Forse la Vita è più bella di quanto si creda..

“Cercami.. è più facile che mai.. Cercami .. e sorprese non avrai.. bellissima canzone di Renato Zero cantautore che non mi ha delusa mai. Fa parte della mia “storia” ed educazione musicale. “Cercami” una canzone bellissima. Odo questa mattina il fruscio del vento fuori dalle finestre, l’ondeggiare mosso del mare.. e scruto i colori del Cielo che è terso, azzurro, limpido. Mi sveglio dopo tante ore di sonno continuato e ricco di sogni colorati che ora non ricordo più. Mi alzo. Accendo una sigaretta seduta in soggiorno. Saluto, do il mio Buongiorno al mio gattino sveglio insieme a me. Apro il suo terrazzino che ama tanto. Insomma le mie solite cose del mattino presto, appena sveglia. Preparo il mio caffè. Lo sorseggio con lentezza, la mia preghiera del mattino, e la giornata mi sembra iniziata bene. Scruto un po’ i social Istgram e Facebook. E poi qui. Di fronte al mio pc, una sigaretta accesa, il mio umore abbastanza buono, ed ecco le mie parole scritte anche oggi qui. Già..

Dunque eccomi qui anche questa mattina.

Il Cielo è chiaro. Dovrò dare acqua ai miei fiorellini.

Cerco di creare spazio silenzioso nella mia mente per poter scrivere un po’.. attendo un pochino. Le onde del mare con il loro susseguirsi ondulato mi stanno facendo compagnia insieme al gran silenzio che ho intorno a me. Un raggio di sole si è appena appoggiato sopra il terrazzino della mia cucina. Lo sta riscaldando ed il mio gattino ne approfitta distendendosi tutto allungato sotto di esso.

Il mio gattino come tutti i gattini è molto curioso, ed anche un abitudinario (come me!), se ne sta in questo momento là sul suo terrazzino a guardarsi intorno e respirare l’arietta buona di Primavera. E, durante il tramonto esce di nuovo, ed osserva romanticamente quello che lo circonda. Mattina e sera, ogni giorno lui esce sul suo terrazzino. E’ amabile.

Ed appunto come me è un abitudinario. E si. Sono anche io un’abitudinaria. Forse un po’ troppo. Troppo ferma nelle mie azioni. Ripetute. Ma è come se fossero per me gran punti di riferimento io che soffro di mancanza di punti di riferimento. Ci soffro da tanti anni. Così mi “attacco” alle mura di casa, alle mie “cose” quotidiane, come se soffrissi di una forma rara di “ciecità” mentale ed avessi bisogno sempre di supporti anche fisici e materiali. La materia. Chè tanto mi rassicura. Altrimenti sentirei un grandissimo vuoto dentro ed anche e soprattutto fuori di me.

La grandezza del mondo oh, quanto mi spaventa come l’indifferenza degli umani. Mi terrorizza. Come se fossi rimasta una bambina senza nessuno che la ami. Un grandissimo vuoto sento fuori e dentro di me. E questo immenso vuoto che provo lo tengo a bada cercando rifugio nelle mie piccole “cose” ed azioni quasi sempre le stesse e standome in casa. La mia paura del vuoto e di rimanere sola. Ce l’ho da tanto tempo. La famosa paura dell’abbandono. Chissà da quanto tempo ce l’ho dentro di me. Poi standomene qui al “sicuro” dentro la mia casa mi rassicuro e mi tranquillizzo. Sono molto fragile.

E mi spezzo credo facilmente. Anche se ho il mio cuore che ormai è abituato e quasi “sordo” ed assente vive autonomo la sua vita. Cantando e danzando come da bambina quando mi assentavo da tutto e da tutti e nella mia fantasia comiciavo a giocare da sola. Ho tanta fantasia. Forse troppa. Senza limiti. Questa è parte della mia patologia. Una fantasia incontrollata che prende quando sto male il posto al mio raziocinio e la mente se ne va con essa. In altre dimensioni lontanissime ed assenti dalla realtà. Ed a volte soffro molto.

