“Sai che l’Amore non finisce mai..

“Ecco la musica è finita.. gli amici se ne vanno.. che inutile serata.. Amore mio.. mentre odo le onde del mare sospinte dal vento giungere a riva rumorose.. canto questa bellissima canzone e mi accingo a scrivere anche oggi il mio diario di bordo. E’ una mattina grigia senza sole, il mare è quasi ceruleo e mosso, il Cielo che osservo ora è annuvolato e solo pochissimi squarci di luce e di azzurro quasi violetto. Ma è bellissimo. Sembra un quadro stupendo! Le nuvole allungate su se stesse sembrano inseguirsi.. Io mi sono svegliata bene verso le 9 del mattino. Io ed il mio gattino ci siamo salutati con un po’ di coccole mattutine, e ci siamo alzati insieme. Mi sono seduta al mio posto nel soggiorno ho fumato un paio di sigarette nel silenzio bello che mi circondava e mi circonda tutt’ora, ho poi preparato il caffè, l’ho bevuto con molto piacere! seguito da un’altra sigaretta fumante ed ero serena, ripensando i miei sogni notturni colorati e pieni di immagini. Ho sognato mia nonna Clara, bellissima! E noto che non l’avevo mai sognata prima. Io mia nonna Clara non ho avuto il piacere bellissimo di conoscerla. E’ andata in Cielo che mia madre era ancora molto giovane. Io l’ho solo immaginata nella mia vita. Me l’hanno sempre descritta come una bellissima donna, molto bella ed anche molto dolce. E questa notte per la prima volta l’ho vista! L’ho sognata che mi guardava sorridente e vestita elegantemente con un vestito bianco, color quasi crema chiaro. Le ho dedicato un mio libricino, intitolato “La foto” con una sua foto in copertina. Un libro che io amo moltissimo. E’ stato scritto tanto tempo fa ormai, ero ancora giovane, ero ispiratissima, ed ho scritto in prosa e poesia. Un libro breve ma intenso. Mi piace molto. Così questa notte vorrei pensare che lei, mia nonna Clara, mia sia venuta a salutare. Dolcemente. Una presenza che c’è sempre stata nella mia vita, mia madre me ne parlava con tanto amore, ed anche mio padre la ricorda ancora con tanta dolcezza e rispetto. Così mi sveglio. Mi accendo la mia amata sigaretta ed il giorno ha inizio anche oggi.

Odo solamente l’ondeggiare movimentato del mare..

I miei fiori sono sempre di più e coloratissimi..

Ieri pomeriggio Hermano mi ha accompagnato al mio appuntamento mensile con il mio medico psichiatra. Giovane e bravo. Un colloquio con lui che mi fa stare bene, mi rilasso sempre ogni volta che parlo con lui. Ci parlo proprio bene ed ho la sensazione stupenda di non essere giudicata mai. Mi rilasso e mi apro e parlo liberamente di tanti argomenti. Esco fuori da lì che mi sento sempre più leggera. Così io ed Hermano e Comoda, la nostra amata automobile che ci scarrozza dappertutto, siamo andati al McDonald con mia grandissima gioia! Un paio di cheesburger, patatine e maionese, pollo arrosto e pollo fritto ed una coca-cola gigante fresca e senza ghiaccio! Una meraviglia per il mio palato sempre così goloso! Mi sono sentita felice come una bambina piccola! Nel suo regno!

Mi sono addormentata subito ieri sera. Serenamente abbracciata al mio gatto!

Mi fa bene parlare aprirmi con qualcuno, in questo caso il mio medico psicoterapeuta. Giovane, aperto, intelligente ed anche bravo. Parlare, aprirsi, è come alleggerirsi il peso di giorni chiusi in casa a pensare tra sè e sè. Ci vuole un confronto. Mi ci vuole. Mi fa bene. E poi in aggiunta è anche molto simpatico ed io ogni volta rido! Mi fa ridere! E così ne esco alleggerita e migliore.

