendere l’arietta fresca in casa. Ho voglia anche di ascoltarmi una canzone. Fumo e scrivo. Le onde notturne del mare si odono maggiormente e sembrano questa sera rincorrersi l’una con l’altra.. sembrano gonfie di mare.. rumorose.. mentre intorno a me tutto è silenzio.

Sembra notte. Ed invece è ancora sera.

Ho dormito un paio d’ore profondamente. Ho mangiato poco però, per la dieta che sto facendo, una minestra a base di verdure, leggerissima, e forse è stato l’appetito a svegliarmi dal sonno. Ed infatti poi ho mangiato, spiluccato qualcos’altro, sempre leggero.

Non so quanto io sia capace di fare una dieta, ma sono praticamente costretta per la mia salute, mi sembra di essere caduta in una trappola dalla quale non si può più uscire. Un gatto che si mangia la coda. Un circolo vizioso. Insomma se non mangio non dormo e se non dormo poi non sto bene. Mah! Intanto sto qui e scrivo. Mio padre m’incoraggia sempre a mangiare non troppo ma mangiare, ed io questi giorni ho mangiato davvero poco. Mi sono indebolita anche se mi sono dimagrita e la cosa mi ha fatto piacere. Intanto domani mangerò di più. Devo trovare una via d’uscita, una via giusta.

Mi accendo una sigaretta. Mi piace tanto starmene sveglia la sera, ed anche la notte! Come mi piace! Starmene qui, di fronte al pc, quando fuori è buio. Scrivere quasi di nascosto, e poi si ha la netta sensazione che il tempo si dilati, che hai tutto il tempo per te, che non hai fretta alcuna, la notte è davvero bella.

I pensieri si dilatano insieme al suono delle onde del mare, e si ha la sensazione che ogni parola sia al suo posto, in ordine. In un preciso ordine mentale diversissimo da quello del giorno. Scrivere la notte è bellissimo. Affascinante ed anche molto divertente.

Sei più a contatto con te stesso.

La mente non ha fretta alcuna di partorire parole. Respira il silenzio insieme a me. E la presenza di Timbuctu che ora sta dormendo rende tutto più intenso e bello. Magnifica sensazione.

Sto bene, sono rilassatissima. Il mare mi sta facendo compagnia. Le mie piantine stanno dormendo. Tutto tace intorno a me, tranne il mare.

Sospiro.

Di notte si diventa più ambiziosi, si vorrebbe scrivere un bel post! Perché si è più concentrati. Mi viene ora da sorridere, tra me e me, e sì, sono contentissima di essere qui, di fronte al foglio bianco e giocare a parlare con me stessa, nel silenzio della sera.

Ho, a volte, l’impressione di voler giocare sempre. Mi piace molto giocare e divertirmi, come se in effetti non fossi mai cresciuta, cerco sempre il divertimento, la risata, e la tristezza che comunque anch’essa tanto mi appartiene, in questo periodo della mia vita è volata via. Volatilizzata. Ho il cuore in pace. Non so se è solo un periodo, oppure sono io che sono cresciuta un po’ di più. Credo più facilmente sia un bel periodo della mia vita. E me lo vivo tutto. Sì. Ho il cuore in pace, e questo nella mia vita non è accaduto mai. Ed invece oggi, ed anche ieri, ed anche l’altro ieri, sono in pace con me stessa. Che io sia cresciuta davvero? Sono serena. E la pace del cuore è tutto quello che un essere umano possa desiderare nella Vita. E’ sicuramente un Dono che proviene dal Cielo. Sento il Cielo molto vicino a me. Mi sento amata e valorizzata moltissimo questo periodo, cosa che non è mai accaduta prima. Oppure prima non me ne accorgevo, presa dalla frenesia, dalla velocità mia nel mondo, distratta, e neppure troppo presente a me stessa ed agli altri.

Così eccomi qui. In una nuova versione. Per niente nervosa, ma calma come non lo sono mai stata prima.

Ho la pace nel cuore questo periodo della mia Vita. Sorrido e respiro profondamente.

Vorrei, desidererei che tutti provassero questa bellissima sensazione di pace e di gioia.

Mi sento più dolce, meno dura, più leggera, più felice!

Già.. sospiro e mi accendo una sigaretta..

Penso tra me e me..

Fra poco dovrò tornare a dormire anche se non ho proprio tanto sonno..

Ma i dettami della reflessologia esistono, anche se dolci, dormire presto. Io che me ne starei sveglia tutta la notte! Sorrido perché alla fine non cambio mai.

Anche se mio padre, reflessologo, mi ha detto che nei giorni caldi di Agosto posso andare a dormire anche a mezzanotte!

E questo è una di quelle notti!

Il mio cuore è gioioso. Ha tanti sogni. Tanti desideri. E sorrido tra me e me.

Scrivere mi aiuta tanto. Mi fa tanta compagnia. Le parole mi fanno tanta compagnia.

Ho una fame da lupo, questo sì! Ed ho dentro il frigo solo cose magrissime!

Berrò un bel bicchiere di latte freddo che mi piace tanto.

Il post ora è terminato.

Inserisco una bellissima canzone che s’intitola “A te” scritta e cantata da Jovanotti. E’ così romantica.

smilingdog