Annunci

I miei pensieri più belli..

“Occhi di ragazza.. quanti mari che ci aspettano.. canto tra me e me in questa mattina uggiosa questa splendida canzone di Lucio Dalla intitolata “Occhi di ragazza” che oggi inserirò qui nel post con mio grandissimo piacere. E’ forse tra le canzoni che preferisco in assoluto ascoltare.

Mi sveglio verso le 9 del mattino che sono riposatissima. Ed anche di buon umore. I sogni sono stati belli anche se ora non li ricordo già più. Mi alzo e m’incammino verso il soggiorno, mi siedo comodamente e mi accendo una sigaretta e guardo fuori dalle finestre, piove, gocce di pioggia sulle finestre ne sono la prova.. così Timbuctu oggi non è ancora uscito nella sua terrazzina che lui ama tanto, ma è talmente buono che non si è lamentato, “Piove Timbuctu!” e lui sembra aver capito così s’appoggia ad una mia sciarpa nuova e calda, si è adeguato immediatamente al clima di oggi che sembra che l’Estate sia terminata. Oggi infatti è più fresca l’aria ed io mi sento meglio. Mi accendo una sigaretta, ho preparato il caffè e l’ho bevuto con piacere, mi sono svegliata proprio bene questa mattina. Il giardino di fronte a me lo guardo scrupolosa, attenta, e noto un vento che è forte e che spinge di qua e di là le belle piantine. Questa notte c’è stato anche un temporale. Io me ne stavo nel letto a cercar di prendere sonno.

Sospiro. E’ Domenica mattina. Sì, il vento lo sento fischiare anche da qui.. e le onde arrivare grandi sugli scogli.. il mare mi sembra mosso..

Mi giro alla mia destra per osservare il Cielo, è tutto annuvolato di nuvole piene di pioggia.. è proprio una brutta giornata, come clima. Ma a me piace proprio così. Aria più fresca ed io rintanata in casa. Mi piace molto. E’ arrivata al momento opportuno questa giornata così grigia ed uggiosa, ero arrivata allo stremo delle mie scarse forze, il caldo era davvero tanto, troppo! Così respiro aria nuova e la mente si ossigena di più.

Alla mia sinistra c’è un servizio nuovo di tazzine da sei per il caffè, un servizio intero, è talmente grande che non so dove metterlo, ma è davvero bello, molto elegante. E’ un regalo di Amica del Silenzio e del suo compagno. C’è anche la zuccheriera che i piace proprio. Lo userò molto volentieri. Non ricevo in genere tantissimi regali, peniseri, anche perché forse di amiche non ne ho poi così tante. Ma quelle che ho ogni tanto i pensieri me li fanno e la cosa mi fa piacere.

Respiro quest’aria fresca con molta gioia, mi sento in forma, e mi piacciono tanto queste giornate grigie di pioggia. Mi rassereno con me stessa, come se mi bagnassi sotto di essa, acqua piovana che scende dal Cielo. E’ una sensazione di intimità con me stessa che forse da tanto tempo ho perduto. Una parte di mia interiorità che con il tempo si è affievolita rispetto a quando ero più giovane, quasi una ragazza. E studiavo fra i libri assorta. Mi piaceva molto studiare, mi riusciva bene, amavo lo studio e riuscire bene. Già.. altri e lontani tempi.. che ricordo con una lieve ma anche forte nostalgia.. mi manca un po’ la mia persona nell’interiorità, come se avessi perso tante energie mie nel mio vivere quotidiano tralasciando i miei pensieri e riflessioni più profonde non so più dove. E così la pioggia di oggi mi ricorda quei giorni lontani di me che guardavo la finestra e la pioggia scendere ed io che riflettevo sull’esistenza e mi ponevo allora tante domande.. pensavo, ragionavo, sempre silenziosamente tra me e me.. cosa che con il tempo appunto si è affievolita.. Tante cose sono avvenute poi dopo, e se ci penso bene mi sono perduta nelle strade della mia Vita, e delle volte ora, mi dò’ contro troppo spesso, mi devo dare una chance e chissà che io non ritrovi i miei pensieri più profondi e riprenda a fare le mie riflessioni silenziose tra me e me? A volte ci spero ancora. La mia parte nervosa, il mio sistema nervoso ha preso il sopravvento ed i nervi hanno preso il posto dei miei pensieri più belli, che non mi facevano male, ricordo amavo molto quel mio silenzio mentre studiavo, quei miei pensieri giovani ed anche colti. Ero una ragazza a modo fino ad una certa età, poi ho rotto tutti i miei schemi, all’improvviso, come sono solita fare io, faccio sempre tutto all’improvviso, scappo via all’improvviso, fuggo, ed i miei più intimi e profondi pensieri rimangono là, sotto, dentro di me, ed io non ho più avuto modo di ascoltarli. Un grandissimo rammarico. Ero, ricordo felice quando scendeva la pioggia ed avevo un libro che amavo sotto di me..

Già.. la mia interiorità, la mia profondità, scavalcati, soppressi da nervi che sono diventati instabili, per tantissimi motivi. Ma oggi.. è così.. mi manco un po’ e dicono che indietro non si torna.. ma io dico e spero di sì, con cautela, con dovizia di particolari, con amore per se stessi, con giudizio nell’agire.. non so ancora.. ma io ci spero di ritrovare i miei pensieri più profondi ancora dentro di me.. è difficilissima la cosa, lo so..