Accendo una sigaretta. Fumo, ascolto le onde giungere a riva, ed il vento fuori dalle finestre, ed io al riparo qui in casa. Oh! Quanto amo la mia casa, e mi sento come fossi una tartaruga per quanto tempo ci passo dentro le sue belle e colorate mura. Calde mura. Comode mura!

Non so cos’altro aggiungere.. penso un po’ tra me e me.. Mi sento tranquilla oggi, serena direi. Le mie paure lontane da me oggi.. E mi gusto queste ore della mattina. E la mattina mi piace tantissimo starmene in mia compagnia insieme al mio gattino. Un po’ solitaria sono diventata. Sicuramente. Con l’età. Mi piace sempre parlare con qualche amica, sì, ma amo moltissimo (la mattina soprattutto) starmene bene in mia compagnia, non mi faccio confusione. In vita mia ho ascoltato sempre tanto, non so con quale risultato, e non so neppure se ho mai ascoltato davvero bene, ma io mi sono sempre impegnata tantissimo. Così le ore del mattino me le dedico. Mi metto all’ascolto di me stessa. Anche in preghiera. Chè la preghiera aiuta tantissimo a riconnettersi con se stessi e con il proprio cuore. E’ una meditazione che aiuta tantissimo. Ed io prego anche la mattina, non solo la sera. Poi la mattina è stupenda. L’ho sempre amata tantissimo. I suoi colori appena nati, la sua energia fresca, il mio rilassamento che è maggiore.

Ed in più, la mattina non mi sento mai così sbagliata e fuori luogo. Mai. Mi sento in carreggiata, con le marce tutte al loro posto. E poi c’è questo spazio, il mio amato smilingdog! Dove m’impegno e ci passo del tempo che nessuno mi può portare via.

Altra zona che assomiglia molto ad una forma di meditazione. Nel silenzio in cerca di pensieri e parole.

Nella mia vita ho vissuto momenti che avevo dimenticato il mio cammino stupendo cristiano. Ed allora mi sento come “la pecorella smarrita” e spero che sia così, sono alla ricerca della retta via. Di comportarmi sempre meglio. Di riprendere il mio Cammino da dove l’avevo perduto. E’ del resto la cosa più importante per me. Che spero un giorno di essere davvero una brava Cristiana, di non avere dubbi al riguardo, di essere una brava persona. E’ la cosa più importante. Ho sbagliato tanto in passato, dimentica di tutti gli insegnamenti ricevuti, ho deviato dal retto cammino, ma ormai da tanto tempo, mi sono ricordata di tutti gli insegnamenti. Me li sono ricordati. E cerco ogni giorno di migliorarmi, senza però ipocrisia nè falsità. Eccomi qui. Sincera.

Non è così facile essere Cristiani forse. Però con la preghiera e con l’Amore e con la virtù della pazienza, che io ne ho poca, la speranza si vivifica. Ed anche la gioia di vivere ritorna. Bisogna con Amore fare del Bene. Perdonare. Amare. Insomma non sono tantissimi i Principi del Cristianesimo. E tornare bambini! Già.. giocare, divertirsi, l’entusiasmo.. i piccoli e grandi desideri, ricordarsi di quando si era bambini e si amava solo giocare! Ridere.

Così questo è quello che io ho imparato. Non mi piace essere troppo profonda. Mi stanca. Nè troppo superficiale. Ma essere normale. Ed amare. Ma come dice anche un Papa, è difficile amare se non si è stati amati. Se non si riceve mai amore. E’ impossibile quasi se non si conosce Amore. Così bisogna essere più comprensivi, e sto parlando a me stessa eh!, non giudicare mai, essere più buoni. Non è così facile essere più buoni. Io amerei tornare bambina, per il mio carattere. Mi piacerebbe tantissimo. Con i miei ricordi di quando pregando con le manine giunte, chiedevo un nuovo regalino con tanta tanta intensità e desiderio.

Ecco anche oggi ho scritto il mio post. Non ho mai amato diventare “adulta” e forse ci ho impiegato tantissimo tempo. Ritornare a ridere e giocare! Un mio grandissimo desiderio!

smilingdog

 

Annunci