“Ma l’Amore che cos’è..

“.. Siamo segni del tempo.. mi è rimasta ancora dentro di me questa canzone di Luca Carboni che ho inserito ieri sera qui sull’ultimo post che ho scritto. Mi sveglio chè sono serena. Ed era anche ora! Dico fra me e me. E’ stata una settimana difficile. E’ stata pesante. Opprimente. Ma oggi mi sento meglio. Un saltello felice di Timbuctu mentre con la sua dolcissima vocina miagola giocando di primo mattino mi rallegra subito tantissimo. Così sorrido sinceramente. Di cuore. Il mattino ha inizio così. Bevo il mio caffè, me lo gusto, e mi sembra Sabato oggi, per quanto sono rilassata. Ho dormito abbastanza profondamente. Ed oggi mi sento leggera. I pensieri, Santo Cielo, quelli opprimenti oggi non li ho. Sto vivendo la magia della bellezza di queste ore mattutine. Le onde del mare ondeggiano tranquille.. giungendo a riva.. splendenti di riflessi di raggi solari. E’ uno splendido giorno d’Autunno con il sole. Meraviglioso. Mentre sorseggiavo il caffè osservavo il Cielo di fronte a me, azzurro chiaro, limpido con meravigliosi raggi di sole mattutini. Sì, il sole mi mette di buon umore. Così mentre bevo il caffè, e fumo una sigaretta in pace con me stessa, zittisco, ci provo, la mia mente, così il silenzio è più profondo, mi godo la sigaretta ed il momento.. Le energie sono ricaricate..

Oggi mi sento bene. Rilassata ed anche le membra del corpo sono sciolte e riposate, le mie mani, le mie gambe non mi fanno male. Sospiro e respiro seguendo il ritmo delle onde del mare..

Appoggio un braccio, il sinistro, sulla piccola scrivania dalla quale scrivo, l’altra mano fuma ed io intanto cerco un po’ d’ispirazione.. penso un po’ tra me e me.. senza fretta.. affidandomi alle parole del vento e del silenzio soprattutto.. questo silenzio mattutino.. meraviglioso.. ed al silenzio nella mia mente..

Vado indietro nel tempo, e come se mi rifugiassi in una nuvola, i ricordi mi vengono subito a trovare, ricordi felici.. mia madre ed io che guardiamo il Cielo insieme, io ero una bambina, e mia madre m’insegnò che sopra il Cielo c’erano tanti bei giardini meravigliosi, fontane, e persone a noi care.. ricordo, che bella immagine mi è subito balzata al cuore ed all’immaginazione.. come se mi avesse fatto vedere il Paradiso! Ed è da quel momento che ho cominciato a guardare di più il Cielo e cominciare a sognare..

Sognare di conoscere mia nonna Clara, di poterla vedere, io che non l’ho mai conosciuta, madre di mia madre Mara, me la sono sempre immaginata bellissima come me la descriveva con amore e nostalgia mia madre, bella e mora, con i cappelli ricci. E poi immaginavo sopra le nuvole, fontane meravigliose di acqua limpida, e stupendi giardini.. immensi..

Sì, il Cielo mi fa e mi ha fatto sempre sognare..

Mi accendo una sigaretta.. E mi sovvengono i miei antichi giocattoli che amavo tanto, soprattutto uno, anzi due, Pippo e Tomasino. Li ho amati per sempre. E li curavo, e quanto ci ho giocato insieme. Compagni della mia infanzia. Pippo era un bellissimo pupazzo di gomma e tutto colorato, stupendo! Mentre Tomasino fu il mio primo bambolotto! Eh! se ci penso ora quanta felicità ho provato nello scartare quel bellissimo e grande pacco tutto colorato e scoprire che dentro c’era lui! Al quale io diedi subito il nome di Tomasino! Fu un regalo che mi fece mia madre, e ricordo ancora il suo volto amorevole e dolce quando me lo donò. Tomasino era bellissimo. Grande. Cicciottello. Con il biberon! E faceva anche la pipì! Sorrido ora. Era un bambolotto all’avanguardia, ed io ci giocavo e ci dormivo sempre insieme. Pippo è stato mio Amico di giochi della mia prima infanzia. Simpaticissimo e colorato. Ricordo ancora perfettamente quanto io mi ci divertivo. Aveva un cappello verde. Ed un vestito rosso. Color pastello. Era bellissimo, ed io ne ero innamorata.

Così i miei giocattoli sono ancora dentro di me. Non li ho dimenticati.

Sospiro, e rido un po’ fra me e me, solo un po’, ma sorrido.

Ricordo i miei piccoli desideri, ma che per me erano grandissimi e quasi irrealizzabili, quando da bambina desideravo un gioco nuovo. Mi tenevo stretto stretto il mio desiderio, nel segreto del mio cuore e quasi pregavo che avvenisse. E se non ricordo male, i miei desideri dopo un po’ venivano esauditi. E quanto ero felice! E da bambina i desideri non finivano mai! Un mondo magico, l’infanzia, fatta di stelle e di sogni.

Ora, è tanto tempo che non esprimo un desiderio. Davvero. E forse è anche per questo che sono meno felice. E’ anche per questo che mi sono un po’ spenta. Un desiderio tutto per me, come quando si guardano le stelle cadenti, ma ancor di più, nell’intimo del proprio scrigno, un desiderio bello! Tanto desiderato. E ritorno bambina.

E’ tanto tempo che non ricevo un regalo. Ma forse neppure lo apprezzerei tanto, presa come sono spesse volte, ed anche sempre, dai miei pensieri che in genere m’opprimono. Non è così semplice tornare ad essere bambini! Oh! No. Oppure si? Quando scrivo qui, per esempio, mi diverto molto. Mi ci ritrovo con la bambina che è in me, con quella che ero prima di crescere, perché per me scrivere è un gioco vero e proprio. E forse la Vita non bisogna prenderla così seriamente! La bambina che è in me assomiglia molto a Lucy Van Pelt dei Peanuts, un po’ “capisciona” ed un po’ antipatica, io amo giocare da sola, mi diverto tanto, m’innamoro senza essere corrisposta del “mio” pianista” solitario, e do’ consigli alle mie amiche. Ma sì, mentre sono qui, mi diverto ancora molto. E come quando ero una bambina, i miei giochi non mi stancano mai.

Come amo le illusioni. Santo Cielo quante cose mi racconto! Soprattutto le illusioni d’Amore. Non sono affatto realista, non amo essere nella realtà, diciamocelo una volta per tutte! Amo sognare anche ad occhi aperti, un Amore, qualcuno che mi pensa, un sogno sognato in due.. una canzone.. che sfiori il mio volto come fosse una carezza..

Come amo il Vento..

Oggi sono proprio contenta di aver rievocato alcuni miei bei ricordi.. la giornata è iniziata bene..

E concludo questo mio post con una splendida canzone di Luca Carboni, che mi è venuta in mente questa mattina, mentre sorseggiavo il caffè, tra il fumo di una sigaretta ed una nuvola.. ed un pensiero.. in lontananza..

Un’Amore finito ormai.. ma io ci spero ancora..

smilingdog

 

 

 

 

 

Annunci