Ah! questo Amore..

Eccomi qui. Al mio posto, di fronte al pc, al mio foglio bianco a scrivere anche questa Domenica mattina chè mi sono svegliata dopo bei sogni che mi fanno sognare ancora adesso ad occhi aperti, ancora per un po’. Ho riso durante questo bel sogno. Sognando così la notte è trascorsa. Mi sveglio e lì accanto a me c’è il mio gattino Timbuctu, ci siamo svegliati insieme come tutte le nostre mattine. Mi alzo, e vado a sedermi nel soggiorno di casa. Accendo una sigaretta.. Timbuctu intanto mangia la sua porzione golosa di pesce al salmone. Apro la sua terrazzina anche se questa mattina è piuttosto freddo ed il Cielo è un manto scuro di nuvole. Preparo come consuetudine il mio caffè, ed ecco che la giornata ha inizio. Non volevo starmene qui a scrivere, come se avessi non solo perduto le parole strada facendo ma anche la voglia di scrivere ormai. Ma poi ho cambiato idea. Ed eccomi qui. Una telefonata mattutina con mio padre, ci diamo il nostro Buongiorno, ed ora sono qui. Non so che scrivere ma le mie mani continuano a tippettare sillabe e parole e virgole come se io non ci fossi, fanno tutto loro questa mattina, sono le mie mani sveglie e pimpanti e non vogliono perdere il loro gran gusto di poter scrivere ancora. Ed io le lascio fare..

Sospiro, e sento le onde del mare giungere lentamente a riva, calme..

Mi accendo una sigaretta. Forse non scriverò un post lunghissimo. No. Solo qualche parola ancora ed un po’ di musica. E’ Domenica mattina, sono riposata, ho dormito profondamente. Il caffè era buono. Ed il mio umore ugualmente è buono questa mattina.

Ieri con mio padre ho fatto una bella seduta di reflessologia. Sono in equilibrio e la cosa non mi sembra neanche vera. Mi sento bene ed i miei nervi ed il mio cervello è come se respirassero tramite la reflessologia ossigeno! Aria nuova! Il mio cervello funziona! In equilibrio, ragiona! La reflessologia è eccezionale come rimedio naturale alle malattie, le cura, porta in equilibrio tutto l’organismo. E’ da stupore! Ed io mi rilasso anche.

Così anche oggi mi trova in forze. Poi con mio padre mi viene sempre da ridere quando parliamo. Siamo molto simili, ci assomigliamo tantissimo ed io ne sono molto orgogliosa. Mi piace molto l’idea di assomigliare a mio padre perché è sempre stato un padre premuroso, presente e soprattutto tanto dolce. Come la sua mamma, mia nonna Fernanda che mi cullava e teneva fra le sue braccia con una dolcezza infinita. Così mi piacerebbe essere dolce come mio padre e mia nonna. Aver preso da loro. Mentre io mi guardo dentro e vedo solo i miei difetti, non noto mai la mia dolcezza, ma se solo intuissi di assomigliare al loro modo di amare e di essere ne sarei felicissima. La loro dolcezza è miele allo stato puro.

Un miele al quale non si può fare a meno. Un miele dolcissimo che ancora assaporo, quando ero una bambina amata sia da mio padre che da mia nonna, alla stessa maniera. E così oggi respiro meglio la mia Vita! E sorrido all’esistenza stessa, ed ho anche molta più speranza nel mio cuore di essere una persona migliore di come ho l’impressione sempre di essere, di essere sbagliata. Forse non sono così sbagliata mi dico oggi con più amore verso di me, con una sorta di clemenza nei miei confronti.

Certo quando sono ricoverata porto dolcetti sempre a tutti! Cioccolata soprattutto che fa tanto bene all’umore ed alla mente. Gli dà quella energia necessaria per riprendere contatto con la realtà. Secondo me la cioccolata è un anti-depressivo fortissimo e fa bene a tutta la mente, al cervello anche. La cioccolata! Quanto è buona! I mars! Ricordo portavo i mars in Reparto, oppure cioccolatini al latte così golosi ai miei cari amici ammalati insieme a me, poi pop-corn e patatine fritte e coca-cola e fanta per far festa la sera. Oh! Quante risate insieme! Quanti bei ricordi che ho! Non solo dolore, ma ho vissuto anche tanto divertimento fra quelle mura! E quante belle amicizie ed amori anche! Eh sì! Ci si innamora anche! Perché non siamo poi così differenti dagli altri esseri umani, proviamo fortissime emozioni, e ci vogliamo tanto bene fra di noi. Sì, bellissimi ricordi. Poi l’ora del caffè, a berlo tutti insieme chè ci piace tanto seguito da mille sigarette! Eh già.. tanti ricordi ho di questo lunghissimo periodo di ricoveri, e ne ho avuti tantissimi, e sì, ho ed ho fatto ridere tante volte i miei e le mie amiche. Di “sventura”! Ma quando ci divertiamo si ride parecchio! Sì! Cioccolatini e pop-corn! Hermano sempre ce li portava! Facciamo festa io dico! Ed allora quando penso a questi ricordi mi piaccio! Mi piace questa mia parte di me che ama consolare e fare amicizie anche nuove. Così scopro di non essere poi cambiata così tanto. E nella mia vita se ci penso solo un po’ mi sono divertita sempre tantissimo. Ho riso ed ho fatto ridere sempre tanto! Lo confesso!

Mi accendo una sigaretta.

Fumo e ripenso a questi tempi che ho vissuto.. E non li ricordo con sofferenza né con dolore ma come un’esperienza che mi ha arricchito tanto in umanità. Pur soffrendo poi fuori da quelle mura, per il fatto di sentirmi poi così “diversa” dagli altri cosiddetti “normali”. Ma io dentro di me sono rimasta sempre la stessa e forse penso solo oggi, solo ora, è un’esperienza che dovevo fare. Per conoscere, per amare di più. Così oggi non sono affatto triste. No. Ma sono gioiosa nel mio cuore!

Ecco qua. Forse le mie mani si sono stancate un po’ di “tippettare” qua sopra la tastiera o forse no? chiedo loro. E ripenso a quanti amici ho incontrato nella mia via e quanto ci siamo amati l’un con l’altra. Oggi il tempo è sereno. Mi giro verso la finestra qui vicino a me alla mia destra e guardo il Cielo che è splendido. E’ una splendida Domenica!

Ecco qua. Il post è terminato. E quante risate.. se ci penso solo un po’! Quanti amici e amiche simpatiche sempre ho avuto la fortuna di avere vicino a me! Forse sono simpatica anche io? Chissà? Se ho preso da mio padre quasi sicuramente! Mi piace far ridere, mi piace proprio! Fa parte del mio Dna. Sbagliato o forse nemmeno un po’. Il mio psicoterapeuta quando gli parlo dei miei affanni ride sotto i baffi come tutti gli altri miei psicoterapeuti! E non ne capisco certamente il motivo! Li faccio ridere. Ed io ormai ne sono abituata. E mi diverto anche. Certo pensare che tutta la mia patologia è nata dal fatto che ho avuto paura dell’Uomo Nero forse fa ridere proprio a tutti!

Buona domenica! 🙂 ❤

smilingdog

 

Annunci