Sospiro. Gli spazi grandi mi mettono paura. La folla, la gente e la confusione ed i rumori assordanti mi danno fastidio ed io così vivo in un costante silenzio. Tranne quando mi lascio andare ad ascoltare la musica bella ed amata che ancora ascolto con tanto divertimento ed amore vero. La musica mia costante compagna di vita.

Che non mi ha mai tradito ma anzi fatto una stupenda compagnia in tutta la mia vita.

Fortuna il mio amato gattino, la mia amata musica, le mie belle nipotine, mio papà che cerca sempre di rendermi più allegra, e la bellezza della mia casa che tanto mi rassicura, ecco questa è la mia vita. Semplice semplice. Fatta di cose semplici. Forse sono poche ma io le amo tantissimo. Ancor oggi.

Poi ci sono anche i miei amati ciclamini che tanto tanto mi amano. Con i loro stupendi e profumatissimi fiorellini. Non li devo dimenticare.

Il mio caffè seguito da una sigaretta è un piacere al quale cedo volentieri. Ogni tanto una mia amica che mi viene a trovare. Quattro chiachiere in compagnia. E questa è la mia vita. Da tanto tempo.

Non riesco più a leggere tantissimo come un tempo invece facevo con molta passione. Non vado più al cinema che ugualmente amavo tanto. Sto in casa. Vestiti semplici. Poche parole da dire. Tanto silenzio intorno a me. Il cinguettìo degli uccellini, il loro canto la mattina presto. No. Non mi posso lamentare.  No. Forse è la vita che avrei sempre voluto vivere. E’ quella che più mi somiglia.

Mi piace ancora osservare bei quadri, leggere una bella poesia. Gustarmi in pace il mio cibo per l’anima. E poi, bellissima sensazione di pace, ascoltare il silenzio. Chè bello che è. Come lo amo..

Poi le onde del mare.. il Cielo che guardo ogni giorno.. Forse se ci penso un po’ non dovrei lamentarmi poi più di tanto. Ho forse già tante cose di cui gioire.

L’Arte mi è sempre piaciuta tanto. Le diverse forme di comunicazione umana. E la Natura e le sue bellezze. La bellezza di un albero e le sue verdi fronde.. respirare il mattino presto l’ossigeno di un nuovo giorno.. vedere i colori dell’Aurora.. tutte cose che a volte mi accadono. Mi piace molto vivere per conto mio insieme al mio gattino. Mi fa sentire libera. E bene. Forse non sono portata per una vita differente e scrivere oggi queste cose qui descrivendo la mia vita me la rende ai miei occhi più bella di quanto pensassi. Forse sono amata anch’io ancora nonostante i miei tanti grandi errori.

A volte anzi spesso mi sento sola. Ma anche questa sensazione appartiene un po’ a tutto il genere umano. Forse ci facciamo i conti tutti con la solitudine. La quale da una parte è una pesantissima sensazione che abbatterebbe chiunque da un altra bisogna imparare a sapersela gestire. Ma la solitudine è un pensiero che mi porto dietro sin da bambina. E forse “soli non si è mai” come scrive anche il grandissimo cantautore Luca Carboni.

Sì. Se ci penso solo un po’ ho una vita abbastanza serena. Se solo non mi lasciassi oscurare la mente dalle mie ansie. Dalle mie paure. Vivere giorno per giorno, me lo devo ricordare molto più spesso. Ecco, vivere giorno per giorno. Il segreto forse anche per essere più felici. Più contenti. Più forti.

Oggi inserirò una canzone che ho scoperto solo da poco ed è stupenda! Cantata dal grandissimo Franco Battiato ed ho desiderio di cominciare anche questa giornata cullandomi su questa melodia.. E più ti amo è il titolo.. Buon ascolto a chi passa e legge..

smilingdog

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.