In attesa della Terra Promessa

Eccomi qui! Buongiorno e Buon Sabato ai lettori di questo mio blog smilingdog.

Sono le 8.36 del mattino! Mi sveglio insieme al mio gattino verso le 6 e qualcosa,  dopo un bellissimo sonno, sin dalle 8.30 della sera. Ne avevo proprio bisogno! Sorrido, occhialini neri e con un paio di filini bianchi sto indossando, i miei più comodi, più freschi! E’ molto freddo là fuori. Io me ne sto chiusa in casa, copertissima, ma con i piedi scoperti. Ho bisogno di sentire fresco ai miei piedi così ho come la sensazione di sentirmi più libera!

Ho sorseggiato un bel paio di caffè con del latte intero fresco e zucchero! Era ottimo! Poi verso le 8 del mattino ho preso le mie poche medicine! Ma prima ho ascoltato un po’ di sana e buona musica! Intanto Timbuctu, il mio gattino, sta miagolando, non so davero cosa chieda.. Forse ha bisogno di dormire ancora..

Il mio gattino, da ieri che sono rientrata in casa dopo un lungo ed ostico ricovero, si è finalmente rilassato! Dicevo, ci siamo addormentati verso le 8,30 della sera e svegliati verso le 6 del mattino! Ci voleva un sonno continuato e riposante davvero!

Mi accendo ora una sigaretta..

Fumo.. e penso un pochino tra me e me.. mentre odo le onde del mare giungere a riva.. lente ed allungate sulla battigia..

Un treno e degli autocarri stanno transitando di fronte casa.. ma tutto il resto c’è un grande silenzio che io amo molto.

Ma la Città si è svegliata già da un po’. Auto scorrono sotto casa ma sono poche..

Mi giro verso la mia destra, osservo i miei fiorellini che sembrano sfiorare il Cielo, un Cielo bianco con squarci di azzurro, un Cielo a tratti con piccole nuvole bianche bianche.. piccolissime..

Fumo…

Davvero non so che altro aggiungere.. come se fossi rimasta senza le mie parole.. sorrido 🙂 ed attendo..

Oggi e domani mi dedicherò al riposo, ne ho proprio bisogno, ne sento la necessità. Ho avuto un ricovero difficile ed ostico. Anche se ho avuto la bellezza di conoscere persone dolcissime e care a me.

Mi godo il mio comodo lettone insieme al mio gattino, Sultan che è comodissimo ed anche caldo!

Sospiro.. una leggera ansia mi viene a trovare all’improvviso.. come suo solito.. ma continuo a sorridere.. ricordo a me stessa che sono in casa, che sono stata finalmente dimessa, e che posso anche fumare a letto.. ascoltare la mia amata musica ed usare il mio comodissimo e bellissimo smartphone! Tutte cose che non potevo fare.

E’ stato come stare in galera! Uno dei miei ricoveri più duri e difficili da vivere.. sembrava di stare sotto dittatura!

Ora che sono qui, sotto il tetto della mia casa mi sento molto meglio.. ma la situazione psichiatrica non è migliorata, anzi..  Mi è sembrato di vivere l’incubo del mobbing mentre in una clinica psichiatrica bisognerebbe vivere sereni e tranquilli.. Sospiro l’amarezza in bocca! No la situazione psichiatrica è peggiorata moltissimo!

Gli anziani vengono maltrattati brutalmente dagli infermieri e non c’è nessuno che li difenda..

Ho visto medici totalmente cattivi ed incompetenti ancora al loro posto. Insomma una debacle immensa per la situazione psichiatrica. Basaglia si rivolterebbe nella tomba se già non lo ha fatto!

Respiro e sospiro. Quello ho scritto lo penso davvero.

Mi accendo un’altra sigaretta.

Fumo e penso..

Non si può scrivere solo di colori e profumo di fiori e voci squillanti di bambini bellissimi..

Ho vissuto il terrore dentro quelle quattro mura chiuse serrate e senza ossigeno.

Nascondi le tue sigarette chè altrimenti ti vengono sequestrate e fumate! Ma altri problemi di agitazione logistica non solo la mia.

E’ terribile come viene gestito il reparto psichiatrico, la clinica psichiatrica di Ancona.

Tossisco che ho avuto l’influenza. Io avevo il permesso datomi dal mio bravo psichiatra così uscivo con Hermano e bevevo e mangiavo a volontà! E soprattutto respiravo ossigeno!

Così ho descritto il mio recente ricovero  che è stato appunto durissimo!

Sospiro e respiro..

Mi è venuta la nausea a pensare a quelle quattro mura che un tempo nemmeno troppo lontano eppur amavo!

Ok! Basta parlare di questo argomento. Quello che dovevo scriver l’ho scritto.

Penso proprio che il post di oggi possa terminare qui.

Penso che se non avessi Hermano che mi aiuta sempre e costantemente non so dove potrei essere sbattuta!

La cosa comunque che più mi ha colpita sono i giovanissimi ragazzi ricoverati lì dentro. Sono tantissimi!

Un dolce ricordo va alla dolcissima e bella e malinconica Silvia, a Fabrizio, ragazzo bellissimo e dolcissimo, ad Alessandra, giovanissima e bellissima mamma, ed infine a Vaji, un ragazzo dagli occhi bellissimi celesti e di ghiaccio, ucraino.. un sorriso 🙂 da qui! Nascono fortunatamente gli amori anche in luoghi durissimi e diffilissimi! Un saluto alla mia amica Jolanda! ed a Teresa!!!!!!!!!!!!!! ed infine, dulcis in fundo a Daniel!!!!!!!!!!! simpaticissimo ragazzo!<3

smilingdog