Forse non sono poi così sbagliata..

“Respirando.. canto ma non ricordo bene le parole esatte della canzone cantata da Lucio Battisti che s’intitola così, Respirando. E’ una canzone bellissima che io amo particolarmente. Oggi, questa mattina sono davvero contenta di essere qui di fronte al mio foglio bianco del mio blog. Ho proprio desiderio di scrivere, di starmene qui seduta di fronte al pc, alla mia destra il bellissimo e luminosissimo Cielo ed io qui, appostata a scrivere. E’ una bellissima sensazione alla quale ancora non rinuncio. Scrivo e sorrido contemporaneamente. E respiro.. quest’aria che gira per la stanza che è fresca fresca, buonissima. Ed io mi sento bene. Il caffè che ho bevuto era buonissimo. Il suo latte fresco e bianco ottimo. Una sigaretta lo ha accompagnato. I miei pensieri appena svegli erano liberi per la casa ancora ancorati ai sogni notturni che non mi sono piaciuti. Ma sono solo sogni! Ed io eccomi qui ora a dettar parole che escono facimente alle mie mani che scrivono proprio velocemente. Le mie due dita. Come una vera scrittrice! Scrivo con le due dita indice delle mie mani e mi diverto tantissimo come se giocassi ad uno dei miei giochi preferiti come quando ero una bambina. E mi ci sento un po’ come una bambina questa mattina, mi sto divertendo molto a battere le lettere della tastiera del pc velocemente. Mi accendo ora una sigaretta. Fumo.. e penso un pochino tra me e me mentre osservo anche i colori di questo Cielo di oggi, azzurro tiepido con una leggerissima foschia, ma leggerissima, appena percettibile. O forse sono i vetri che dovrei pulire? Forse sì. E mi viene da sorridere. Le mie piantine intanto continuano a fiorire indisturbate. Mi sento leggera leggera questa mattina. Certo sono meteropatica tra le tante altre cose, ed oggi mi sento proprio bene nella mia pelle. Nel mio corpo. che è leggero anch’esso.

Sono direi serena ed odo il mio cuore cantare.. canterino com’è.. Già.. respiro.. sospiro ed intanto penso tra me e me parole da scrivere qui.

Sono sì un po’ pigra mentalmente.. mi sa tanto di sì, me lo diceva anche molto spesso mia madre, severissima maestra di scuola. Sì, forse sono pigra anche mentalmente ma è perchè amo astrarmi dal mondo che si tocca e veleggiare nella mia immaginazione.. starmene per i fatti miei a sognare.. dentro di me.. in un mondo tutto mio. Così nasce anche la mia distrazione. Che c’è. Sono però anche molto attenta. Insomma un po’ attenta ed un po’.. molto distratta se dovessi seguire completamente la mia natura. Che sta ad un metro da terra rivolta verso le nuvole. Poi sono cresciuta anch’io. Le nuvole si sono un po’ allontanate da me ma io non amo moltissimo starmene con i piedi nella terra, nella realtà che poche volte mi piace. Ma a chi piace la propria realtà? Sì, sicuramente c’è chi ama la propria realtà. Io tendo a sognare. A rinchiudermi in me stessa e sognare, lontana da tutto e da tutti, come dentro ad una bolla di sapone colorata e bella dove regna il Silenzio e la mia voglia di volare. Di “non-esserci” che mi ha sempre contraddistinto. Così scrivo e la scrittura mi aiuta tantissimo a rievocare la mia natura con la quale credo di essere nata. Innamorata dell’Amore dei miei genitori, ricordo facevo tante cose per renderli felici ed orgogliosi di me. Li ho amati tantissimo. Sì, la mia vita parte piena di entusiasmo. Con una grandissima voglia anche di divertirmi. E’ una mia peculiarità. E non so fino a che punto io sia cresciuta davvero. Ma sì, sono cresciuta anche io.

Con tutte le sofferenze che la crescita porta in ognuno di noi.

E come mi piacerebbe resettare tutto, ma tutta la mia vita e tornarmene bambina che gioca! Che se ne sta nel suo mondo. Indisturbata. Nel suo silenzio primordiale.

