I miei giorni lontani..

“E dillo che me voi bene.. come io te ne vojo a te.. “Tu si’ ‘na cosa grande per me.. ‘na cosa che me fa’ innamorà.. ‘na cosa che non aggio avuto mai.. ‘na amore cussì.. a cussì grande..! Canto questa meravigliosa canzone di Domenico Modugno che me fa’ innamorà anche questa mattina.. mentre le onde giungono a riva lente.. bellissime come il Cielo chè è azzurro e limpido e neanche una nuvola neppure una all’orizzonte.. un lieve ma dorato raggio di sole sulla mia terrazzina aperta ed un’arietta fresca che giunge e gira per tutta casa rinfrescando me, la mia mente, i miei occhi ed il mio cuore. Una sigaretta accesa ed io eccomi qui di fronte al pc a scrivere un po’.. Canto e scrivo ed è come se i miei sogni notturni si fossero trasformati in sogni diurni con le note musicali ed il ritmo delle onde marine che fanno da sfondo.. Sto abbastanza bene anche questa mattina. Sono serena. Sì la parola serena è una parola grande ma poichè la sto provando bisogna che lo scriva anche qui nel mio amato diario di bordo. Sospiro, mentre guardo le mie roselline rosse color fucsia che sono cresciute e sono molte di più. E’ una piantina bellissima. E le sue rose sono tantissime. Tutte aperte come fosse un magnifico Maggio. Il sole ed i suoi raggi m’incutono un ottimo umore. “Battocchio” qui le lettere del pc con molto piacere ed anche senza fretta. Ho dormito a lungo anche questa notte. Mi è sempre del resto piaciuto moltissimo dormire tanto. Tante ore consecutive e la mia mente sembra proprio chiedermelo. Così dormo tanto. E sono molto riposata. I miei pensieri non sono disturbati o nervosi. Neanche un po’. Ed anche le mie gambe mi fanno poco male dopo l’ultima seduta di Reflessologia plantare di mio padre amato. Cammino molto meglio ed i dolori e gli “acciacchetti” che pur ci sono della mia età, sembrano essere scomparsi. Una meraviglia la Reflessologia! Anche la schiena non sente dolore alcuno. Timbuctu intanto se ne sta seduto sulla sua terrazzina, arieggiata ed assolata, a curiosare di fronte a sè. Poi rientra in casa vicino a me, e miagola con la sua dolce vocina.

Non ho tante altre cose da aggiungere. Un’interruzione mi ha tolto la concentrazione. Vediamo un po’. E sorrido, mentre sono qui a tippettare di fronte al mio pc. Il fumo della sigaretta sembra giocare volteggiando argenteo davanti a me. E’ una splendida giornata, mattina di Gennaio. Questo mese fino ad ora è stato bellissimo, qui dove vivo io. Colori magnficenti, Cieli splendidi ed azzurri. Il mare poco mosso. Un bell’Inverno finora. Con il suo gran freddo pungente però. Chè mi piace la sera addormentarmi sotto il mio piumone caldo caldo. Non lavoro, è vero, ma ormai mi ci sono rassegnata chè tanta sofferenza mi dava in passato il non poter lavorare, ora non m’importa più. E vivo contenta di essere rilassata. E mi godo il mio riposo. Le mie ore di riposo. Chè la tempesta che ho vissuto fino a pochissimo tempo fa sembrava, è stata, interminabile e grandissima. Sembrava che fossi in mare aperto ed in mezzo ad una grandissima tempesta, in balìa di un’enorme Tempesta. E questo è stato per quasi tutta la mia vita. Ora mi concedo il riposo ed una tranquillità che non ho forse quasi mai provato. Ed allora ho smesso di lamentarmi, di piangere, di sentirmi vittima, e vivo la mia vita, chè quando c’è il sole è ancora più bella.

E così un sospiro di sollievo c’è dentro di me. Respiro. L’onda anomala è stata grandissima. E per tanto tempo. Tantissimo tempo chè ora sono felice di respirare, di vivere, di cucinare, sono entusiasta di nuovo dei miei giorni.

Il sereno dopo un’interminabile Tempesta. Così respiro più lentamente. Cammino meglio. E sono anche più sicura nei miei pensieri. Delle mie valutazioni. Sono più calma tranquilla, sono cresciuta e sono anche più sicura di me stessa.