Accendo una sigaretta.. non do’ ovviamente la colpa a nessuno delle mie condizioni psicofisiche, ci mancherebbe! So soltanto che questa mattina il mio cuore è come se piangesse, come se in realtà non lo stessi mai ad ascoltare seriamente. Ecco. Mi manca anche la mia serietà nell’agire nei miei confronti. Il mio cuore sente tanto la nostalgia della mia natura, riflessiva, seria, di una volta. Vorrei tanto tornare indietro nel tempo e tanti errori di valutazione o dettati da impulsi sbagliati fossero dimenticati e ricominciare tutto di nuovo, per il rispetto e amore di quella parte di me stessa che ora non c’è più,  ma che ancora per fortuna ricordo, e forse sono tornata a volermi bene.. Ad avere nostalgia della parte più vera di me..

Così il mio post è terminato.. la pioggia continua a scendere.. dolce come quando le gocce di pioggia rinfrescano tutto dolcemente.. ed io torno a respirare ossigeno.. ed oggi come per incanto e nostalgia mi dedico questa splendida canzone..

smilingdog

Averti tra le braccia è un desiderio..

“Averti tra le braccia è un desiderio.. che m’assal.. canto..

Accendo una sigaretta.. qui.. appoggiata e comincio a scrivere di te.. di me.. di noi..

Sorrido

Fumo una sigaretta..  penso.. occhialini inforcati neri.. vestita di grigio scuro.. comoda seduta su una sedia blu

Sorrido.. e penso a te..

Mi viene anche ogni tanto da ridere da morirne..  alle tue battute! e mi dico che fortuna! averti incontrato!

Era gia tutto previsto? Chi lo sa.. certo non da noi.. ansimanti per un abbraccio forte forte.. io che tremo alla tua voce.. alle tue labbra..  io che tremo.. tremo di te. 

ho poche parole ancora..

Lettera e parole d’Amore soltanto Amore per te.. adorato Amore mio

Bello e..

Artista e poeta..

Dolce e soave come un violino che suona per me.. soave è la tua voce ed il trillo della tua risata che è anche la mia..

Tua vanna

Ti Amo per sempre Amore mio ♡

smilingdog innamorata ♡

 

Quante parole servono? per perdonarsi.. per non ricordare più? per accelerare e vivere..

Oggi scrivo per me, forse come sempre. Ho bisogno di parlare, o forse meglio dire di scrivere. E’ domenica. Fa tanto caldo ed il Silenzio è più insistente. La malinconia accade improvvisa. Tipica di Agosto. Di una domenica che stanca la mente.. ed il corpo. Forse mi manca il mare e le sue dolci acque? Forse un bel bagno al mare rifrancherebbe il mio Spirito in contatto con la Natura. Non vado mai al mare, però. Da tantissimo tempo. Così eccomi qui. Di fronte ad un foglio bianco che assomiglia oggi al silenzio ed al caldo del Deserto. Un foglio senza parole, anch’esso.. come me.. stanco..

Accendo una sigaretta

Provo a pensare qualche cosa..

M’immagino una teglia di Lasagne in riva al mare.. al Tramonto magari e cozze fresche da mangiare in compagnia.. magari anche in compagnia di una Luna piena.. attingo immagini dai ricordi che mi vengono ad aiutare in una domenica per me triste.. così.. altrimenti.. triste..

La domenica.. mamma mia! non la sopporto.. poi Agosto! Dio che mese difficile.. quante cose difficili esistono al mondo solo Dio le conosce veramente.. l’Uomo non può che barcamenarsi, aiutarsi, sopravvivere, respirare…

La sigaretta fuma caldissima anche lei..

Così il pezzo di oggi termina così.. poche parole.. nessun progetto.. all’orizzonte.. stanca richiuderò il pc nuovo e non so che farò.. il tempo di ascoltare una canzone.. di una telefonata che non suona.. il silenzio a volte non perdona.. sembra proprio così.. sembra non saper perdonare..

smilingdog

Mamma si sposa con papà!

Cari ragazzi mamma oggi si è sposata con papà! Oggi è un giorno pieno di gioia per me nel mio cuore che mio padre definisce di panna montata con del caffè bianco che spunta da un filo di perle di giada.. già la rugiada di un giorno di Festa! La festa del Papà ma anche della Mamma ed io oggi divento sposa.. eh già quanto è difficile spiegare che cos’è l’Amore con la A maiuscola? Quante volte ho sbagliato ma se seguo il mio sogno ed il mio Sogno insegue le onde di un mare spumeggiante di alte maree che ci posso fare per chi non Crede? nell’Amore.. eh già.. che qualità ridere di gusto in una nuvola blù color del pesto color di un fiocco rosa la poesia che diventa realtà..

Dicevo era solo un Anno fa ed ancora non ti ho dimenticato mio Tic Toc che suona la campanella d’allarme del mio cuore il tuo nome non farò ma tu sai a chi dirò tutti i sogni miei che sei tu il centro dei pensieri miei.. bussò alla porta un topolino tutto gelato aveva freddo freddo e l’ho subito amato..

questa è la storia di un Re che ama forse o per fortuna me.. un amore sbagliato? No, un Amore che naviga forte vince le tempeste vince il mondo, vince le mie turbe e mi vizia con le coccole coccole coccole..

il mio Topolino è un re inglese di origine.. non lo so.. so che Tic Toc suona a festa ogni volta che suona e vola..

Sorride ora il mio cuore.. O Signore mio dolce Signore .. grazie dal mio povero cuore.. ricco di gioia di speranza e di Amore .. Grazie Gesù!

Il mio Amore vince le tempeste e le ruote vince ha vinto le catene ha sciolto le tempeste ha asciugato le mie lagrime e.. mamma ha scelto papà ha scelto .. ci siamo scelti per sempre…

smilingdog si è sposata! 🙂 ❤

smilingdog