Una meraviglia di sogno che ho, che ho dentro di me e che è un mio fortissimo desiderio. I desideri si realizzano? E sorrido ora tra me e me.. già i desideri.. Ricordo ero una bambina che aveva tanti desideri nel suo cuoricino. Ma tanti! Erano desideri semplici sì. Ma pur desideri. Che illuminavano di stelle lucenti il mio rosso cuore. Ogni desiderio era una stellina dorata nel mio cuore. Ed ogni volta che un mio desiderio si avverava.. ecco che subito puntuale ne arrivava un altro. Così già allora chè ero piccolina ragionavo su questi amabili ed amati desideri che alla fine non finivano mai. Raggiunto un desiderio ecco che ne arrivava un altro. Ed io ci pensavo seriamente a questa cosa. Al perchè non mi bastassero mai le cose che avevo raggiunto. Ci pensavo e non avevo risposta finchè un giorno lontano sono cresciuta anche io ed i desideri che sono comunque stupendi da desiderare e bellissimi, un giorno se ne sono andati via. Spariti. Come se all’improvviso avessi smesso di sognare. Era finita la mia infanzia.

Il mio sodalizio in gran segreto con il mio cuore. Come se ad un certo punto della mia vita il mio cuore si fosse nebulizzato.. con tutto quello che sognava.. con tutti i suoi sogni.. non l’ascoltavo più.. non c’era più!

Il mondo che poi ho conosciuto mi ha fatto piangere più di una sola volta. Lacrime che ancor oggi piango. Che hanno mutato la mia vita.

In maniera drastica e definitiva. Così resto delusa.

Ora i miei sogni li ricordo ancora. Odo le campane di un lontano campanile suonare. La mia distanza era tanta.. da quel suono.. che più amai.

La malattia di mia madre, le mie sconfitte, i miei sogni sono infranti. Ma oggi oggi ritorno più forte di prima. No. Non mi arrendo. I demoni li scaccio con la mia forza.

I miei ricordi più belli rivivono anche in queste pagine. Dove io scrivo sinceramente chè è il mio amato diario. Ed anche questo bellissimo mio spazio è uno stupendo dono che ho ricevuto da una splendida persona.

Ecco.. eccomi qui.. spoglia del mio orgoglio che non ne ho mai avuto tantissimo fortunatamente. Ma mi ribello ancora alle ingiustizie che vedo. Che so notare. Ed io di ingiustizie ne ho ricevuto abbastanza. Li ho perdonati. Anche se la mia vita è cambiata tantissimo da quei giorni lontani.

Respiro.. prendo fiato.. chè mi sono emozionata a scrivere questo post. Chè c’è tutta la mia vita dentro in poche righe.

Mi piace non essere logorroica. Ma sintetica. Mi piace ancora scrivere quasi in prosa-poesia. E’ e resta il mio sogno letterario. Ed io continuo imperterrita a scrivere finchè ci riuscirò. E’ nelle mie note, è nelle mie possibilità scrivere in prosa-poesia e poi la mia vita assomiglia un po’ alla prosa e poesia. Ne ho ancora di materiale per poter scrivere. Ogni mattina qui. Dopo un buon caffè ed una sigaretta sempre accesa. Mi piace moltissimo vivere i miei mattini così. Poi Hermano apprezza sempre molto quello che penso e che scrivo. Legge puntualmente attentissimo ogni mio post. Arriva qui in casa al pomeriggio verso sera e mi chiede, tutti i giorni: “C’è oggi il post?” e poi inizia a leggere a voce alta, ed io attenta in rigoroso silenzio ad ascoltarmi. Ed anche Timbuctu, il mio gattino, sembra proprio mettersi all’ascolto, attentissimo anche lui. E’ un bel momento del mio pomeriggio. Dopo che Hermano mi prepara la mia quotidiana spremuta di arance fresche, che diventano la mia cena. Quando Hermano legge poi mi dice sempre ma sempre che è un bel post. Gli piace sempre. Forse è troppo di parte. Penso io.

Così anche oggi ho scritto un po’. Tornerò nelle “mie stanze” nel mio amato silenzio.. penserò che amo molto pensare.. ed ascolterò la “mia” musica, ascoltando il mio cuore chè gli dò respiro, aria, ossigeno, non lo devo nè posso mortificare, lo devo amare il mio cuore, ed essere più propositiva, meno pessimista.. ma lasciarmi andare insieme alle onde del mare che loro stesse giungono a riva naturalmente senza artifizi, senza troppi sforzi, ma lasciare che la mia Anima veleggi e continui a sognare.. chè sognare è stupendo.. e no.. non si possono recludere i propri sogni.. chiuderli a chiave.. ma lasciarli vivere.. chè sono talmente belli.. che allungano la vita..

smilingdog

Annunci