Così scrivo quello che pensavo proprio ieri. Ed anche nei giorni scorsi. Un cambiamento radicale della qualità della mia vita. Oh! Chè bello! Così riscopro la mia mente, tanto deflagrata, ritornare ad essere integra nuovamente. I miei pensieri che ho sempre amato tanto. Me stessa! Direi che ha del miracoloso! Così mi auguro che tutti i miei carissimi amici che ho avuto modo di conoscere con le mie stesse identiche problematiche (ragazzi molto sensibili ed intelligenti) possano dire un giorno di ritrovarsi e di essere sereni con i propri giorni. Già.. La serenità è la cosa più importante ed il Dono tra i più grandi che ci siano. Non mi stancherò facilmente nè di scrivere nè di parlare della mia patologia. Di “noi” amici fraterni fra le catene di una mente addolorata e che un giorno si è spezzata. Mai perdere la speranza di tornare a vivere giorni splendidi. Di giornate che la nostra bella mente riscopra se stessa di nuovo integra. E’ di fondamentale importanza non demordere e non perdere mai la speranza di ritrovarsi un giorno splendido guariti. E finalmente pronti a riaffrontare la vita, le sue bellezze e la forza di affrontare i suoi ostacoli. Non bisogna demordere mai. Così scopro, riscopro la mia “proverbiale” grinta, che è stata sempre una mia particolarità del mio carattere. La mia voglia di tornare a vivere! La mia voglia, il mio enorme desiderio di guarire. Chè ho vissuto giorni nei quali c’era solo grigio dentro di me. Un muro grigio dentro di me. E la vita aveva perduto il suo senso e la gioia di vivere ormai perduta. Oggi l’ho ritrovata! E così sarà per i miei carissimi amici compagni di viaggio. Bisogna condurre una vita sana, senza eccessi. Una vita equilibrata e farsi aiutare sempre. Siamo sì forse più fragili e deboli rispetto ad altre persone che hanno avuto la fortuna di non conoscere le sbarre chiuse della propria mente per fortuna loro, noi siamo chissà.. abbiamo sofferto tanto e forse quasi sicuramente anzi sicuramente gioiremmo anche di più il giorno del nostro riscatto, il giorno dei nostri pensieri ritrovati, l’incontro felice e quasi ormai insperato con la nostra mente lucida, fresca come se nulla fosse mai accaduto. Ritrovare la gioia di vivere, di godersi i colori del Cielo, stare bene in propria compagnia, e rendersi forse conto di essere più sensibili di altre persone. Di soffrire di più. Di aver avuto meno resistenze, di essere crollati. Ma non è questa una colpa della quale a volte soffriamo anche moltissimo per via di antichi retaggi anti-culturali ed anti-umanistici. Siamo semplicemente persone che hanno sofferto di più ed abbiamo bisogno di maggiori attenzioni, anche di amore e di affetto e di rispetto soprattutto. Un rispetto che qui anche qui ancora non c’è. C’è ancora il retaggio di un Medioevo che ancora sussiste. Che fa, che ci fa sentire così inferiori e sbagliati rispetto agli altri. Anche ai medici, alcuni medici stessi. Ed al pensiero comune. Bisogna assolutamente sensibilizzare il pensiero comune. Così eccomi qui, come mio sovente a difendere le persone che soffrono o che hanno sofferto come me di malattie “mentali” che altro non sono che malattie del cuore che si è infranto un giorno all’improvviso pieno di dolore. Così eccomi, questo non è un post triste. No. Ma un post che vuole sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo queste tematiche. Non bisogna abbandonarci. Noi ci siamo sempre lì dentro, dentro al nostro corpo, è la mente che si è ammalata, ma noi, dietro una barriera nascosti, ci siamo sempre. Non bisogna abbandonarci a noi stessi soprattutto nel momento del dolore, della crisi. Lo so non è così semplice gestire una cosa del genere, anzi è assai difficile. Ma abbiamo bisogno di supporto, di aiuti. Concreti. Sia affettivi ma anche economici. Non è giusto dare pochissimi soldi al mese che sono proprio una miseria costringendo anche qualcuno, a molti di noi, a fare, a chiedere l’elemosina. Solo perchè malato e non può lavorare. Per questo argomento non c’è mai stato un Governo che sia stato onesto e bravo. Non c’è mai stato un aumento di neanche 100 lire per noi, che non possiamo neppure lavorare. 280 Euro mensili sono sempre stati gli stessi sin dai tempi remoti. Sono le pensioni più basse. E’ terribile questa situazione che non cambia mai. Sì, credo che siamo la categoria più indifesa che ci sia.

Nessuno mai se ne prende cura veramente. Tranne qualche bravo medico (raro!) che ha a cuore il suo mestiere ed i suoi malati. E’ da quando sono molto bambina che la cifra che prendono gli invalidi civili è sempre la medesima. Non superano i 300 euro mensili. Che cosa brutta. Che Paese incivile e di grandi ladri. Io la devo difendere la mia categoria alla quale appartengo. Lo devo fare. Lo devo denuciare e dire ad alta voce la condizione di alcuni miei amici che non hanno aiuti di nessun genere. Vivono ai margini della società. Vestiti malissimo e certo questo non li aiuta nella loro dignità e neanche nella loro guarigione. C’è chi ci mangia sopra le nostre condizioni. Siamo deboli ed anche ancora sopraffatti. Così anche oggi non mi stanco di denunciare e difendere i diritti nostri. E ricordarmi dei miei amici è un mio dovere civico.

Lo so, nessuno leggerà queste mie parole. Ma io non mi stancherò di pronunciarle e di scriverle. Combatto e combatterò ancora. Sia contro le contenzioni delle quali siamo ancora vittime (essere legati mani e piedi per giorni e giorni, queste sono le famose contenzioni) anche quando non ce n’è bisogno. Lo continuano a fare. A legarci, così la nostra sofferenza è ancora maggiore. Le nostre paure aumentano. Insomma quando tutto questo finirà non sarà mai tardi. Le finestre del Reparto (bruttissimo quello di Ancona) sono sempre chiuse. Non si respira mai l’aria fresca. E’ difficilissimo rientrare in se stessi se non si respira l’ossigeno. Così le degenze sono sempre più lunghe. Oggi ho scritto e non mi stanco di parlare di questo argomento.

Per oggi termino qui. Mi sento battagliera fino alla fine dei miei giorni riguardo queste tematiche. Battagliera fino alla fine.

Oggi il post termina qui. Una canzone di Renato Zero “Amico” chè è sempre stata una canzone bellissima dedicata a tutti i miei cari amici. Di Reparto ed anche no. Una canzone chè è un inno all’Amicizia, alla solidarietà, all’Amore, chè degli Amici quelli cari ci si innamora. L’Amicizia è così rara.. chè a volte a pensarci viene la malinconia.. Ma oggi non sono malinconica.. un raggio di sole scalda il terrazzino ancor di più ora.. ed è uno splendido giorno.. ❤

Buongiorno a te che passi e leggi!

smilingdog

Annunci